Casa Bolton

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Casa Bolton di Forte Terrore
Bolton crest with motto.png
'

Stemma

Un uomo scuoiato vivo, rosso su sfondo rosa

Motto

“Le nostre lame sono affilate”

Seggio

Forte Terrore

Lord attuale

Roose Bolton

Regione

Il Nord

Titolo

Lord di Forte Terrore, Protettore del Nord

Erede

Ramsay Bolton

Fedele a

Casa Baratheon di Approdo del Re

Casa Bolton di Forte Terrore è un’antica casata discendente dai Primi Uomini e risalente all’Età degli Eroi. Il loro stemma è un uomo scuoiato vivo, rosso su sfondo rosa.[1][2] Il loro seggio è Forte Terrore e sono una delle più potenti casate del Nord. I Bolton sono famosi per la loro pratica di scuoiare i nemici.

Secondo George R. R. Martin, il loro motto è “Le nostre lame sono affilate”, mentre un modo di dire comune tra i Bolton è “Un uomo scuoiato non ha segreti”.

Indice

Storia

Roose Bolton, l'attuale Lord di Forte Terrore - by Sardag ©

I Bolton sono un’antica e potente casata del Nord e per molti secoli sono stati accaniti rivali dei Re del Nord, gli Stark di Grande Inverno. I Bolton ottengono alcuni successi contro gli Stark, non esimendosi dallo scuoiare le pelli di diversi dei loro lord, facendole penzolare dalla loro roccaforte, ovvero Forte Terrore. Secondo diverse storie, alcuni Bolton avrebbero indossato le pelli scuoiate dei loro nemici – inclusi gli Stark, ad esempio il figlio di Bael[3] – come mantelli. Questa pratica attribuisce ai Bolton una sinistra reputazione e porta a pensare che il leggendario Re della Notte fosse un Bolton.

Migliaia di anni fa [4], Forte Terrore insorge in una sfortunata ribellione alleandosi con i Greystark di Tana del Lupo, contro gli Stark.[5] Non contenti, secoli dopo, i Bolton si ribellano nuovamente contro gli Stark. L’esercito degli Stark assedia Forte Terrore per due anni, dopo di che i Bolton si arrendono al Re Harlon Stark e abbassano i loro stendardi ancora una volta.[6] Circa un migliaio di anni fa, i Bolton si inchinano a Grande Inverno e accettano di abbandonare la loro pratica di scuoiare i loro nemici.[7] Per molti secoli i Bolton rimangono fedeli agli Stark, sebbene, secondo alcune dicerie, essi continuino a scuoiare i loro prigionieri in segreto e mantengano una camera nascosta a Forte Terrore dove appendono la pelle dei loro nemici.[1]

Il Lord di Forte Terrore all’inizio delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco è Roose Bolton. Quando il suo signore Eddard Stark chiama i vessilli del Nord per combattere nella Ribellione di Robert, Lord Roose chiama a raccolta il suo esercito, combattendo nella Battaglia del Tridente. Alla fine del conflitto, egli propone che Lord Robert Baratheon faccia recidere la gola di Ser Barristan Selmy, del ferito gravemente. Il re non se la sente però di uccidere il leggendario cavaliere della Guardia Reale e gli manda alcuni maestri per guarirlo.

Eventi recenti

Il gioco del trono

Dopo l’arresto di Eddard Stark ad Approdo del Re, Lord Roose Bolton risponde alla chiamata dei vessilli di Robb Stark. A Grande Inverno, sia lui che Robett Glover richiedono di comandare le armate. Quando l’esercito del Nord si divide alle Torri Gemelle, Bolton viene accontentato e gli viene assegnato di guidare un esercito, formato per la maggior parte da fanteria, per tenere occupato Lord Tywin Lannister. Si mette poi in marcia, sperando di cogliere Tywin di sorpresa, ma è costretto a ritirarsi alla Battaglia della Forca Verde. Riforma poi il suo esercito, iniziando a tormentare le linee di rifornimento dei Lannister.

Lo scontro dei re

Seguendo gli ordini di Ser Edmure Tully, Roose e Ser Helman Tallhart marciano su Harrenhal. Bolton riesce a conquistare la fortezza stipulando un accordo con i Bravi Camerati, una compagnia di mercenari che si trovava all’interno delle mura, aiutato anche da Arya Stark e Jaqen H’ghar. Ad Harrenhal, Roose inconsapevolmente prende Arya (camuffata) come suo coppiere. Nel frattempo, il figlio bastardo di Roose, Ramsay Snow, sposa e uccide Donella Hornwood acquisendo così le terre di Hornwood. Successivamente, porta gli uomini di Forte Terrore a tradire gli uomini del Nord che, sotto il comando di Ser Rodrik Cassel, si trovano a Grande Inverno per liberarla dall’assedio di Theon Greyjoy. L’armata di Ramsay brucia Grande Inverno e cattura o massacra tutta la gente al suo interno.

Tempesta di spade

Dopo aver saputo che i Greyjoy hanno conquistato gran parte del Nord e che i Lannister e i Tyrell hanno stravinto nella Battaglia delle Acque Nere, Lord Bolton giunge alla conclusione che la causa di Re Robb è persa, e decide di passare così dalla parte dei Lannister in segreto. Manda un’armata del Nord, distruggendola, nella Battaglia di Duskendale seguendo gli ordini impartiti da Robb, e permette a Gregor Clegane di distruggere la sua retroguardia nella Battaglia del Guado di Rubino. Quando Ser Jaime Lannister è catturato dai Bravi Camerati, Roose gli permette di tornare a casa solo con la promessa di incolpare completamente i Bravi Camerati per la perdita della sua mano. Il Lord di Forte Terrore lo fa accompagnare dal capitano Walton ‘Gambe d’acciaio’ insieme a 200 uomini per rendere sicuro il tragitto. Lo stesso giorno che Jaime lascia Harrenhal, Roose cavalca verso le Torri Gemelle per essere presente al matrimonio di Edmure Tully, dove il suo tradimento culmina con l’uccisione per la sua stessa mano del re a cui aveva giurato fedeltà, re Robb. Casa Bolton usurpa così Casa Stark, con Roose che viene nominato Protettore del Nord. Nel frattempo, a Ramsay Snow viene concessa con uno scritto reale la legittimità da parte del Re Tommen Baratheon, permettendogli così di rispondere ora al nome di Ramsay Bolton. Il giovane, intanto, si diverte a torturare Theon Greyjoy, suo prigioniero.

La danza dei draghi

L’autorità dei Bolton è contestata da Stannis Baratheon e da diversi lord del Nord, ed è mal vista da quasi tutti gli altri. I sostenitori più forti di Roose sono i suoi parenti di Casa Dustin e Casa Ryswell.

L’esercito di Roose marcia verso il Nord con 2000 uomini dalle Torri Gemelle. Il suo passaggio è garantito dall’impresa (obbligata) di Theon Greyjoy, anche se Ramsay riesce a renderla vana: Theon riesce a convincere la guarnigione degli Uomini di Ferro ad arrendersi, ma Ramsay li fa scuoiare vivi. Nel Nord, Roose comanda a Ramsay di comportarsi in modo più discreto, e riesce a organizzare il matrimonio di suo figlio con “Arya Stark”, che in realtà è Jeyne Poole, al fine di assicurarne la legittimità dinastica.

L’esercito Bolton-Frey si posiziona a Grande Inverno mentre le nevicate autunnali iniziano a cadere, aspettando l’assalto di Re Stannis. Mentre si trova qui, Roose deve vedersela con le grandi tensioni che ci sono tra le diverse fazioni, in particolare tra i Frey e tra Lord Wyman Manderly. Theon riesce a scappare con Jeyne Poole, con molto disappunto di Ramsay. Stando alle parole di una lettera, presumibilmente mandata da Ramsay a Jon Snow, i Bolton avrebbero annientato l’esercito di Stannis.

Genealogia

 
 
 
{Bethany
Ryswell}
 
Roose
Bolton
 
Walda Frey
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
{Domeric
Bolton}
 
Ramsay
Snow
 
"Arya Stark"
 
 


Casa Bolton alla fine del terzo secolo

I Bolton conosciuti durante il periodo degli eventi narrati nelle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco sono:

  • Lord Roose Bolton, Lord di Forte Terrore e Protettore del Nord, chiamato “Il Lord Sanguisuga”.
    • Lady {Bethany Ryswell}, la sua seconda moglie, deceduta.
      • {Domeric Bolton}, suo vero e solo figlio ed erede, morto di febbri addominali.
    • Ramsay Bolton, nato Ramsay Snow e chiamato “il Bastardo di Forte Terrore”, suo figlio naturale ed erede. Sedicente Lord di Hornwood e Lord di Grande Inverno.
    • Lady Walda Frey, nuova moglie di Lord Roose, chiamata ‘Walda la Grassa’.

Attendenti e servitori della Casa Bolton

  • Walton, chiamato ‘Gambe d’acciaio’, capitano di Lord Roose.
  • Maestro Tybald, consigliere, guaritore e precettore a Forte Terrore. Posto da Lord Roose all’esercito di Arnolf Karstark. Al momento è prigioniero sotto gli ordini del Re Stannis Baratheon.
  • Walder Frey, chiamato ‘Grande Walder’, scudiero di Ramsay.
  • {Walder Frey}, chiamato ‘Piccolo Walder’, scudiero di Ramsay. Ucciso dallo “Spettro di Grande Inverno”, presumibilmente o Theon Greyjoy o Mance Rayder e le sue mogli di lancia o un uomo di Casa Manderly.
  • Elmar Frey, un paggio di Lord Roose.
  • {Reek}, un uomo d’armi infame a causa del suo lezzo. Ucciso da un uomo di Rodrik Cassel mentre fingeva di essere Ramsay.
  • Reek, precedentemente Theon Greyjoy, un ostaggio e un attendente di Ramsay.
  • Ben Bones, maestro del canile a Forte Terrore e uno dei Ragazzi del Bastardo di Ramsay.
  • Damon-danza-per-me, Alyn l’Acido, Skinner, Grugnito, uomini d’armi giurati a Casa Bolton e membri del gruppo di Ramsay, i ‘Ragazzi del Bastardo’.
  • {Luton}, un altro membro dei ‘Ragazzi del Bastardo’. Gravemente ferito durante una lotta tra gli uomini di Manderly e dei Frey, viene finito da Ramsay stesso.
  • {Dick il Giallo}, un altro membro dei ‘Ragazzi del Bastardo’. Ucciso da Rowan, una moglie di lancia dei bruti.
  • Nymeria, chiamata ‘Nan’. Precedentemente coppiera di Lord Roose ad Harrenhal. In realtà era Arya Stark camuffata.
  • Nage, un uomo d’armi.

Riferimenti nei libri

Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

Gli uomini di Casa Bolton conducono un gruppo di prigionieri incatenati ad Harrenhal – by Tomasz Jedruszek. © Fantasy Flight Games

Alfieri

The Bastard's Elite © FFG

Dopo che Roose Bolton si dichiara Prottetore del Nord, diverse case giurano fedeltà al loro nuovo signore, non tutti di propria volontà.

Citazioni

Non è certo un caso che sui loro stendardi ci sia un uomo scuoiato.[8]
Jon Snow a Stannis Baratheon


I Bolton sono sempre stati tanto crudeli quanto astuti.[5]
Robett Glover


Fonti e Note

  1. 1,0 1,1 1,2 Il gioco del trono, Capitolo 53, Bran.
  2. The Citadel. Heraldry: http://www.westeros.org/Citadel/Heraldry/Houses/2/#In
  3. Lo scontro dei re, Capitolo 51, Jon.
  4. I Greystark dominarono su Tana del Lupo prima della conquista del Nord da parte delle Tre Sorelle, avvenuta duemila anni prima.
  5. 5,0 5,1 La danza dei draghi, Capitolo 29, Davos.
  6. La danza dei draghi, Capitolo 17, Jon.
  7. Lo scontro dei re, Capitolo 50, Theon.
  8. La danza dei draghi, Capitolo 3, Jon.


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti