Aeron Greyjoy

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Greyjoy coat sigil.png
Aeron Greyjoy
Greyjoy coat sigil.png
Aeron Greyjoy.jpg
Aeron Greyjoy © Amoka

Alias

Capell Bagnati
Aeron Capelli Bagnati

Titoli

Sacerdote del Dio Abissale

Affiliazione

Casa Greyjoy
Uomini Annegati

Cultura

Isole di Ferro

Nato

a Pyke

Libri

Lo scontro dei re – Apparizione
Il banchetto dei corvi – PdV
La danza dei draghi – Menzionato
The Winds of Winter - PdV

Aeron Greyjoy è il più giovane dei figli del defunto lord Quellon Greyjoy e lady Sunderly, fratello minore di lord Balon Greyjoy. Dopo un’esperienza pre-morte durante la Ribellione dei Greyjoy, Aeron diventa un sacerdote del Dio Abissale e viene soprannominato Capelli Bagnati. Diventa un personaggio con PdV in A Feast for Crows (Il dominio della regina, L’ombra della profezia).


Indice

Aspetto e carattere

Aeron è alto e magro con ardenti occhi neri e il naso a becco. [1] Indossa le tonache verdi, azzurre e grigie della fede del Dio Abissale. Non si taglia mai i capelli e la barba, i quali ora gli arrivano alla vita e sono intrecciati a delle alghe [2]. Porta sempre con sé una fiasca d’acqua salmastra che usa per benedire chi lo desidera. La sua trasformazione l’ha reso più devoto al Dio Abissale: Aeron ora è un uomo cupo, privo di senso dell’umorismo che vede ogni respiro come un dono sprecato se non usato per celebrare le virtù della fede del Dio Abissale. Aeron ha molto rispetto per i fratelli Balon e Victarion, ma ha paura di Euron. [2] [3]


Storia

Aeron è il più giovane dei fratelli Greyjoy. A sedici anni si definisce un uomo, ma in realtà è solo un volgare ubriacone, che passa il tempo a cantare, ballare, suonare la cornamusa, fare il giocoliere e andare a cavallo. Beve moltissimo e dice che nessun’uomo può pisciare più a lungo e più lontano di chiunque altro: una volta scommette la sua nuova nave per un gregge di capre sostenendo di poter spegnere un focolare urinandoci sopra, vince la scommessa e mangia capre per un anno intero. [2] Durante la ribellione di suo fratello, Aeron saccheggia le coste del Continente Occidentale insieme ai fratelli Euron e Victarion. Aeron rischia di annegare quando la sua nave affonda a largo di Isola Bella: la flotta degli Uomini di Ferro cade nella trappola architettata dal Maestro delle Navi del tempo, lord Stannis Baratheon ed è proprio la nave di Stannis, la Furia, a spaccare in due la nave di Aeron. Il ragazzo viene dato per disperso, ma riesce a raggiungere la riva, dove alcuni pescatori lo trovano e lo portano a Lannisport in catene. Aeron passa il resto della ribellione come prigioniero dei Lannister, e alla fine viene rimandato alle Isole di Ferro. Aeron è cambiato: la sua esperienza quasi mortale gli ha provocato un risveglio spirituale che lo porta a dedicare la sua vita all’adorazione del Dio Abissale. Il suo carattere si indurisce, disprezza l’umorismo e diventa ascetico. Aeron decide di vivere da eremita sulla spiaggia, diffondere la parola del suo dio e diventa famoso con il suo nuovo nome, Capelli Bagnati. I suoi seguaci, chiamati Uomini Annegati, seguono i suoi ordini senza contestarlo e diventa velocemente un sacerdote rispettato da tutti gli abitanti delle Isole. [2] Aeron ha paura del fratello Euron per ragioni ancora sconosciute, ma viene suggerito che sia stato molestato sessualmente da bambino. Ha ricordi e incubi ricorrenti riguardo una porta con cardini di ferro che cigolano che associa a Euron. [3] Aeron si sente tutt’ora colpevole per la morte di un altro suo fratello, Urrigon, morto per un’infezione dovuta a una ferita che il ragazzo ha subito mentre giocava alla danza delle dita, un gioco di destrezza con le asce tradizionale nelle Isole di Ferro. [2]

Eventi recenti

Lo scontro dei re

Aeron by Patrick McEvoy

Nelle prime fasi della Guerra dei Cinque Re, Aeron viene mandato ad accogliere il nipote Theon appena tornato a Pyke per discutere con il padre un’alleanza con Robb Stark. Aeron accoglie freddamente il nipote e lo battezza per risvegliare in lui la fede del Dio Abissale. [1]. Quando Balon rifiuta l’offerta di Robb e attacca il Nord, Aeron viene incaricato di accompagnare Theon a saccheggiare la Costa Pietrosa come diversivo. [4]. Gli uomini di ferro catturano Benfred Tallhart: quando il prigioniero rifiuta di rispondere alle domande che Aeron e Theon gli pongono, Aeron ordina al nipote di annegarlo. Dopo la prima razzia, Theon decide di attaccare Grande Inverno, Aeron continua le razzie e prosegue verso il villaggio successivo. [4]


Il banchetto dei corvi

Dopo aver finito di razziare la costa, Aeron torna alle Isole di Ferro dove riprende i suoi doveri sacerdotali fino a quando non viene a sapere della morte di Balon e del ritorno del fratello Euron, che avanza i diritti di successione sul Trono del Mare. Temendo che Euron potrebbe portare alla rovina degli uomini di ferro, Aeron usa la sua influenza di sacerdote del Dio Abissale per invocare un’Acclamazione di Re e scegliere il successore di Balon.[2] Aeron spera così di incoronare il fratello Victarion che seguirà le vie tradizionaliste e conservative di Balon. La sera prima dell’Acclamazione incontra Euron e si vergogna di essere fuggito ancora al cospetto del fratello, come se fosse ancora il ragazzo debole e peccatore di un tempo. [3] Il piano però fallisce dato che Euron riesce a salire sul trono. [5] Aeron allora promette a Victarion che proverà a far ribellare gli uomini di ferro per detronizzare “l’infedele” Euron e scompare il giorno dopo l’Acclamazione. La sorte di Aeron è sconosciuta. [6]


La danza dei draghi

La nipote di Aeron, Asha, dice a Tristifer Botley che nessuno ha più visto Capelli Bagnati dall’Acclamazione, ma i suoi Uomini Annegati sostengono che si stia nascondendo a Vecchia Wyk e che presto ritornerà per invocare la furia del Dio Abissale su Euron e i suoi seguaci. Anche Erik Spezzaincudini, reggente delle Isole di Ferro in assenza di Euron, sta cercando Aeron dando la caccia agli Annegati. Tristifer sospetta che Euron abbia tagliato la gola a Capelli Bagnati e che la ricerca di Erik sia solo una farsa per far credere agli uomini di ferro che il sacerdote sia fuggito. [7]


Famiglia

Sconosciuto di
Casa Stonetree
 
 
 
Quellon
 
 
 
 
 
Sconosciuto di
Casa Sunderly
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sconosciuto di
Casa Piper
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Balon
 
Alannys
Harlaw
 
Euron
'Occhio di Corvo'
 
Victarion
 
Urrigon
 
Aeron
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Harlon
 
Quenton
 
Donel
 
Rodrik
 
Maron
 
Asha
 
Theon
 
 
 
 
 
 
Robin
 


Citazioni di Aeron

Che ciò che è morto non muoia mai, ma che possa risorgere, più duro e più forte.
Aeron a Theon Greyjoy [1]


Ero giovane in quei giorni. Giovane e fatuo. È stato il mare a portarsi via le mie follie e la mia fatuità. L'uomo che tu ricordi è annegato, nipote. I suoi polmoni si sono riempiti d'acqua salata e i pesci hanno divorato le squame che oscuravano i suoi occhi. Quando tornai a risorgere, potevo vedere con chiarezza.
Aeron a Theon Greyjoy [1]


La verità giace nelle nostre ossa, perché la carne imputridisce mentre le ossa permangono.
[2]


«Ascoltate! Ascoltate le onde! Ascoltate il dio! Egli ci parla, e dice: "Non avrete altro re se non colui che sarà scelto da un’Acclmazione di Re!"
Aeron a Pebbleton [2]


«Gli uomini di Ferro saranno le onde. Non i gran signori, ma il semplice popolo, coloro che coltivano la terra e pescano. I comandanti e i re hanno eletto Euron, ma saranno gli umili ad abbatterlo. Andrò a Grande Wyk, a Harlaw, a Orkmont, a Pyke stessa. La mia parola verrà udita in ogni villaggio e in ogni città. Un uomo senza dio non può sedere sul Trono del Mare
Aeron a Victarion Greyjoy [6]


Citazioni su Aeron

Per gli dei, quanto è diventato tetro quest’uomo.
Riflessioni di Theon Greyjoy [1]


«Balon era folle, Aeron lo è ancora di più ed Euron è il più folle di tutti»

Baelor Blacktyde a Victarion Greyjoy [3]


Fonti e Note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti