Balon Greyjoy

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Greyjoy coat sigil.png
Balon Greyjoy
Greyjoy coat sigil.png
250px-Balon Greyjoy.jpg
Balon Greyjoy © Amoka

Alias

Balon il Coraggioso
Balon il Benedetto
Balon il Coronato due volte
Il re kraken

Titolo

Balon nono del suo nome dai tempi del Re Grigio
Re delle Isole di Ferro e del Nord
Re del Sale e della Roccia
Figlio del vento di mare
Lord possessore di Pyke
Re di Ferro
Capitano della Grande Kraken

Affiliazione

Casa Greyjoy

Cultura

Uomini di ferro

Nato

a Pyke

Morto

nel 299 AA a Pyke

Libro/i

Lo scontro dei re - Appare
Tempesta di spade - Menzionato
Il banchetto dei corvi - Menzionato

Serie TV

Stagione 2
Stagione 3

Interpretato da

Patrick Malahide

Balon Greyjoy è il capo della Casa Greyjoy di Pyke, lord delle Isole di Ferro e capitano della Grande Kraken. È un seguace dell’Antica Via degli Uomini di Ferro e desidera restituire al suo popolo l’importanza che aveva in passato. Ha tre fratelli minori: Euron, Victarion e Aeron. Nel 289AA proclama l’indipendenza delle Isole di Ferro dal Trono di Spade, ma viene sconfitto dalle forze guidate da re Robert Baratheon. È sposato con Alannys Harlaw, da cui ha quattro figli: Rodrik, Maron, Asha e Theon. Il loro non è mai stato un matrimonio felice e col passare degli anni, Balon si è sempre più distaccato dalla moglie. Nella serie tv è interpretato da Patrick Malahide.


Indice


Aspetto e Carattere

La personalità di Balon rispecchia molto quella della sua gente: è testardo, impavido e aggressivo, non scende a compromessi neanche quando si tratta della sua famiglia e la sua fede nell’Antica Via è assoluta.

Balon è sempre stato magro, ma durante le vicende della Guerra dei Cinque Re ha un aspetto emaciato. Ha i lineamenti duri, gli occhi neri e i capelli grigi lunghi fino alle spalle. [1]

Storia

Balon è il primogenito di lord Quellon Greyjoy, precedente signore di Pyke e della sua seconda moglie, una donna di Casa Sunderly. La data di nascita è sconosciuta. Dopo la morte dei suoi fratellastri nati dal primo matrimonio di lord Quellon, Balon diventa di fatto l’erede di Pyke.

Balon impara ad andare per mare da giovanissimo ed è da subito un ottimo capitano e un esempio da seguire per la cultura degli Uomini di Ferro: a dieci anni scala le Scogliere della Silice fino al torrione stregato del lord Cieco, a tredici è già un esperto rematore e a quindici parte alla volta di Scala di Pietra insieme a Dagmer Mascella spaccata per compiere razzie. In quell’occasione uccide il suo primo uomo e prende le sue prime due mogli del sale. A diciassette anni già comanda la sua nave lunga ed è famoso per la sua ferocia e il suo coraggio. [2]

Diventa lord delle Isole di Ferro a seguito della morte del padre durante una razzia. Tornato a Pyke scopre che Urrigon, uno dei suoi fratelli minori, è morto a causa di una ferita infetta che si era procurato giocando alla Danza delle dita: il maestro cerca di salvare il ragazzo usando delle pozioni, anziché disinfettare la ferita con l’acqua di mare come si usava sulle Isole. Balon obbliga allora la matrigna, terza moglie di suo padre, ad amputare le dita dell’uomo con una mannaia da macellaio, per poi curarlo con le stesse pozioni che si erano rivelate inutili per Urrigon. Il maestro muore poco dopo per l’infezione. [2]


La Ribellione dei Greyjoy

Nel passato gli Uomini di Ferro osservavano l’Antica Via, che prevedeva di compiere razzie a discapito dei più deboli, uccidere e riportare alle Isole di Ferro numerosi prigionieri che diventavano poi servi (gli uomini) o mogli del sale (le donne). Acquistare gioielli era concesso solo alle donne, mentre era un disonore per gli uomini in quanto dovevano rubarli ai più deboli (“pagando il prezzo del ferro”). Gli Uomini di ferro erano riusciti a conquistare gran parte del Continente Occidentale e, al momento della loro massima espansione, controllavano le Terre dei Fiumi, Isola dell’Orso, Arbor e gran parte della costa occidentale. La Guerra di Conquista, fa perdere loro indipendenza, conquiste territoriali e il diritto di poter saccheggiare le regioni costiere del Continente Occidentale.

Balon ha sempre desiderato riportare gli Uomini di Ferro alla loro antica gloria. Rimane neutrale durante la ribellione di Robert Baratheon, osservando con distacco la fine della dinastia dei Targaryen. Nove anni dopo l’ascesa al trono di Robert, Balon ne approfitta per dichiarare l’indipendenza delle Isole di Ferro credendo, erroneamente, che la nuova dinastia reale fosse ancora troppo debole per ricevere il sostegno delle altre casate. Balon si incorona dunque Re delle Isole di Ferro.

L’attacco alla flotta dei Lannister, ideato da Euron, ma attuato da Victarion, segna l’inizio della ribellione. La flotta di Tywin Lannister viene distrutta ancora prima che abbia la possibilità di salpare, ma la vittoria di Balon ha vita breve. La Flotta di Ferro viene distrutta da Stannis Baratheon e anche la sua famiglia viene pesantemente colpita. Il suo primogenito ed erede, Rodrik, muore durante l’attacco a Seagard, Maron, suo secondo figlio, muore invece durante l’Assedio di Pyke. Balon è costretto ad accettare la sconfitta e giurare di nuovo fedeltà a Robert Bartheon: viene obbligato, inoltre, ad affidare il suo ultimo figlio Theon a Eddard Stark, ufficialmente come protetto, ma in realtà come ostaggio per evitare future ribellioni.

Nel 297AA Balon è costretto ad esiliare Euron dopo che quest’ultimo seduce e feconda la moglie di Victarion: per evitare spargimenti di sangue tra i due fratelli, Euron viene cacciato con l’ordine di non tornare fino alla morte dello stesso Balon. [3]

Eventi Recenti

Lo scontro dei re

Patrick Malahide nel ruolo di Balon Greyjoy

Nonostante la sconfitta, Balon non accantona mai il sogno di diventare re delle Isole di Ferro e vede nello scoppio della Guerra dei Cinque Re una nuova opportunità di imporre l’indipendenza del suo regno. Balon richiama la flotta e vieta a tutte le navi di passaggio dalle Isole di Ferro, di salpare alla volta del Continente Occidentale per assicurare l’elemento a sorpresa dell’attacco. [1]

Robb Stark, re del Nord, manda Theon Greyjoy a Pyke per trattare un’alleanza contro i Lannister: se Balon sposasse la sua causa, al termine della guerra il giovane Stark gli conferirebbe il titolo di Re delle Isole di Ferro. Balon si sente insultato da questa proposta e la rifiuta, asserendo che avrebbe pagato il prezzo del ferro per avere la sua corona. Decide quindi di far partire l’attacco contro il Nord mandando la figlia Asha alla conquista di Deepwood Motte e ordina al fratello Victarion di occupare il Moat Cailin, per conquistare l’Incollatura e tagliare ogni via di fuga all’esercito di Robb Stark, impegnato nelle Terre dei Fiumi. Balon fa capire subito a Theon di non fidarsi di lui affidandogli solo una nave per saccheggiare la costa settentrionale, e facendolo accompagnare da Dagmer Mascella spaccata e dal fratello Aeron. [1]

Gli Uomini di Ferro riescono dunque a conquistare numerose roccaforti del Nord, dato che la maggior parte dei soldati sono partiti alla volta del sud insieme a re Robb Stark. Tra le nuove acquisizioni ci sono Deepwood Motte, fortezza di Casa Glover, Piazza di Torrhen, di Casa Tallhart e lo stesso Grande Inverno, fortino di Casa Stark, anche se quest’ultimo non rientrava nei piani di Balon.

Balon si proclama nono del suo nome dai tempi del Re Grigio, Re delle Isole di Ferro e del Nord, re del Sale e della Roccia, Figlio del vento di mare e lord possessore di Pyke. È uno dei cinque re che si contendono il dominio di una parte del Continente Occidentale durante l’omonima guerra.


Tempesta di spade

Balon (Patrick Malahide) insieme ai figli Theon e Yara nella serie TV

Balon è uno degli uomini presi in considerazione da Tywin Lannister come eventuale nuovo marito per la figlia Cersei Lannister. Approfittando dell’infelicità del matrimonio con Alannys Harlaw, Tywin rafforzerebbe l’alleanza tra le Isole di Ferro e Approdo del Re, assicurandosi inoltre l’appoggio dei Greyjoy e la loro potenza navale. La prospettiva di Cersei relegata a Pyke entusiasma solo Tyrion Lannister e la proposta viene poi accantonata poiché lo stesso Tywin non vede molti benefici nell’allearsi con i Greyjoy. Dopo aver conquistato il Nord, è lo stesso Balon che invia una proposta di alleanza ad Approdo del Re. La proposta viene però ignorata su suggerimento di Tywin. [4]

Quando Stannis Baratheon decide di fare appello ai poteri di R'hllor affinché elimini gli usurpatori del suo trono, la sacerdotessa rossa Melisandre prepara un rituale prelevando del sangue di Edric Storm con delle sanguisughe. A ogni sanguisuga corrisponde un usurpatore: re Stannis nomina Balon Greyjoy mentre getta la prima nel braciere. [5]

Poco prima delle famigerate Nozze Rosse, re Robb Stark riceve la notizia dell’improvvisa morte di Balon, caduto da uno dei ponti sospesi che collegano le varie parti della fortezza di Pyke. La notte della sua morte imperversava una forte tempesta, ma numerose visioni e il ritorno fin troppo tempestivo di Euron Greyjoy dopo due anni di esilio porta molti a pensare che Balon sia stato ucciso da un assassino ingaggiato proprio dal fratello. [6]


Il banchetto dei corvi

La morte di Balon lascia aperta la questione della successione al Trono del Mare: il re non ha designato ufficialmente un erede, anche se ha più volte confessato al fratello Aeron di voler vedere la figlia Asha sedere sul trono dopo la sua morte. Aeron si oppone a questa decisione perché nessuna donna potrebbe mai governare gli Uomini di Ferro. [2] Secondo le leggi del Continente Occidentale è Theon il legittimo erede di Balon in quanto unico figlio maschio ancora in vita, ma Theon è dato per morto dopo il Sacco di Grande Inverno e Balon l’aveva considerato indegno di ereditare la sua carica. I due candidati prediletti rimangono quindi i fratelli minori di Balon, Euron e Victarion.

Per evitare guerre di successione, nella speranza di incoronare Victarion e saltare così i diritti di successione di Euron, Aeron indice un’Acclamazione di Re. [2] Nonostante gli sforzi di Asha e Victarion, alla fine l’assemblea sceglie come successore Euron, al momento il maggiore dei fratelli di Balon ancora vivi, che promette la conquista dell’intero Continente Occidentale servendosi dei draghi di Daenerys Targaryen. [7]

Citazioni di Balon

Nessun uomo da a me una corona. Io pago il prezzo con il ferro. Io me la prendo, la corona, come Urron Manorossa se la prese cinquemila anni fa.
Balon rifiuta la proposta di alleanza con Robb Stark. [1]


è stato Ned Stark a vestirti a quel modo? Gli è piaciuto addobbarti di sete e velluti, facendo di te la sua delicata figlioletta?
Balon a Theon Greyjoy. [1]



Citazioni su Balon

Balon Greyjoy non è un uomo del quale ci si possa fidare.
Catelyn Tully [8]


Il vecchio re Balon stava percorrendo uno di quei ponti sospesi quando il vento lo ha afferrato e ha distrutto il ponte. Il corpo del re è stato trascinato a riva due giorni dopo, tutto gonfio e coperto di ferite. I granchi gli avevano mangiato gli occhi, ho sentito dire.
Il capitano della Myraham racconta la morte di Balon. [6]


è nato lord ed è morto re, assassinato da un dio geloso.
Aeron Greyjoy [2]


Un uomo coraggioso, ma un pessimo lord.
Asha Greyjoy [9]


Famiglia

Sconosciuto di
Casa Stonetree
 
 
 
Quellon
 
 
 
 
 
Sconosciuto di
Casa Sunderly
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sconosciuto di
Casa Piper
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Balon
 
Alannys
Harlaw
 
Euron
'Occhio di Corvo'
 
Victarion
 
Urrigon
 
Aeron
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Harlon
 
Quenton
 
Donel
 
Rodrik
 
Maron
 
Asha
 
Theon
 
 
 
 
 
 
Robin
 


Fonti e Note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti