Approdo del Re

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Approdo del Re
Kingslanding.png
Approdo del Re by michaeldaviniart©

Posizione

Terre della Corona, Continente Occidentale

Tipo

Capitale

Popolazione

500.000 approssimativamente

Regnanti

Re degli Andali e dei Primi Uomini (Casa Baratheon di Approdo del Re)

Religione

Culto dei Sette Dèi

Protezione Militare

Guardia Cittadina

Fortezza

La Fortezza Rossa, all'interno della quale si trova il Trono di Spade

Fondatore

Aegon I Targaryen

Data di Fondazione

1 CA

Approdo del re è la capitale dei Sette Regni ed è posizionata nella zona orientale del Continente Occidentale nelle Terre della Corona. Si trova lungo la Strada del Re alla foce del Fiume delle Acque Nere e si affaccia sulla rispettiva baia. E' il luogo in cui si trova il Trono di Spade, all'interno della Fortezza Rossa che è la sede reale. All’inizio della serie de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, il Trono appartiene a Robert Baratheon della Casa Baratheon di Approdo del Re.

La città è circondata da alte mura protette dalla Guardia Cittadina, conosciuta anche come “Cappe Dorate” a causa della loro divisa che comprende, appunto, una cappa dorata. Approdo del Re è una cittadina molto popolosa, ma sgradevole e povera se paragonata ad altre città. Il popolino ha costruito nel corso degli anni diverse baracche fuori dalle mura. L’odore dei rifiuti della città può essere sentito anche parecchi minuti prima di raggiungerla. E’ il porto principale dei Sette Regni, in competizione solo con quello di Vecchia Città. [1] Cittadine vicine sono Rosby e Duskendale a nordest e Tumbleton a sudest, mentre il Bosco del Re si trova a sud della capitale, al di la del Fiume delle Acque Nere.[2]

Indice


Storia

Fondazione

Prima della Guerra di Conquista, l’area attorno alla futura Approdo del Re era composta principalmente da colline e foresta, con solo un gruppo di pescatori situati a nord del Fiume delle Acque Nere. [3] Storicamente, la foce delle Acque Nere viene reclamata da un centinaio di re, dall’Altopiano, passando per le Terre dei Fiumi, fino alle Terre della Tempesta. [4] Trecento anni prima dell’inizio della serie, Aegon il Conquistatore della Casa Targaryen conduce il suo esercito da Roccia del Drago fino alla foce del Fiume delle Acque Nere, costruendo la sua prima fortezza in legno e fango, Forte Aegon, [5] al culmine della collina più alta. Successivamente, quando Aegon completa la sua conquista, decide di costruire la capitale del suo regno attorno a quel fortino, in quanto meglio posizionata rispetto alle altre città e non appartenente a nessuno dei Sette Regni. Così facendo, allontana anche il re dai suoi vassalli, donandogli più prestigio.
Il "Trono di Spade" by derekpotter©

Con il tempo, la città viene espansa dai re Targaryen. La Fortezza Rossa viene completata durante il regno di Maegor il Crudele, il Grande Tempio di Baelor viene costruito per mostrare la pietà dei Targaryen e la loro conversione al Culto dei Sette dopo aver abbandonato il culto degli antichi dei di Valyria, la Fossa dei Draghi viene costruita come dimora dei Draghi dei Targaryen.


La Danza dei Draghi

Durante la guerra civile conosciuta come Danza dei Draghi, la città cade sotto l’invasione di Rhaenyra Targaryen e i suoi neri. Successivamente, nel 130 CA, una rivolta scoppia contro il governo di Rhaenya, culminando con l’Assalto alla Fossa del Drago, la morte di cinque draghi Targaryen e di centinaia di persone e la distruzione della Fossa dei Draghi. [6]


Ribellione dei Blackfyre

Durante la Ribellione dei Blackfyre, l’esercito di Daemon Blackfyre, fratellastro di Re Daeron II Targaryen, minaccia Approdo del Re ma viene fermato dalla battaglia sul campo rosso sangue.


Grande epidemia di primavera

Quando la Grande Epidemia di Primavera colpisce il Continente Occidentale, quattro su dieci abitanti vengono uccisi dal morbo. Pire funerarie vengono poste nelle rovine della Fossa dei draghi e bruciano senza fermarsi per molto tempo, colorando il cielo di un verde innaturale, simile a quello dell'Altofuoco.


La Ribellione di Robert

Durante la guerra civile conosciuta come la Ribellione di Robert o Guerra dell’Usurpatore, Re Aerys II Targaryen pensa di bruciare completamente la città per “salvarla” dai ribelli. Approdo del Re viene saccheggiata poco dopo da un gruppo di uomini guidati dall’ex Primo Cavaliere del Re, Lord Tywin Lannister. Robert Baratheon diventa il nuovo re sul Trono di Spade, creando la Casa Baratheon di Approdo del Re.

Viene indetto un torneo in celebrazione del dodicesimo giorno del nome del primo figlio di Robert, il principe Joffrey.


Eventi Recenti

Il gioco del trono

A seguito dell’improvvisa morte di Lord Jon Arryn, Lord Eddard Stark raggiunge Approdo del Re dove sostituirà Jon come Primo Cavaliere del Re Robert Baratheon. Il fratello di Robert, Stannis Baratheon, lascia la capitale per tornare alla sua sede di Roccia del Drago. Il Torneo del Primo Cavaliere viene svolto in città in onore di Ned Stark, il quale però non approva questa stravaganza, considerandola eccessiva per le finanze reali.

Ned comincia a investigare sulla morte di Jon Arryn e scopre che i figli della regina Cersei Lannister non sono figli di Robert, ma del fratello gemello di lei, Ser Jaime Lannister. Dopo la morte di Robert, Cersei fa imprigionare Ned con l’accusa di tradimento e cospirazione contro il principe Joffrey Baratheon, ora prossimo all'incoronazione. Con stupore del Concilio Ristretto, Joffrey ordina l’esecuzione di Ned sui gradini del Grande Tempio di Baelor subito dopo che questo aveva ammesso le sue colpe e gli era stato concesso di prendere il nero. Entrambe le giovani figlie di Ned, Sansa e Arya, assistono alla decapitazione. Mentre Arya, nascosta tra la folla riesce a scappare, Sansa rimane prigioniera dei Lannister. Dato che Lord Tywin Lannister è impegnato a combattere contro Robb Stark, manda suo figlio Tyrion ad Approdo del Re per esercitare in sua assenza il ruolo di Primo Cavaliere del re di Joffrey Baratheon.


Lo scontro dei re

Un altro torneo si svolge nella città, questa volta in onore del tredicesimo giorno del nome di Joffrey Baratheon. Durante la Guerra dei Cinque Re, Approdo del Re viene esclusa dai commerci e dai rifornimenti dal blocco imposto da Mace Tyrell, schierato con la pretesa di Renly Baratheon. Questo blocco causa una pesante carestia e una rivolta durante la quale l’Alto Septon viene ucciso. La città viene successivamente presa d’assalto da Re Stannis Baratheon durante la Battaglia delle Acque Nere, ma il regno di Joffrey viene messo in salvo dall’arrivo di Lord Tywin Lannister e il suo nuovo alleato, Mace Tyrell, legatosi alla causa di Re Joffrey dopo la morte di Renly.


Tempesta di Spade

Il mastro fabbro della città, Tobho Mott, forgia due spade in Acciaio di Valyria con l’acciaio di Ghiaccio, la spada di Lord Eddard Stark, per Lord Tywin. [1]
Veduta della "Fortezza Rossa" nella serie tv HBO

Re Joffrey sposa Margaery Tyrell nel Grande Tempio di Baelor, ma muore durante il ricevimento all’interno della Fortezza Rossa.[7] Viene succeduto dal fratello minore, Tommen Baratheon.


Il banchetto dei corvi

La regina Cersei Lannister serve come reggente del giovane re Tommen. Decide di distruggere la Torre del Primo Cavaliere con l’Altofuoco, per limitarne l’importanza. [8] I timorati passeri si dirigono verso la capitale per mostrare il loro supporto verso il Culto. Con il potere al massimo livello dopo l’incarcerazione di Margaery da parte del Culto, Cersei permette a Lord Aurane Waters, il Maestro della Flotta, di produrre una nuova flotta reale in una dimostrazione di forza. Ciò nonostante, Aurane abbandona Approdo del Re una volta che Cersei stessa viene arrestata per le stesse accuse che aveva rivolto alla giovane Margaery Tyrell. [9]


La Danza dei Draghi

Come espiazione per i crimini commessi e confessati da Cersei, alla donna viene imposto di attraversare la città partendo dal Grande Tempio di Baelor fino alla Fortezza Rossa in una processione di purificazione mentre il popolino la osserva. [10]


La Città

La città è approssimativamente di forma quadrata lunga diversi chilometri, ed è difesa da alte mura. Ci sono sette accessi alla città: Porta del Drago, Porta del Leone, Porta del Fango, Porta Vecchia, Porta degli Dèi, Porta del Re e Porta di Ferro. All’interno delle mura la città è dotata di diverse abitazioni, pergolati, granai, magazzini, taverne, bancarelle, locande per la notte, cimiteri e bordelli. Esiste persino un mercato del pesce e centinaia di banchine si trovano al porto. Le strade sono larghe, costeggiate di piante e ramificate con stretti vincoli. [3] Vicino alla Porta del Fango si trovano tre trabucchi chiamati le Tre Puttane: una recente aggiunta alla difesa della città. [11][1]

La città copre la costa nord del Fiume delle Acque Nere e tre alte colline nominate in onore di Aegon e delle sue sorelle, Visenya e Rhaenys. L’alta collina di Aegon, sopra la quale è posizionata la Fortezza Rossa, il castello reale collocato nella porzione sud-est della città, ha la visuale diretta verso il porto, mentre la Collina di Visenya si trova a ovest ed è coronata dalla grande costruzione marmorea del Grande Tempio di Baelor e dalle sue sette torri di cristallo. La Collina di Rhaenys, a nord, è sormontata invece dalle rovine della Fossa dei Draghi le cui pesanti porte in bronzo sono chiuse da quando l’ultimo drago morì, circa un secolo e mezzo fa. [3]

Mappa ufficiale di "Approdo del Re" da fantasticmaps.com

I più poveri risiedono nel quartiere denominato Fondo delle Pulci, un labirinto di vicoli e strade strettissime dove numerosi senzatetto intasano le strade chiedendo elemosina. I loro pasti quotidiani consistono una zuppa marrone, uno stufato misterioso che contiene carne di ratto e probabilmente anche carne umana, insieme a delle verdure.

Le persone benestanti vivono invece sul versante opposto della Collina di Rhaenys. Secondo fonti semi ufficiali, l’area più ricca di Approdo del Re, sarebbe quella che si trova nei pressi della Porta Vecchia. [12]

I tornei più importanti vengono svolti fuori dalla città, vicino al Fiume delle Acque Nere [13].


Le Porte della Città

Sette è il numero sacro del Culto dei Sette Dèi, ed è la ragione per cui Aegon il Conquistatore fece costruire sette gigantesche porte per entrare nella capitale. Ognuna di queste porte è protetta da delle grate, pesanti portali e guardie armate.


Luoghi degni di nota


Strade, quartieri e simili

Vedi anche Mappa di Approdo del re da A Clash Of Kings (Il Regno dei Lupi, La Regina dei Draghi)

  • La “Strada delle Sorelle”, vicino alle pendici della collina di Visenya. Sotto di questa si trova l’Ordine degli Alchimisti. [15] Attraversa lo spazio tra la Collina di Visenya e quella di Rhaenys dritta come una freccia. Da qui deriva il suo nome. [16]
  • La “Strada dell’acciaio”, dove la maggior parte dei fabbri ha le sue forge. Inizia dalla piazza dietro la Porta del Fiume e sale lungo la Collina di Visenya. Più in alto sale, più la merce nelle botteghe è costosa. Al culmine della via si trova il negozio del mastro fabbro di Approdo del re, Tobho Mott. [17]
  • La “Strada della farina”, dove si trovano numerose panetterie. Sotto la strada, si trova un labirinto di vicoli e stradine intricate. [14]
  • La “Strada della seta”, strada su cui si affacciano i bordelli. [18]
  • La “Via di Eel”, posizionata lungo la Collina di Visenya, una locanda sia affaccia sulla strada.
  • La “Via dei maiali in fuga”, dove alti edifici hanno piani superiori talmente inclinati da arrivare quasi a toccarsi con quelli posizionati dirimpetto. [19]
  • Il “Vicolo delle ombre nere”, una via tortuosa che ha inizio nel castello settentrionale della Fortezza Rossa e prosegue fino alle pendici della Collina di Aegon. [20] [19]
  • La “Strada dei macellai”, una via gremita di apprendisti. [21]
  • La “Strada fangosa”, una strada che parte da Piazza della pescheria. [21]
  • La “Via dei Rammendi” luogo in cui Lollys Stokeworth viene trovata vagante prima di una conceria, dopo essere stata stuprata una cinquantina di volte durante la Rivolta di Approdo del re. [21]
  • La “Piega del piscio”, una strada che probabilmente si trova nel quartiere del Fondo delle Pulci. Da qui proviene il Principe delle Latrine. L’acqua delle fogne e quindi i flussi corporei scorrono lungo questa strada. [21]
  • La “Strada delle Sementi” - strada
  • La “Via dei Ramaioli” – strada
  • “Lungofiume” – strada
  • L’ ”uncino” – strada
  • La “Piazza dei ciabattini”
  • La “Piazza della pescheria”.


Popolazione

Approdo del Re è una città estremamente popolosa, ma parecchio sporca e sgradevole se paragonata alle altre città. Secondo una stima indicativa, la sua popolazione conta più di 500.000 persone [22], sebbene vari di molto durante gli inverni e le guerre, quando alcune persone chiedono riparo all’interno delle mura. George R. R. Martin ha sostenuto che la città è più grande di Parigi o Londra in età medievale, ma più piccola della Costantinopoli dello stesso periodo o della Roma dell’età antica (ognuna con circa un milione di abitanti) [23].


Militari

La Guardia Cittadina di Approdo del Re, i cui membri sono anche chiamati "Cappe Dorate", è l’organismo militare maggiore di Approdo del Re. Ha il dovere di proteggere e tenere in regola la città e il vicinato. Conta una forza di più di duemila uomini, in crescita durante i periodi di guerra. La marina reale è a guardia dell’entrata alla Baia del Fiume delle Acque Nere e protegge la stessa e il fiume.


Citazioni

«C’è almeno uno, in questa città maledetta, che non sia l'informatore di qualcun altro?»
Eddard Stark


Erano veramente topi di fogna, infilati su uno spiedo e cotti alla brace, e i topi freschi erano certamente meglio di vecchi topi in putrefazione. [24]
Tyrion Lannister


«Fumo, sudore e merda. Ovvero, Approdo del Re. Se hai un buon naso, dovresti riuscire a sentire anche l'odore dei complotti. »[25]
Jaime Lannister



Capitoli ambientati ad Approdo del Re


Fonti e Note

  1. 1,0 1,1 1,2 Tempesta di spade, Capitolo 32, Tyrion.
  2. The Lands of Ice and Fire
  3. 3,0 3,1 3,2 3,3 Il gioco del trono, Capitolo 18, Catelyn.
  4. So Spake Martin: Chicon 7 Reading
  5. "King's Landing" entry in A World of Ice and Fire
  6. The Princess and the Queen
  7. Tempesta di spade, Capitolo 60, Tyrion.
  8. Il banchetto dei corvi, Capitolo 19, The Drowned Man.
  9. Il banchetto dei corvi, Capitolo 43, Cersei.
  10. La danza dei draghi, Capitolo 65, Cersei.
  11. Lo scontro dei re, Capitolo 49, Tyrion.
  12. A Game of Thrones RPG and Resource Book
  13. Il gioco del trono, Capitolo 29, Sansa.
  14. 14,0 14,1 Il gioco del trono, Capitolo 65, Arya.
  15. Lo scontro dei re, Capitolo 20, Tyrion.
  16. Il gioco del trono, Capitolo 67, Sansa.
  17. Il gioco del trono, Capitolo 27, Eddard.
  18. Il banchetto dei corvi, Capitolo 8, Jaime.
  19. 19,0 19,1 Lo scontro dei re, Capitolo 29, Tyrion.
  20. Lo scontro dei re, Capitolo 15, Tyrion.
  21. 21,0 21,1 21,2 21,3 Lo scontro dei re, Capitolo 41, Tyrion.
  22. Tempesta di spade, Capitolo 38, Tyrion.
  23. So Spake Martin: Geography
  24. Lo scontro dei re, Capitolo 3, Tyrion.
  25. Tempesta di spade, Capitolo 62, Jaime.



Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti