Cersei Lannister

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
House Lannister.png
Cersei Lannister
House Baratheon.PNG
Cersei.jpg
Cersei Lannister by Amoka©

Alias

Luce dell'Ovest

Titoli

Protettrice del reame
Lady di Castel Granito
Regina reggente

Nata

266 CA a Castel Granito

Affiliazione

Casa Lannister

Cultura

Terre dell'Ovest

Marito

Robert Baratheon (defunto)

Libri

Il gioco del trono - compare
Lo scontro dei re - compare
Tempesta di spade - compare
Il banchetto dei corvi - PdV
La Danza dei Draghi – PdV

Serie TV

Stagione 1
Stagione 2
Stagione 3
Stagione 4

Interpretata da

Lena Headey

Cersei Lannister è la maggiore dei figli di Tywin e Joanna Lannister, sorella gemella di Jaime Lannister e del nano Tyrion. Dopo la Ribellione di Robert, viene data in sposa al nuovo re, Robert Baratheon, diventando regina dei Sette regni. È la madre di Joffrey, Myrcella e Tommen Baratheon. Diventa un PdV a partire da Il dominio della regina. Nella serie tv viene interpretata da Lena Headey.

Indice


Aspetto e carattere

Cersei è testarda, ambiziosa e poco astuta. Crede di essere politicamente intelligente e di assomigliare in tutto e per tutto a suo padre. Si sente offesa quando qualcuno non ascolta i suoi ordini e ritiene che questo sia dovuto alle tradizioni che vedono la donna inferiore. Non si rende però conto che le persone non la rispettano in quanto è un leader impotente.[1]

Al principio, Cersei si dimostra astuta nel gestire i disordini politici e gli intrighi che circondano la morte di Re Robert e lo scoppio della Guerra dei Cinque Re. Con l’avanzare della storia, tuttavia, Cersei risulta incapace di gestire il potere che inizia, piano piano, ad acquisire. Sebbene abbia passato gran parte della sua vita a studiare come acquisire il potere, sembra non avere nessuna idea su come mantenerlo tale.

La sua irascibilità e il suo orgoglio frequentemente ferito, la spingono a compire decisioni affrettate, considerando raramente le conseguenze che le sue azioni possono avere. Non si dimostra paziente al momento di gestire affari vitali per l’amministrazione e tende a evitare di dover affrontare fatti spiacevoli, preferendo circondarsi di adulatori piuttosto che di consiglieri onesti e competenti. Ironicamente, sebbene abbia sempre disprezzato la vita edonista portata avanti da Robert, si trova inconsciamente a mimare le abitudini del defunto marito lasciandosi andare al cibo, alcool e sesso quando si trova a dover gestire le pressioni imposte dal ruolo ricoperto.

Giovane Cersei Lannister nelle sue camere

I sentimenti di Cersei verso suo padre sono complessi; da una parte si sente offesa per averla data in sposa a Robert Baratheon e per non averle mai dato il potere e il rispetto che desiderava, dall’altra parte lo ammira e cerca di emularlo a livello politico. Detesta suo fratello minore Tyrion da quando la sua nascita ha causato la morte della loro madre. Sebbene all’inizio si fosse mostrata ottimista riguardo al matrimonio con Robert Baratheon, inizia subito a considerarlo un pazzo ubriacone troppo innamorato della memoria di Lyanna Stark per considerarla.

Cersei e suo marito Robert Baratheon

Si può dire che le uniche persone ad amarla veramente siano: suo fratello gemello Jaime, con il quale intrattiene una relazione incestuosa fin dalla loro gioventù e i suoi figli (tutti e tre portano il nome Baratheon sebbene siano frutto dell’incesto tra i due gemelli). Tuttavia, Cersei sembra amare Jaime e i suoi figli più come un’estensione di se stessa che altro.

Cersei è bellissima ed ha il tipico aspetto Lannister: snella, capelli biondi e occhi verdi. Il tempo e le gravidanze hanno però iniziato a prendere il sopravvento sul suo corpo e nel Dominio della regina inizia ad ingrassare a causa del troppo alcool. Come altri personaggi, ha spesso sogni che sembrano essere profetici.


Storia

Cersei è tecnicamente la primogenita, sebbene suo gemello Jaime sia nato qualche momento dopo tenendola per il piede. I gemelli avevano nove anni quando Tyrion uccise loro madre nascendo. Questo portò a un irrigidimento di lord Tywin.

Cersei è perseguitata da una profezia pronunciata da una vecchia megera chiamata “Maegi”. La donna predisse correttamente il matrimonio di Cersei e la loro rispettiva infedeltà coniugale. La profezia vuole che Cersei viva più a lungo di tutti e tre i suoi figli e che questi moriranno da re e regine e che tutto quello che ha costruito le verrà portato via da una regina più bella e più giovane chiamata valonqar (alto valyriano per “fratello minore”) che porrà fine alla sua vita. La giovane Cersei era così terrorizzata dalla profezia da uccidere la sua amica Melara Hetherspoon perché presente al momento della profezia, in modo da impedirle di dire a qualcuno ciò che aveva sentito. Ha sempre pensato che il Valonqar fosse Tyrion ma, alla fine, inizia a pensare che la regina più giovane e più bella sia in realtà Margaery Tyrell.[2]

Quando Cersei era ancora una bambina, Tywin le promette che sarebbe stata data in sposa al principe Rhaegar Targaryen diventando regina. Contenta, s’innamora di Rhaegar. Tuttavia, il re Aerys non acconsente al matrimonio, e Rhaegar sposa Elia Martell.

Cersei e Jaime iniziano ad avere rapporti sessuali già da bambini. Vengono poi scoperti da un servo. La madre sposta le loro camere in parti opposte del castello per evitare il continuare di questo comportamento.[3] A dodici anni, Cersei viene portata ad Approdo del Re da Tywin, allora Primo Cavaliere del Re. Negli anni che seguono, lord Tywin rifiuta tutte le proposte di matrimonio per Cersei, sperando probabilmente in un matrimonio con qualche principe Targaryen. Le mancava molto Jaime e sperimentò un forte sentimento di gelosia quando Lord Tywin propose Lysa Tully come sposa per suo fratello. All’età di quindici anni, Jaime divenne cavaliere durante la battaglia contro la Fratellanza del Bosco del re e sulla via del ritorno a Castel Granito, visita Approdo del Re principalmente per vedere la sorella. Durante la visita, Cersei lo convince a entrare a far parte della Guardia del Re. Questo gli avrebbe permesso di restare nei pressi di Approdo del Re e avrebbe fatto in modo che Jaime non potesse prendere moglie.[4]
Cersei e suo fratello e amante Jaime

Cersei orchestra tutto di nascosto e sebbene riesca a fare in modo che Jaime entri a fare parte della Guardia del Re, il suo piano va a monte. Senza che lei si fosse accorta, tra suo padre e il re iniziarono a sorgere delle tensioni. Lord Tywin vede nell’investitura di Jaime a Guardia Reale compiuta dal re un tentativo di privarlo dell’erede di Castel Granito. Furioso, usa un pretesto per dimettersi da Primo Cavaliere del re e torna a Castel Granito con Cersei, separando di nuovo i due gemelli.[4]

Poco dopo la conclusione della Ribellione di Robert Baratheon, viene stabilito il matrimonio tra Cersei e Robert Baratheon, sigillando l’alleanza tra le due case. Felice in un primo momento, il suo entusiasmo si smonta quando durante la loro prima notte di nozze, Robert la chiama Lyanna. Il rapporto coniugale s'incrina velocemente, e Cersei riprende la sua relazione incestuosa con Jaime. Da questa relazione nascono tre figli, considerati figli del re e quindi eredi di diritto. Cersei rivela poi a Eddard Stark di essere rimasta incinta di Robert durante i primi tempi del loro matrimonio, ma di avere abortito.[5]

La vera paternità dei figli di Cersei rimane segreta fino a quando Stannis Baratheon non inizia ad avere dei sospetti, dovuti al fatto che i figli del re non somigliassero per niente al loro defunto e presunto padre. Jon Arryn viene avvelenato perché a conoscenza del segreto. 


Eventi recenti

Il gioco del trono

Dopo la morte di Jon Arryn, Cersei accompagna suo marito, re Robert Baratheon a Grande Inverno. Quando Robert va a caccia insieme a quasi tutti i presenti, Cersei rimane nel castello con il fratello Jaime. I due vengono scoperti a fare sesso da Bran Stark e Cersei convince Jaime a spingere il ragazzo giù dalla torre.[6] Successivamente, incolpa Jaime di aver reagito in maniera troppo impulsiva e che sarebbe bastato minacciare il ragazzino.

Sulla via del ritorno ad Approdo del Re, il principe Joffrey bulleggia Mycah, amico di Arya Stark e il metalupo di quest’ultima lo attacca. Joffrey sostiene che il metalupo l’abbia attaccato senza motivo. Cersei lo difende e chiede che venga tagliata ad Arya una mano. Su rifiuto del re, Cersei chiede al fratello di ucciderla per lei, utilizzando il sesso per convincerlo. Jaime cerca la ragazzina, ma questa viene trovata prima dalle guardie. Robert, si oppone ancora una volta a una punizione della giovane Stark, ma Cersei ottiene che venga ucciso il metalupo della ragazza, che però era fuggito. Viene quindi giustiziato il metalupo di Sansa Stark.[7][8]

Eddard Stark viene nominato Primo Cavaliere del Re e Robert dà un grande torneo in suo onore. Cersei vieta a Robert di partecipare al torneo, scatenando un litigio davanti a tutta la corte. Robert decide di combattere comunque, ma Eddard e Ser Barristan Selmy riescono a dissuaderlo. In seguito, Varys affermerà che il litigio di Cersei e Robert era solo un pretesto di quest’ultima per convincere Robert a partecipare e che aveva architettato il tutto per fare in modo che morisse nella mischia.[9]

Quando Tyrion Lannister viene catturato da Catelyn Tully, Cersei litiga con Robert, per non aver riposto all’affronto fatto dagli Stark ai Lannister. Il re le dà uno schiaffo in risposta. Eddard Stark assiste alla scena e non approva il comportamento dell’amico; Robert ammette di non essersi comportato da re, ma incolpa Cersei per averlo provocato. Eddard inizia a investigare sulla morte di Jon Arryn e scopre la verità sulla paternità dei figli di Robert e Cersei. Affronta Cersei che ammette che le accuse siano vere. Cersei prova a convincerlo a mantenere il segreto ma Eddard rifiuta, consigliandole di scappare con i suoi figli perché avrebbe riferito tutto a Robert.[5]

Cersei utilizza invece il tempo concessole da Eddard per architettare un “incidente” durante la battuta di caccia di Robert. Lancel, uno dei suoi amanti e scudiero di Robert, gli serve del vino molto potente durante la caccia e Robert, completamente ubriaco, viene ferito mortalmente da un cinghiale. Sul letto di morte, Robert nomina Eddard come sovrano reggente fino al raggiungimento dei 13 anni di Joffrey ma, il giorno dopo la morte di Robert, Cersei prende il controllo del potere, accusando Lord Eddard di tradimento contro il re Joffrey. Lo fa imprigionare e si nomina Regina reggente ponendosi al comando del Concilio ristretto di Joffrey.[10]

Sansa, Cersei e Joffrey alla decapitazione di Eddard Stark

Cersei vuole che Eddard venga condannato per tradimento ma gli permette di prendere il nero. Architetta una confessione pubblica sugli scalini del Grande Tempio di Baelor, assicurando all’Alto Septon che gli sarebbe stato concesso il perdono e che il tempio non sarebbe stato cosparso di sangue. Tuttavia, Joffrey ignora sua madre e ordina l’immediata esecuzione di Lord Stark. Janos Slynt e Ser Ilyn Payne lo uccidono prima che Cersei possa intervenire. Questo incrina i rapporti con il credo e rende la pace tra gli Stark e i Lannister praticamente impossibile.[11]


Lo scontro dei re

Per porre fine alle azioni sconsiderate di Re Joffrey e di Cersei, Tywin Lannister invia Tyron ad Approdo del Re per esercitare come Primo Cavaliere del Re in sua assenza. Non appena Tyrion arriva in città con in mano una lettera firmata da loro padre che lo nominava Primo Cavaliere del Re in sua assenza, Cersei vuole buttarlo in prigione. Tyrion la calma dicendole che può salvare Jaime.[12] Come Cavaliere del re, Tyrion annulla molte delle decisioni prese da Cersei, tra cui richiamare le Cappe Dorate che stavano uccidendo i figli bastardi di re Robert Baratheon.

In assenza di Jaime, Cersei inizia ad accogliere altri amanti nel suo letto.[13] Dopo che Tyrion le toglie la sua guardia personale, Cersei la rimpiazza con dei mercenari, rispettivamente Osney, Osmund e Osfryd Kettleblack, ma Tyrion lo scopre e compra la loro fedeltà.[14] Né Tyrion, né Cersei intuiscono che i Kettleblack sono in realtà fedeli a Petyr Baelish.

Tyrion manda la Principessa Mycella a Lancia del Sole nella speranza di vincere la fedeltà dei Martell. Prima di farlo, con un ingegnoso tranello, scopre che Pycelle, il suo informatore, era in realtà fedele a Cersei.

Mentre Stannis Baratheon si avvicina ad Approdo del Re, Cersei decide di mandare via Tommen, ma gli uomini di Tyrion lo intercettano e il ragazzo viene preso in custodia dallo zio. Stanca dei comportamenti di Tyrion, Cersei fa arrestare Alayaya, una prostituta con cui pensava Tyrion avesse una relazione, e la fa picchiare usandola come ostaggio per avere indietro Tommen. Elimina dalla guardia reale Ser Boros Blount e lo sostituisce con Osmund Kettleblack.[15]

Quando la battaglia di Approdo del Re inizia, Cersei ospita un bachetto per tutte le donne nobili nella Fortezza Rossa con lo scopo di distrarle dalla battaglia ma, invita anche Ser Ilyn Payne con il compito di ucciderle tutte nel caso in cui la città fosse stata presa.[16] Grazie all’arrivo di Tywin Lannister e Mace Tyrell, Approdo del Re resiste.[17] Sfruttando a suo vantaggio il fatto che fosse ferito, Cersei riesce a strappare il potere a Tyrion, alimentando ancora di più i pregiudizi che il padre aveva su di lui.


Tempesta di spade

Tywin piega Cersei al suo volere, mettendo in chiaro che non è più benvenuta nel concilio e che ha in mente di sposarla a Willas Tyrell, Balon Greyjoy o Oberyn Martell. Dopo che Joffrey si comporta scortesemente con Tywin, questo, furioso chiede dove abbia imparato a comportarsi in questo modo. Cersei cerca di incolpare Robert Baratheon ma risulta chiaro che Joffrey ha preso dalla madre.[18]

Joffrey viene ucciso al suo matimonio e Cersei accusa suo fratello Tyrion e Sansa Stark (sua moglie), ritenendoli (erroneamente) responsabili.[19] Cersei nomina Ser Gregor Clegane come suo campione, dal momento che ci sarà un processo per singolar tenzone. Questo spinge Oberyn Martell a proporsi come campione per Tyrion,[20] per vendicarsi del fatto che fu Gregor Clegane a uccidere Elia Martell (la sorella di Oberyn) anni prima. Oberyn viene ucciso nel duello ma lascia ser Gregor fatalmente ferito.[21]


Il banchetto dei corvi

Quando Tywin Lannister viene ucciso, i controlli sulla sua aspirazione al potere vengono meno. Cersei riassume la posizione di regina reggente di suo figlio Tommen Baratheon. Essendo la figlia maggiore di Tywin, suo zio Kevan la nomina Lady di Castel Granito. Avendo in mano potere illimitato, Cersei crede di avere la possibilità di dimostrarsi in grado di comandare meglio di suo padre. Inizia riempiendo tutti i posti del concilio ristretto di Re Tommen con i suoi fautori e sostenitori, non curandosi delle disposizioni promulgate da Tywin e del consiglio datole da Kevan. Inizia a soffrire d’insonnia perché tormentata da incubi che hanno come protagonisti Tyrion e il Trono di Spade.[22]

Cersei inizia a pensare che i Tyrell, suoi potenti alleati e adesso parenti, attraverso il matrimonio di Margaery a Tommen, stiano cercando di acquisire il controllo del reame. I sospetti aumentano quando Qyburn trova una moneta dei Tyrell nelle segrete dove era stato rinchiuso Tyrion prima che scappasse.[23]

Dal momento che, i lettori sanno che i Tyrell sono completamente estranei alla fuga di Tyrion, la moneta è stata volutamente messa lì da qualcuno (Varys), nella speranza di spaccare l’alleanza Tyrell/Lannister. Il piano sembra aver funzionato, in quanto Cersei inizia la sua campagna di intrighi per scacciare i Tyrell da Approdo del Re, a partire da Margaery e Ser Loras, membro della Guardia del Re.[2]

Cersei incastra Margaery Tyrell facendola arrestare

Cersei viene aiutata da Taena Merryweather, che la informa che la sua ancella, Senelle, sta spiando Margaery per lei. Taena diventa sua scaldaletto e confidente.

Le sue paranoie la rimandano sempre a Jaime, che l’ha abbandonata alle sue macchinazioni politiche.[24] Si rifiuta di saldare i debiti della Corona, adirandosi la potente istituzione della Banca di Ferro di Braavos e il Credo dei Sette.[25] Come risultato, il Credo si rifiuta di dare la sua benedizione a Re Tommen, e la Banca di Ferro si rifiuta di concedere prestiti a tutto il Continente Occidentale, causando una crisi economica per tutti i Sette Regni.[26] Con il denaro dovuto, Cersei fa costruire una nuova flotta reale e dà il comando ad Aurane Waters, il bastardo di Driftmark, uomo dalla dubbia lealtà.[25]

Ancora, un altro dei suoi schemi mal concepiti è una missione segreta che vuole che Ser Balon Swann della Guardia Reale, diretto a Dorne, consegni la testa di Ser Gregor Clegane ai dorniani.[25] Ser Balon porta con sé una lettera nella quale Cersei chiede al principe Doran Martell di permettere a sua figlia Myrcella di ritornare ad Approdo del Re e invitandolo a ricoprire il seggio lasciato vacante dal principe Oberyn. La parte segreta del piano, della quale il principe Doran viene a conoscenza tramite alcuni informatori a corte, vuole che il Principe Trystane Martell accompagni la sua promessa sposa e che venga poi ucciso nel Bosco del Re durante un attacco improvviso e che Tyrion Lannister ne venga incolpato.[27]

Nel tentativo di alleviare i debiti della corona, di acquisire la benedizione del Credo e protezione dai nemici, Cersei, non conoscendo i problemi che questo aveva creato in passato ai monarca, premette all’Alto Septon (conosciuto come Alto Passero) di ripristinare il Credo Militante.[26]

Riprende anche al suo servizio il disonorato maestro Qyburn, permettendogli di condurre esperimenti immorali e di torturare alcuni soggetti umani. Cerca di manipolare Falyse Stokeworth e suo marito a uccidere il mercenario e amico di Tyrion, Bronn.[23] Il piano va a monte quando il marito di lady Falyse sfida follemente a duello Bronn. Falyse si dirige velocemente ad Approdo del Re per comunicare che suo marito è stato ucciso dal mercenario. Il marito di lady Falyse prima di essere ucciso aveva rivelato a Bronn che dietro a tutto questo vi era la regina Cersei.
Le difficoltà nella gestione del comando portano Cersei a bere quantità spropositate di alcool e ad aumentare di peso.

Cersei cospira contro Margaery Tyrell. Seduce Osney Kettleblack e lo convince a confessare all’Alto Septon di aver avuto dei rapporti sessuali con Margaey e le sue tre cugine, sebbene non sia vero. L’Alto Septon fa arrestare Margaery. Cersei finge pubblicamente di essere preoccupata e visita le Septa di Baelor, facendo sì che la popolazione creda che speri nella liberazione di Margaery.

Tuttavia, il piano di Cersei va in fumo quando l’Alto Passero l’arresta per svariati crimini, tra cui l’omicidio del precedente Alto Septon. Alto Passero, trovando la confessione di Osney Kettleblack sospetta, lo aveva fatto torturare e questo aveva rivelato la verità.

I suoi ministri prendono il controllo del governo mentre lei aspetta il processo nel Grande Sept di Baelor. Suo zio Kevan viene chiamato ad assumere la posizione di Reggente. Accusata dei crimini capitali, la sua unica speranza è quella che un campione della Guardia Reale la difenda in un processo per singolar tenzone. Scrive una lettera commovente a suo fratello e amante per convocarlo ad Approdo del Re, ma Jaime la brucia e non risponde.[28]


La Danza dei Draghi

Il cammino della vergogna di Cersei by Marc Simonetti ©

Cersei continua a essere prigioniera del Credo. Decide infine di confessare all’Alto Septon di aver avuto una relazione con suo cugino Lancel Lannister e con i tre Kettleblack, sapendo che non avrebbe pagato con la vita per dei crimini simili.

Continua a negare di aver ordinato a Osney Kettleblack di uccidere il precedente Alto Septon o che sia in qualche modo implicata nella morte di re Robert Baratheon. L’Alto Septon le permette di ricevere una visita al giorno. È così che viene a conoscenza della ferita inflitta a Myrcella e della morte di Arys Oakheart. Cersei fa poi sapere a Qyburn che è giunta l’ora.[29]

Prima del processo, il Credo richiede che Cersei si sottometta al cammino della vergogna dal Grande Sept di Baelor fino alla Fortezza Rossa. Cersei viene completamente rasata a zero e denudata. Poco prima della camminata, si rende conto che nessuno dei Lannister è lì a supportarla.

Cersei scoppia a piangere poco prima di entrare nella Fortezza Rossa. Al suo ingresso, Jocelyn Swyft la fa coprire e Cersei viene poi portata nel castello. Qui Qyburn le presenta il nuovo membro della Guardia Reale, Ser Robert Strong, il suo campione che la difenderà durante il processo.[30]

La sera della morte di suo zio Kevan, Cersei cena con lui. Dal momento che non ha avuto nessuna notizia di Jaime, è sicura che stia bene, pensando che, se fosse morto, lo avrebbe saputo.[31]


Famiglia

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Tytos
 
Jeyne Marbrand
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Tywin
 
Joanna
Lannister
 
Kevan
 
Dorna Swyft
 
Genna
 
Emmon Frey
 
Tygett
 
Darlessa Marbrand
 
Gerion
 
Briony
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Robert
Baratheon
 
Cersei
 
Jaime
 
 
Lancel
 
Martyn
 
 
Janei
 
 
 
 
Ermesande Hayford
 
Tyrek
 
 
 
 
 
Joy
Hill
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Casa Baratheon
 
 
 
Tyrion
 
Sansa
Stark
 
Willem
 
Discendenti
 
 


Citazioni di Cersei

Quando si gioca al gioco del trono, o si vince o si muore. Non esistono terre di nessuno.
Cersei a Eddard Stark. [5]


Jaime e io siamo ben più che fratello e sorella: noi siamo la medesima persona in due corpi diversi. Abbiamo condiviso il grembo di nostra madre. Lui venne alla luce stringendo il mio piede, mi disse il nostro vecchio maestro. E quando lui è dentro di me, io mi sento... completa.
Cersei a Eddard Stark. [5]


Un vero uomo fa ciò che vuole, non ciò che deve.
Cersei a Eddard Stark. [5]


La vita di una donna è per nove decimi un pasticcio e magia per il decimo che rimane. Qualcosa che non ci metterai molto a imparare... e i decimi che sembrano magici, alla fine si rivelano i più pasticciati di tutti.
Cersei a Sansa Stark. [32]


L'amore è veleno. Un dolce veleno, certo, ma che comunque uccide.
Cersei a Sansa Stark. [32]


Le lacrime non sono l'unica arma di una donna. Tra le gambe ne hai un'altra, e ti suggerisco di imparare a usarla in fretta
Cersei a Sansa Stark. [33]


Io ho dovuto aspettare, quindi aspetterà anche lui. Ho aspettato per metà della mia vita." Aveva recitato tutti i ruoli: la figlia devota, la promessa sposa ritrosa, la moglie arrendevole. Aveva sopportato i palpeggiamenti da ubriaco di Robert, la gelosia di Jaime, gli scherni di Renly, Varys con le sue stolide risate, Stannis e il suo continuo digrignare i denti. Aveva dovuto lottare contro Jon Arryn, Eddard Stark e contro il proprio ignobile fratello, l'infido nano dalle mani grondanti di sangue: tutto ciò promettendo a se stessa che un giorno sarebbe arrivato il suo turno. "Se Margaery Tyrell pensa di prendere il mio posto, farà bene a rivedere i suoi piani.
Cersei sul suo ruolo di regina reggente. [2]


Accorri subito. Aiutami. Salvami. Ho bisogno di te ora come non mai. Ti amo. Ti amo. Ti amo. Vieni al più presto.
Cersei nella lettera a Jaime Lannister.[28]



Citazioni su Cersei

E poi c'è Cersei... Ho Jon Arryn da ringraziare per lei. Dopo che Lyanna mi venne portata via, non avevo nessuna intenzione di sposarmi, ma Jon Arryn disse che il reame aveva bisogno di un erede. Quella con Cersei Lannister sarebbe stata una buona unione, così mi disse. Avrebbe legato lord Tywin a me nel caso che Viserys Targaryen avesse cercato di riprendersi il trono che era stato di suo padre. Volevo bene a quel vecchio, te lo giuro, ma adesso lo vedo come un sempliciotto ancora più grosso del mio giullare. Cersei? Oh, certo, è proprio bella da guardare, giusto? Ma fredda: dal modo in cui fa la guardia alla sua maledetta fica, diresti che in mezzo alle gambe ci tiene tutto l'oro di Castel Granito!
Robert Baratheon a Eddard Stark. [9]


Quanto più Cersei aspetta, tanto più si arrabbia. Quanto più si arrabbia, tanto più diventa stupida. La preferisco arrabbiata e stupida, piuttosto che controllata e cospiratrice.
Tyrion Lannister a Bronn.[33]


A Cersei piaceva considerarsi come una replica del padre con le tette, ma si sbagliava. Lord Tywin era stato inesorabile e implacabile come un ghiacciaio, Cersei invece era un barile di altofuoco, specialmente quando veniva contrariata. “L'intelligenza non le manca, ma è priva di discernimento e di pazienza.”
Jaime Lannister riflette sulle abilità di leader della sorella.[34]


All'inizio, siamo tutti pedine, uomini e donne. Anche quelli che pensano di essere giocatori. Cersei Lannister, per esempio. Crede di essere scaltra, ma in realtà è fin troppo prevedibile. La sua forza sta nella bellezza, nel lignaggio, nella ricchezza. Ma soltanto la prima è veramente sua, e ben presto anche quella l'avrà abbandonata. La compatisco. Lei vuole il potere, ma quando l'avrà ottenuto non saprà che cosa farsene.
Petyr Baelish a Sansa Stark. [35]


Cersei non è altro che una puttana bugiarda. Si è fatta fottere da Lancel, da Osmund Kettleblack e, per quanto ne so, probabilmente anche dal nostro guitto di corte.
Tyrion Lannister a Jaime Lannister. [24]


Sai com'è, con le regine: sono fiche volubili, tutte quante. E Cersei più delle altre.
Tyrion Lannister a Ben Plumm il Marrone. [36]



Fonti e note

  1. Il gioco del trono, Capitolo 67, Sansa.
  2. 2,0 2,1 2,2 Il banchetto dei corvi, Capitolo 24, Cersei.
  3. Tempesta di spade, Capitolo 21, Jaime.
  4. 4,0 4,1 Tempesta di spade, Capitolo 11, Jaime.
  5. 5,0 5,1 5,2 5,3 5,4 Il gioco del trono, Capitolo 45, Eddard.
  6. Il gioco del trono, Capitolo 7, Arya.
  7. Il gioco del trono, Capitolo 16, Eddard.
  8. Il banchetto dei corvi, Capitolo 30, Jaime.
  9. 9,0 9,1 Il gioco del trono, Capitolo 30, Eddard.
  10. Il gioco del trono, Capitolo 49, Eddard.
  11. Il gioco del trono, Capitolo 65, Arya.
  12. Lo scontro dei re, Capitolo 3, Tyrion.
  13. Lo scontro dei re, Capitolo 29, Tyrion.
  14. Lo scontro dei re, Capitolo 41, Tyrion.
  15. Lo scontro dei re, Capitolo 54, Tyrion.
  16. Lo scontro dei re, Capitolo 60, Sansa.
  17. Lo scontro dei re, Capitolo 65, Sansa.
  18. Tempesta di spade, Capitolo 20, Catelyn.
  19. Tempesta di spade, Capitolo 60, Tyrion.
  20. Tempesta di spade, Capitolo 66, Tyrion.
  21. Tempesta di spade, Capitolo 70, Tyrion.
  22. Il banchetto dei corvi, Capitolo 3, Cersei.
  23. 23,0 23,1 Il banchetto dei corvi, Capitolo 7, Cersei.
  24. 24,0 24,1 Il banchetto dei corvi, Capitolo 8, Jaime.
  25. 25,0 25,1 25,2 Il banchetto dei corvi, Capitolo 17, Cersei.
  26. 26,0 26,1 Il banchetto dei corvi, Capitolo 28, Cersei.
  27. La danza dei draghi, Capitolo 38, L'Osservatore (Areo I)).
  28. 28,0 28,1 Il banchetto dei corvi, Capitolo 43, Cersei.
  29. La danza dei draghi, Capitolo 54, Cersei.
  30. La danza dei draghi, Capitolo 65, Cersei.
  31. Epilogo.
  32. 32,0 32,1 Lo scontro dei re, Capitolo 52, Sansa.
  33. 33,0 33,1 Il gioco del trono, Capitolo 4, Eddard.
  34. Il banchetto dei corvi, Capitolo 16, Jaime.
  35. Tempesta di spade, Capitolo 68, Sansa.
  36. La danza dei draghi, Capitolo 57, Tyrion.


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
In altre lingue