Eddard Stark

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
(Reindirizzamento da Eddard)
"Ned" reindirizza qui. Per altri personaggi chiamati "Ned", visita la pagina di disambiguazione.
Casa Stark.png
Eddard Stark
Casa Stark.png
EddardSt.jpg
Eddard Stark

Saga

Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

Prima apparizione

Il trono di spade

Ultima apparizione

Il grande inverno

Titoli

Lord di Grande Inverno

Lord Protettore del Nord

Primo Cavaliere del Re

Protettore del Reame

Data di nascita

263 AA

Morte

298 AA, ad Approdo del Re

Affiliazione

Casa Stark

Moglie

Catelyn Tully

Figli

Robb Stark Sansa Stark

Arya Stark

Bran Stark

Rickon Stark

Fratelli

Brandon Stark

Lyanna Stark

Eddard Stark, chiamato più spesso “Ned”, è il capo della Casa Stark, Lord di Grande Inverno e Protettore del Nord. E’ uno dei più cari amici di Re Robert Baratheon, con il quale ha trascorso la gioventù. Ned è stato anche di grande aiuto per la conquista del Trono di Spade, ed in fatti verrà anche nominato Primo Cavaliere del Re. Eddard è uno dei maggiori PdV nei libri. Nella serie TV, il suo personaggio è interpretato da Sean Bean.

Indice

Aspetto e carattere

Eddard ha circa trentracinque anni. Ha il viso allungato, capelli scuri e occhi grigi. La sua folta barba inizia a ingrigirsi, facendolo sembrare più grande di quanto non sia in realtà. I suoi occhi verde scuro riflettono il suo umore, passando da morbidi come la nebbia a duri come la pietra. I suoi nemici dicono che i suoi occhi siano freddi quanto il suo cuore di ghiaccio e Jaime Lannister pensa anche che gli occhi di Ned siano simili a quelli di Roose Bolton. Nè la sua altezza, nè la sua bellezza sono pari a quelle del fratello Brandon. Eddard è conosciuto per il suo senso dell’umorismo e dell’onore, e la sua famiglia pensa che sia un uomo gentile, anche se a volte la sua personalità riservata fa pensare che sia un uomo freddo.

Storia

Gioventù

Dall’età di otto anni, Eddard è stato cresciuto da Lord Jon Arryn a Nido dell’Aquila, insieme a Robert Baratheon. I due stringono amicizia e arrivano a considerare Lord Arryn come un secondo padre. In seguito al presunto rapimento di Lyanna Stark da parte del Principe Rhaegar, Re Aerys II ordina di uccidere il padre di Ned, Rickard, e suo fratello Brandon.

La Ribellione di Robert

Con la morte di suo padre e suo fratello, Ned diventa Lord di Grande Inverno. Vuole radunare i suoi vassalli per unirsi alla ribellione, ma il viaggio dalla Valle al Nord ha delle difficoltà. Città del Gabbiano, il principale porto della Valle, è rimasto fedele al Trono di Spade, perciò Ned deve attraversare le montagne fino a Le Dita, per poi farsi portare da un peschereccio fino a Porto Bianco. Nei pressi della Baia del Morso vengono sorpresi da una tempesta, e il marinaio che guidava la nave affoga. La figlia di quest’ultimo però riesce a portare Ned fino all’Arcipelago delle Tre Sorelle. Quando Ned arriva a Sisterton, un Maestro prega Lord Borrel di consegnare la testa di Ned a Re Aerys. Lord Borrel però, sapendo che nel frattempo Jon Arryn e Robert Baratheon avevano conquistato Città del Gabbiano, non era sicuro su chi avrebbe vinto il conflitto. Lascia quindi che Ned vada a Porto Bianco, pregandolo di non dire nulla del suo soggiorno a Sisterton, nel caso che la loro ribellione fallisse. Dopo aver radunato i suoi vessilli, Ned marcia verso sud, dove Robert sta combattendo la Battaglia delle campane. Subito dopo, va a Delta delle Acque per sposare Catelyn Tully, che inizialmente era stata promessa a suo fratello Brandon, prima che questo morisse. Jon Arryn sposa la sorella di Catelyn, Lysa, durante la stessa cerimonia. Il doppio matrimonio lega la Casa Tully alla causa dei ribelli.

I ribelli conquistano la vittoria nella Battaglia del Tridente, durante la quale Robert uccide il Principe Rhaegar Targaryen in un duello per singolar tenzone. Robert viene però ferito da Rhaegar, e quindi cade su Ned il compito di seguire ciò che rimasto dell’armata di Aerys verso Approdo del Re. Una volta arrivato, scopre che le forze di Tywin Lannister hanno già saccheggiato la città. Eddard aveva sviluppato un forte disprezzo nei confronti della Casa Lannister durante la ribellione, a causa della decisione di Lord Tywin di rimanere neutrale per la maggior parte del tempo, in modo da potersi alleare con la parte vincente alla fine dello scontro. Questo disprezzo aumenta poiché Ned scopre che Lord Tywin ha conquistato la città con l’inganno, e che i suoi uomini hanno ucciso la moglie e i bambini del principe Rhaegar in maniera brutale. Inoltre, gli stendardi dei Lannister sventolano su tutta la Fortezza Rossa all’arrivo di Eddard e, mentre si dirige verso la sala del trono per reclamare la vittoria di Robert, scopre il corpo di Aerys disteso sui gradini che portano al Trono di Spade, sul quale siede lo Sterminatore di Re, Ser Jaime Lannister. Tutto l’insieme fa aumentare il sospetto di Eddard riguardo l’ambizione dei Lannister. Secondo lui, il modo in cui Approdo del Re era stata conquistata disonorava la causa di Robert. Rimane deluso dal fatto che Robert, una volta arrivano nella città, ignora il suo consiglio, secondo il quale Ser Jaime dovesse unirsi ai Guardiani della Notte per aver infranto il suo giuramento di cavaliere della Guardia del Re. Questo disaccordo conduce a una temporanea frattura nel rapporto tra Eddard e Robert, che nemmeno Jon Arryn sarà in grado di sanare.

Eddard lascia Robert ad Approdo del Re e si dirige verso Capo Tempesta per difendere il castello dall’assedio. Successivamente, viaggia verso Dorne per liberare sua sorella Lyanna, apparentemente tenuta prigioniera nella Torre della Gioia. Quando arriva, insieme ad altri sei compagni, trova di guardia alla torre tre membri della Guardia del Re, tra cui Ser Arthur Dayne. Lo scontro ha come risultato la morte di tutti tranne Eddard ed il suo compagno Howland Reed. Sfortunatamente, quando Ned trova Lyanna, lei è sul punto di morire. Prima della sua morte, fa promettere a Eddard qualcosa che non verrà mai rivelata a nessun altro. Quest’esperienza lo perseguiterà per sempre. Tuttavia, il dolore condiviso per la morte di Lyanna porterà alla riconciliazione con il suo amico, ora Re Robert I.

Lord di Grande Inverno

Lord Stark con la sua spada Ghiaccio.

Eddard torna a casa portando con sé suo figlio nato bastardo, Jon Snow. Questo spezza il rapporto con sua moglie Catelyn, che nel frattempo aveva dato alla luce il loro primogenito, Robb. Ned si rifiuta di parlarle delle origini di Jon. Tuttavia, quando Lady Catelyn sente delle voci secondo il quale la madre del bambino sarebbe la nobildonna dorniana Ashara Dayne, lei confronta suo marito, ma lui le dice è che il ragazzo ha il suo sangue nelle vene, e che questo è tutto quello che ha bisogno di sapere. In seguito Ned zittirà queste voci riguardo Ashara. Lord Edric Dayne però crede che, piuttosto che sua zia Ashara, la vera madre di Jon sia una donna di nome Wylla che prestava i suoi servizi presso la Casa Dayne e da cui per un periodo è stato allattato (Edric). Quando è anche Re Robert a chiedere delle origini del suo figlio bastardo, anche Eddard fa il nome di Wylla. Tuttavia, Godric Borrell afferma che la vera madre di Jon Snow sia la figlia del pescatore che in passato aveva salvato Ned.

Eddard passa i successivi quindici anni come Lord di Grande Inverno, un ruolo che non si aspettava di avere e di cui non si sente all’altezza. Di rado lascia le sue terre e non si intromette nei complessi intrighi che affliggono le corti del sud. Sebbene i suoi alfieri gli siano fedeli, Ned si trova ad affrontare dei problemi che insorgono rapidamente. Tra questi troviamo l’esilio di Jorah Mormont, accusato di essere un mercante di schiavi. L’unica volta in cui lascia il nord è per combattere di nuovo al fianco di Robert durante la Ribellione dei Greyjoy. Dopo il decisivo Assedio di Pyke e all’arresa di Balon Greyjoy, Ned prende l’unico figlio sopravvissuto di Balon, Theon, come suo protetto e ostaggio.

Eventi recenti

Il gioco del trono

Lord Eddard giustizia un disertore dei Guardiani della Notte che afferma di essere stato attaccato dagli Estranei. Sulla strada del ritorno verso Grande Inverno, la compagnia scopre una metalupa morta sul ciglio della strada. Sotto l’influenza del bastardo Jon Snow, Ned decide di non uccidere i cuccioli appena nati e di donarne uno ad ogni figlio. Poco dopo arriva a Grande Inverno un corvo che porta la notizia della morte di Jon Arryn, che in passato aveva cresciuto Ned e Robert, e che per molto tempo aveva servito Robert come suo Primo Cavaliere del Re. Presto Re Robert arriva a Grande Inverno con al seguito metà della sua corte, e Ned si trova ad accettare, seppur con riluttanza, la sua offerta di rimpiazzare Jon Arryn come Primo Cavaliere, e anche di unire in fidanzamento suo figlio, il Principe Joffrey, con Sansa Stark. In seguito arriva un nuovo messaggio, questa volta da Lysa Arryn, vedova di Jon e sorella di Catelyn, la moglie di Ned. Lysa avverte gli Stark sul fatto che i Lannister sono coinvolti nella morte di suo marito. Al suo arrivo ad Approdo del Re, Ned è scioccato dall’apprendere che la Corona è fortemente indebitata,
Ned ad Approdo del Re.
a causa dello sperpero di Robert impossibile da contenere, nonostante i tentativi di Jon Arryn e del Concilio Ristretto. Robert decide di organizzare un grande torneo in onore dell’investitura di Ned a Primo Cavaliere, nonostante le proteste di quest’ultimo. Il torneo, che comprende una giostra e una gara di tiro con l’arco, attrae molti cavalieri e viandanti da tutte le zone dei Sette Regni.

Mentre investiga sulle attività di Jon Arryn prima della sua morte, Eddard scopre che Jon aveva trascorso molto tempo insieme a Stannis Baratheon, visitando i figli bastardi di Robert sparsi per la città. Viene anche a sapere da Yoren, un confratello dei Guardiani della Notte, che sua moglie Catelyn ha preso in ostaggio Tyrion Lannister.

Robert Baratheon raduna il concilio, chiedendo che Daenerys Targaryen, in gravidanza, venga uccisa. Ned e Ser Barristan sono gli unici ad opporsi. Robert, guidato dal suo odio verso i Targaryen, insiste sull’assassinio, così Ned decide di dimettersi in segno di protesta. Prima di ripartire per Grande Inverno, Ned fa visita ad un altro dei figli bastardi di Robert, una ragazza di nome Barra. Al ritorno cade in un’imboscata di Jaime Lannister, che chiede vendetta per il rapimento di suo fratello da parte di Lady Catelyn. Eddard è gravemente ferito alla gamba durante lo scontro. Durante la guarigione, Robert fa visita al suo amico, perdonandolo e ridandogli la sua vecchia carica di Primo Cavaliere del Re. Eddard siede sul Trono di Spade e ascolta delle petizioni mentre Robert è a caccia. Tre lord delle Terre dei Fiumi portano notizie secondo cui diversi villaggi vicini al confine con le Terre dell’Ovest sono stati distrutti da Gregor Clegane. Eddard manda Beric Dondarrion, Thoros di Myr e altri cavalieri, tra cui alcuni membri della sua guardia di famiglia, per assicurare Clegane alla giustizia.

Durante le sue ricerche riguardanti l’interesse di Robert Arryn nei figli bastardi del Re, Ned scopre con orrore che in realtà i tre figli legittimi di Robert sono il prodotto dell’incesto tra la regina Cersei e suo fratello Jaime. Eddard decide di confrontarsi con Cersei, per darle la possibilità di scappare con i suoi tre figli quando ne ha ancora la possibilità. Tuttavia, Cersei usa il tempo che le è stato dato per orchestrare l’assassinio di Robert e ottenere l’appoggio della Guardia Cittadina di Approdo del Re.

Mentre Robert è sul letto di morte, Ned rifiuta sia il consiglio di Renly Baratheon di prendere il controllo sui bambini reali, che quello di Petyr Baelish che lo spinge a governare come Reggente per poi consegnare il trono al più grande dei fratelli di Robert, Stannis, prima che il figlio di Cersei e Jaime, il tredicenne Joffrey sia incoronato. Baelish promette a Ned il supporto della Guardia Cittadina, ma lo tradisce non appena Robert muore. Cersei fa imprigionare Ned con l’accusa di tradimento con l’appoggio della Guardia Cittadina, sempre grazie al tradimento di Baelish.

Varys visita Ned nei sotterranei, e lo informa che confessando di essere un traditore, la sua vita gli verrebbe risparmiata e gli sarebbe data la possibilità di unirsi ai Guardiani della Notte. All’inizio Ned rifiuta, ma poi accetta e calpesta il suo onore per salvare la vita di sua figlia Sansa, che in quel momento si trova sotto la custodia dei Lannister. Viene condotto sugli scalini del Grande Tempio di Baelor dove, a sua insaputa, in mezzo alla folla si trovano sua figlia Arya
L'esecuzione di Ned Stark
Stark, Yoren e Ser Barristan Selmy. Eddard fa una confessione falsa, ma, di fronte allo shock di Cersei, Varys e dell’Alto Septon, il piano non va in porto perché Re Joffrey dichiara che Ned deve essere giustiziato. Eddard Stark viene decapitato con la sua stessa spada, Ghiaccio, per mano di Ilyn Payne. Joffrey ordina che la testa di Ned sia messa su una picca e obbliga Sansa a guardarla.


Lo scontro dei re

Tyrion ordina che la testa di Lord Eddard, insieme a tutte le altre, venga rimossa dallo spuntone e rimanda le ossa di Ned a Delta delle Acque. Catelyn Tully chiede a Hallis Mollen di riportare quelle ossa a Nord, così che Ned possa essere seppellito nelle cripte di Grande Inverno insieme a suo padre, suo fratello più grande, e sua sorella. Poco dopo gli Uomini di Ferro prendono il comando di Moat Cailin. Non si sa quindi se le ossa di Eddard siano riuscite a superare l’antica piazzaforte prima di cadere in mano alla Casa dei Greyjoy.

L’esecuzione di Eddard Stark al Grande Tempio di Baelor causa una serie di fratture nelle relazioni fra la corona e il Culto dei Sette Dei, poiché i credenti pensano che la decapitazione di Ned abbia profanato il Tempio con il sangue.

La danza dei draghi

Mentre Bran Stark si esercita con i sogni verdi, durante una visione e grazie agli occhi dell’albero-diga di Grande Inverno, vede suo padre nel passato. Attraverso l’albero, Bran ascolta suo padre pregare che sua moglie possa perdonarlo, e che Jon e Robb possano crescere insieme come fratelli.

Barbrey Dustin, che un tempo aspirava a sposare il fratello di Ned, Brandon, prima che questi venisse promesso a Catelyn, dice a Theon Greyjoy che secondo lei è colpa di Ned se suo marito Willam Dustin sia morto. Aggiunge che, se mai scoprisse il luogo in cui si trovano le ossa di Eddard, lei non permetterebbe che queste venissero sepolte nelle cripte di Grande Inverno insieme ai suoi antenati. Questo per vendicarsi del fatto che in passato Ned non era riuscito a riconsegnarle le ossa di suo marito.

Eddard Stark viene comunque ricordato da molte casate del nord con amore e rispetto, grazie al modo giusto e onorevole in cui il Lord gestiva i suoi affari, nonostante egli stesso non si sia mai sentito al livello di suo fratello maggiore Brandon.

Famiglia

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Beron
 
Lorra Royce
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Donnor
 
Lyanne Glover
 
Willam
 
Melantha Blackwood
 
Artos
 
Lysara Karstark
 
Berena
 
Alysanne
 
Errold
 
Rodrik
 
Arya Flint
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Brandon
 
 
Edwyle
 
Marna Locke
 
Jocelyn
 
Benedict Royce
 
Brandon
 
Benjen
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Casa Royce
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Rickard
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Lyarra
 
Branda
 
Harrold Rogers
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Brandon
 
Sconociuta
 
Eddard
"Ned"
 
Catelyn
Tully
 
Lyanna
 
Benjen
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Jon Snow
 
Robb
 
Jeyne
Westerling
 
Sansa
 
Tyrion
Lannister
 
Arya
 
Brandon
"Bran"
 
Rickon
 
 
 
 


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti