Dorniani

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Un dorniano della sabbia a cavallo di un destriero del deserto - FFG©

I dorniani sono gli abitanti di Dorne, il più meridionale dei Sette Regni del Continente Occidentale. Noti per il temperamento passionale e l’atteggiamento disinibito nei confronti del sesso, sono guardati con rivalità e diffidenza dai vicini lord della Marca e dai lord dell’Altopiano. I bastardi dorniani assumono il cognome di “Sand” (sabbia).


Indice


Cultura

Una principessa di Dorne - by kyupons©

La cultura dorniana fonde costumi dei Primi Uomini e degli Andali, rispecchiando tuttavia principalmente le tradizioni dei Rhoynar, immigrati a Dorne per sfuggire alle mire espansionistiche di Valyria. L’influenza di questo antico popolo emerge chiaramente nella considerazione riservata alle donne, le quali dispongono di diritti pari a quelli degli uomini in termini di eredità e non solo.[1][2] A Dorne, è sempre il figlio maggiore, uomo o donna che sia, ad ereditare. Lady e principesse sono celebrate in canzoni al pari di principi e cavalieri e le concubine dei nobili godono di maggior libertà e prestigio che in qualsiasi altra regione dei Sette Regni.[3]

I lord dorniani vestono abiti morbidi e a strati di seta o satin, stretti in vita da cinture ornate di pietre preziose.[3] La cucina consiste in piatti molto speziati, che bruciano la bocca con peperoncini drago innaffiati con qualche goccia di veleno di serpente.[3]

Una ballata dorniana molto cantata nei Sette Regni è La moglie del dorniano.[4]


Etnia

Le tre tipologie di dorniani: della roccia, della sabbia e del sale - FFG©

I Rhoynar erano alti e slanciati, con pelle liscia e olivastra, capelli neri e occhi scuri. I loro tratti sono maggiormente riscontrabili nei dorniani che abitano lungo la costa. I dorniani nelle cui vene scorre sangue degli Andali e dei Primi Uomini si differenziano da questi per la corporatura più robusta ed una più raffinata bellezza.

Nel suo libro intitolato La Conquista di Dorne, nel quale documenta la sua campagna d’invasione ai danni di Dorne, re Daeron I Targaryen divide i dorniani in tre diverse categorie:

  • Dorniani del sale - vivono sulla costa, lungo il Braccio Spezzato, dove le propaggini delle Montagne Rosse si affacciano sul Mare di Dorne. Discendenti dei Rhoynar, hanno dimenticato la lingua madre nel corso dei secoli, sebbene essa continui a sopravvivere nel loro accento, ritenuto affascinante da molti ed incomprensibile dai prevenuti lord della Marca. Flessuosi e dalla pelle olivastra, hanno lunghi capelli neri. Sono perlopiù marinai e pescatori. I Martell di Lancia del Sole possono essere annoverati fra i dorniani del sale. È proprio questa nobile casata ad aver diffuso le leggi e le usanze dei Rhoynar in tutta la regione.[5][3]
  • Dorniani della sabbia – vivono in villaggi costruiti lungo i corsi d’acqua oppure da nomadi, spostandosi di oasi in oasi. Temprati alle condizioni climatiche del deserto, hanno pelle scurissima perché esposti al sole cocente e sono i principali allevatori dei famosi destrieri del deserto, snelle e instancabili cavalcature in grado di correre un intero giorno e un intera notte con solo qualche sorsata d’acqua. I dorniani della sabbia, e tutti i dorniani in generale, trattano questi splendidi cavalli come fossero dei figli.[3]
  • Dornaini della roccia – popolano i passi delle Montagne Rosse. Hanno sangue andalo e dei Primi Uomini. Di conseguenza, assomigliano agli abitanti dei regni più a nord sia nell’aspetto che nelle usanze, anche se ciò non li rende meno invisi ai lord della Marca e dell'Altopiano.[3][6] I Protettori della Strada di Pietra sono fra i più potenti e orgogliosi vassalli dei Martell, sebbene il rapporto con loro non sia stato per nulla esente da inquietudini.[3] Hanno capelli biondi o castani, volti lentigginosi o arrossati dal sole anziché abbronzati come quelli dei dornaini della sabbia. Fanno parte di questa categoria gli Yronwood, biondi con gli occhi azzurri[7], le bionde gemelle Fowler[8] e i Dayne dai rari occhi viola.[9][10]

A questa classificazione andrebbe aggiunta la categoria dei cosiddetti orfani, dei Rhoynar in tutto e per tutto che risalgono il Sangue Verde a bordo di barche da fiume ricavate dagli antichi relitti delle loro navi, incendiate da Nymeria. Parlano la loro lingua originaria, seppur in segreto, e venerano la divinità fluviale che prende il nome di Madre Rhoyne.[3]


Militarismo

In battaglia, i dorniani prediligono scudi di metallo rotondi, lance di varia lunghezza e archi ricurvi. Assai rinomate sono le loro cavalcature, i destrieri del deserto, in groppa ai quali essi assaltano il nemico con frecce o corte lance. Dato il clima molto caldo, portano armature più leggere di quelle che si fabbricano nel resto dei Sette Regni, pratiche armature composte di dischi metallici e ricoperte di rame brunito, argento scintillane o oro rosso.[5] Per poter combattere sotto il torrido sole di Dorne, indossano leggeri indumenti variopinti sopra al metallo dell’armatura.[11][6]

Dorne è la regione meno popolata dei Sette Regni e i suoi abitanti ricorrono a tattiche di guerra che risulterebbero inutili in qualsiasi altra parte del reame. I dorniani tendono ad evitare le grandi battaglie, preferendo atti di guerriglia nei quali possono contare sulle armature leggere e sui rapidi destrieri per volgere a loro vantaggio le asprezze del territorio natio. Battersi in grandi eserciti come si usa nelle regioni più a settentrione significherebbe per i dorniani dover fare i conti con la scarsità d’acqua e provviste. Le strategie militari dei dorniani si sono rivelate efficaci nella Prima Guerra di Dorne, ovvero nella campagna di resistenza contro i draghi della Casa Targaryen, così come durante la Conquista di Dorne del Giovane Drago e nei molti scontri combattuti contro l’Altopiano e le Terre della Tempesta.[12][13][14][15]


Curiosità

Creando Dorne e il suo popolo, George R. R. Martin si è ispirato, soprattutto, alle culture della Palestina, della Spagna e del Galles.[16]


Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti