Braavos

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Braavos
Città stato, una delle Città Libere
Titan of braavos by zippo514-d5n4epm.jpg
Il Titano di Braavos © Zippo514

Posizione

Continente Orientale, Città Libere

Governo

Signore del Mare di Braavos

Religione

Tutte le religioni del mondo hanno un tempio

Fondazione

500 anni prima della Guerra di Conquista

Luoghi principali

Titano di Braavos, Città annegata, Casa del Bianco e del Nero, Porto Viola, Porto di Ragman, Porto Felice, Tempio dei Cantori della Luna

Organizzazioni

Banca di Ferro di Braavos, Uomini senza Volto, Cantori della Luna

Braavos è la più grande e potente delle nove Città Libere ed è situata in una laguna nella parte nord orientale del Continente Orientale, in un punto dove il Mare Stretto incontra il Mare dei Brividi. [1] La striscia di costa a sud della città, chiamata Costa di Braavos, è considerata dominio della città. [2] Braavos è governata dal Signore del Mare e la città trae il suo potere e la sua ricchezza dal mare.


Indice

Storia

A differenza delle altre Città Libere, Braavos non ha mai fatto parte dell'Impero di Valyria, ma è stata fondata 500 anni prima della Guerra di Conquista da schiavi sfuggiti all'egemonia valyriana guidati dai Cantori della Luna, che si sono stabiliti nella laguna nel tentativo di trovare un posto che li tenesse al sicuro dai draghi di Valyria. [3] Per secoli Braavos è stata chiamata la “Città Segreta” ed era pressoché sconosciuta al resto del mondo: si rivela pubblicamente dopo il Disastro di Valyria, circa 400 anni dopo la sua fondazione. Talvolta Braavos viene chiamata “Il figlio illegittimo di Valyria”. [4]

Durante il Secolo di Sangue, quando Volantis conquista Lys e Myr, Braavos presta a un lyseniano in esilio, una flotta di un centinaio di navi che contribuisce alla sconfitta definitiva di Volantis. [5]

Successivamente, Braavos si scontra con le altre città, soprattutto con Lys, sulle rive della Rhoyne e dei suoi affluenti. [6]

Verso l'anno 200 CA Braavos vince contro Pentos e impone alla città sconfitta un trattato per l'abolizione della schiavitù. [7]


La città

Mappa di Braavos

Braavos si espande sulle centinaia di isole di una laguna. [8] Il continente vicino è prevalentemente paludoso, mentre i lati della città che danno sul mare sono protetti da isole con montagne molto alte che formano un semi-cerchio intorno alla città. La legna viene trasportata in città a bordo di chiatte e i pini che ricoprono le isole più esterne non possono essere abbattuti, dato che fungono da barriera frangivento naturale. [9] C'è solo un canale abbastanza largo e profondo per permettere il passaggio dei vascelli che viaggiano in mare aperto: questo canale è difeso da un'immensa statua, il Titano di Braavos, che funge inoltre da punto di riferimento, fortificazione difensiva e faro. Appena dopo il Titano si trovano la città e l'enorme cantiere navale, l'Arsenale. La città vera e propria è ancora più avanti un grande labirinto di cupole e torri e ponti, grigi, oro e rossi. [3]

Braavos comprende cento isole collegate tra loro da piccoli ponti di pietra sopra i numerosi canali. Non ci sono alberi all'interno della città, solo un agglomerato di edifici in pietra e monumenti di granito. Le strade sono circondate da case in pietra grigia, costruite così vicine da poggiare l'una all'altra: alcune case sono costruite sulle vie d'acqua. Si tratta solitamente di edifici sottili con tetti a punta di mattoni, alti fino a quattro o cinque piani. Al di sopra delle case e dei canali si trova l'acquedotto, detto il fiume d'acqua dolce, che rifornisce la città di acqua potabile proveniente dall'entroterra poiché l'acqua della laguna è salmastra e non adatta a essere bevuta. [3]

Bravos è servita da due porti principali: il Porto Viola, a nord, utilizzato solo dai locali, mentre il Porto di Ragman, a ovest, è il luogo dove attraccano le navi provenienti da tutto il mondo. Tutte le navi devono essere sottoposte a ispezione dagli ufficiali di dogana del Signore del Mare al Porto di Chequy. Sparpagliati in tutta la città si trovano piccoli pontili e approdi per pescatori e traghetti. [3]

A Braavos vengono onorate tutte le divinità. La maggior parte dei templi si trovano sull'isola al centro della città, detta “Isola degli Dèi”: qui si trova il Tempio dei Cantori della Luna, che hanno guidato i primi fondatori della città fino alle isole. Tra gli altri luoghi di culto degni di nota ci sono il tempio del Padre delle Acque, che viene ricostruito ogni volta che il Padre prende una nuova moglie, il tempio del Dio dai Mille Volti, quello di R'hllor, ma anche uno del Culto dei Sette Dèi, chiamato “Tempio al di là del Mare”. Persino le divinità che non hanno seguaci sono onorate in un tempio chiamato Rifugio Sacro, detto anche “Labirinto”. [3]

La città annegata è un'area di Braavos sprofondata nelle acque della laguna, di cui rimangono visibili sopra la superficie solo le torri e le cupole degli antichi edifici. [4]

Al di sotto della città annegata ci sono dei pontili. [10] Tra le aree ricreative della città c'è lo Stagno della Luna, dove spesso la notte duellano i mercenari. [4] Si possono assumere dei guaritori alla Casa delle Mani Rosse. Le migliori locande e i migliori bordelli della città si trovano nei pressi del Porto Viola o dello Stagno della Luna. Vicino al Porto di Ragman si trovano le locande dell'Anguilla Verde, del Boscaiolo Nero, del Reietto, Da Pynto e Da Moroggo; vi sono poi anche la Casa delle Sette Lanterne e il bordello Casa del Gatto. Sotto la seconda arcata del Ponte di Nabbo c'è la Casa della Nebbia, una squallida, sporca bettola in cui possono stare al massimo dieci persone. Tra gli altri edifici ci sono la Nave dei Guitti e Porto Felice. [9] Alla Cantina Macchiata, vicino alla città annegata, si tengono combattimenti tra anguille. [10]

Lungo il canale principale si trovano le statue dei Signori del Mare del passato. Indossano per lo più vesti di bronzo e hanno in mano vari oggetti, tra cui libri, pugnali o martelli. Uno ha tra le mani una stella dorata, mentre un altro una caraffa di pietra capovolta, da cui fuoriesce acqua potabile. [3]

Un'ampia via d'acqua chiamata Canale Lungo porta a sud, al mercato del pesce. Intorno al canale si trovano il Palazzo della Verità, con le cupole verdi e le alte torri squadrate dei Prestayn e degli Antaryon, prima di passare sotto le immense arcate grigie del Fiume dell'acqua dolce, fino al distretto conosciuto come Silty, dove gli edifici sono più piccoli e meno decorati. Il Canale Lungo è spesso pieno di imbarcazioni e barche serpente. [10]


Acquedotto

Braavos nella Serie TV

L'acqua della laguna è salmastra e imbevibile e l'acqua dei canali non è potabile, a meno che non venga prima fatta bollire, [3] per questo è stata necessaria la costruzione di un acquedotto, una struttura in mattoni dalle grandi arcate che i braavosiani chiamano “Fiume dell'acqua dolce” e che si estende verso sud. L'acquedotto porta acqua potabile dall'entroterra, attraversando la terra fangosa e gli acquitrini salmastri. Le case dei ricchi sono collegate all'acquedotto con delle condutture per portare l'acqua direttamente all'interno, mentre i poveri vanno a riempire secchi e otri alle fontane pubbliche. [10]


Porti

La laguna di Braavos è ricca di specie ittiche e molluschi che costituiscono l'alimentazione principale della popolazione. Le isole sono prive di vegetazione. Tra i porti principali ci sono:

  • Il Porto Viola che serve il traffico locale. È situato nella zona nord della città, sotto le cupole e le torri del Palazzo del Signore del Mare.
  • Il Porto degli Stracci, che serve il traffico proveniente da tutto il mondo. È situato nella zona occidentale della città ed è più povero, sporco e rumoroso del Porto Viola. [4] Molte persone si guadagnano da vivere nei dintorni del Porto di Ragman, tra cui facchini, guitti, fabbricanti di corde, riparatori di vele, tavernieri, birrai, panettieri, mendicanti e prostitute.
  • Il Porto di Chequy, dove gli agenti doganali del Signore del Mare ispezionano le navi in arrivo. Le ispezioni possono durare anche mezza giornata. [3]


Isola degli Dèi

Sull'Isola degli Dèi si trovano:

  • La Casa del Bianco e del Nero, tempio del Dio dai Mille Volti e quartier generale degli Uomini senza Volto.
  • Il Tempio dei Cantori della Luna, il tempio più grande e frequentato, costruito in marmo bianco e sormontato da una cupola d'argento. Ha le finestre bianco latte che mostrano le fasi lunari. Ai lati dell'ingresso ci sono due statue di marmo di fanciulle.
  • Il Tempio di R'hllor, in pietra rossa. Possiede una grande torre squadrata sulla cui cima è situato un braciere largo venti piedi con un fuoco sempre acceso. Le porte sono fiancheggiate da bracieri accesi.


Ponti

  • Un ponte di pietra intagliata decorato con una cinquantina di tipi di pesci, granchi e calamari.
  • Un ponte intagliato con rigogliosi rami di vite intrecciati.
  • Un ponte dipinto con migliaia di occhi disegnati.
  • Il Ponte Insanguinato, che conduce al limitare della Città Annegata. Potrebbe essere uno dei tre ponti sopra descritti.


Canali

  • Un grande canale con acqua verdastra, attraversa il cuore della città.
  • Canali minori che si collegano in quello più grande.
  • Molti canali piccoli con case ravvicinate.


Cultura

Braavos e le Città Libere

Braavos ha una cultura mercantile e marinara. Gli scafi delle navi braavosiane sono dipinti di viola e i mercantili raggiungono terre distanti, riportando a casa merci e ricchezza. [3] Le vele viola di Braavos sono famose fino ad Asshai e le isole del Mare di Giada. [11]

Braavos è conosciuta anche per le sue società finanziarie: la Banca di Ferro di Braavos concede prestiti ai paesi stranieri, tra cui ai Sette Regni. [12]

La città è famosa in tutto il mondo anche per le cortigiane. Ogni cortigiana ha la sua barca e servitori che lavorano per lei. La bellezza delle cortigiane ha ispirato molte canzoni: vengono sommerse di regali da gioiellieri e artigiani per avere i loro servizi, nobili e ricchi mercanti pagano loro una grande quantità di denaro per averle accanto agli eventi ed è risaputo che i mercenari si uccidono tra loro in nome delle cortigiane. [4]

La cultura di Braavos ha generato uno stile di combattimento con la spada unico, la Danza dell'Acqua: questo stile è una forma raffinata di scherma nel quale chi la pratica si posiziona lateralmente e usa una spada sottile. I mercenari combattono spesso per le strade della città, per mostrare la loro abilità.

I braavosiani indossano abiti con colori sgargianti, al contrario dei ricchi, che invece portano abiti “grigio antracite e viola, blu che sembrano quasi neri e neri così scuri da sembrare notti senza luna”. [9]


Capitoli che si svolgono a Braavos


Personalità legate a Braavos

Personaggi originari di Braavos


Personaggi che hanno vissuto o visitato Braavos


Citazioni su Braavos

Braavos è la più eccentrica tra le Città Libere, ma le sue origini sono comunque più valyriane che andale.
GRRM


Noi braavosiani discendiamo da coloro che fuggirono da Valyria e dal furore dei suoi signori dei draghi. Noi non scherziamo sui draghi.
Tycho Nestoris a Jon Snow [13]



Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti