Euron Greyjoy

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Greyjoy coat sigil.png
Euron Greyjoy
Greyjoy coat sigil.png
Euron Crow's Eye.jpg
Euron Greyjoy © Mathia Arkoniel

Alias

Euron Occhio di Corvo

Titoli

Euron, terzo del suo nome dai tempi del Re Grigio
Re di Ferro
Re delle Isole di Ferro e del Nord
Re del sale e della roccia
Figlio del vento di mare
Lord possessore di Pyke
Capitano della Silenzio

Affiliazione

Casa Greyjoy

Cultura

Uomini di ferro

Nato

a Pyke

Libri

Lo scontro dei re – Menzionato
Tempesta di Spade – Menzionato
Il banchetto dei corvi –Apparizione
La danza dei draghi – Menzionato

Serie tv

Stagione 6

Interpretato da

Pilou Asbæk

Euron Greyjoy, detto Occhio di Corvo, è uno dei fratelli minori di Balon Greyjoy e suo successore. È il capitano della Silenzio, una nave lunga su cui viaggia un equipaggio di muti le cui lingue sono state strappate dallo stesso Euron. Il suo stemma personale è un occhio nero con la sclera rossa sormontato da due corvi che sorreggono una corona di ferro. [1]

Indice


Aspetto e carattere

Euron a bordo della Silenzio (by Amoka)
Euron e Falia Flowers (by Mathia Arkoniel)

Euron e pallido e avvenente, con i capelli e la barba scuri. Indossa una benda sull’occhio sinistro ed è soprannominato “Occhio di Corvo”. Secondo il nipote Theon la benda nasconde un “occhio nero che brilla di cattiveria” [2]. Durante l’esilio inizia a bere l’Ombra della Sera, e per questo le sue labbra assumono un colore bluastro. Euron è un uomo decisamente imprevedibile. E’ famoso per i giochetti crudeli e per la guerra psicologia che combatte con chiunque lo circondi, ed è per questo motivo odiato dai suoi fratelli. In particolare da Victarion, il quale veniva schernito da giovane, [3] e da Aeron, per motivi non ancora del tutto chiari. [4] È un ottimo guerriero e abile manipolatore, oltre ad essere furbo, scaltro e spietato. Ha sempre avuto un debole per gli esseri grotteschi, interesse che ha spesso causato aspri conflitti con il fratello maggiore Balon. [5]

Storia

Allo scoppio della Ribellione dei Greyjoy, Euron escogita un piano per liberarsi della flotta dei Lannister, bruciando le navi ancora all’ancora a Lannisport. La Flotta di Ferro, guidata dal fratello Victarion, riesce così a prendere di sorpresa gli avversari e distruggere la forza navale delle Terre dell’Ovest. [6] Pochi anni prima dell’inizio delle vicende narrate in A Game of Thrones (Il trono di spade, Il Grande Inverno), Euron viene esiliato dopo aver sedotto o violentato la terza moglie di sale di Victarion, mettendola incinta: lord Balon gli impone di lasciare le Isole di Ferro e di non farvi più ritorno, fintanto che lui fosse ancora in vita. Questa decisione ha come fine anche quello di impedire a Victarion di uccidere il fratello, evitando così di macchiarsi di uno dei peccati più turpi agli occhi degli dei e degli uomini. [4] Euron non si è mai sposato, ma ha numerosi bastardi, uno di questi è un bambino sui dieci anni con la pelle del colore del fango e i capelli lanosi. [7] Dopo aver lasciato le Isole di Ferro, Euron guida la Silenzio su tutte le rotte conosciute, saccheggiando i villaggi e violentando le donne. Sostiene di aver raggiunto Asshai, navigato sul Mare Fumante e persino camminato tra le rovine di Valyria. [8] Dice inoltre di essere entrato in possesso di un uovo di drago e di averlo gettato in mare durante uno dei suoi momenti di cattivo umore. [7]

Eventi recenti

Lo scontro dei re

Theon Greyjoy torna a Pyke per proporre al padre un patto di alleanza con Robb Stark. Mentre si avvicina al porto, nota che la nave di Euron, la Silenzio, non è ormeggiata e deduce che lo zio non sia a Pyke. [9]

Tempesta di spade

La notizia della morte di Balon Greyjoy e dell’improvviso ritorno di Euron inizia a diffondersi in tutto il Continente Occidentale. Il capitano della Myraham racconta a Robb Stark e ai suoi alleati che Euron ha reclamato per sé il Trono del Mare e ha fatto annegare in un barile di acqua marina lord Sawane Botley, che si gli si è opposto. [10]

Il banchetto dei corvi

Aeron Greyjoy viene informato del ritorno di Euron, avvenuto il giorno appena successivo alla morte di Balon, un dettaglio che fa discutere molti. Aeron teme che la guida di un infedele come Euron (egli non è infatti devoto al Dio Abissale), porterà gli Uomini di Ferro alla rovina, e per questo motivo indice un’Acclamazione di Re, sperando così di far eleggere il fratello Victarion ed evitare una guerra dinastica. [4] Euron, però, già prima dell’Acclamazione riesce già a conquistare numerosi sostenitori. [5] La sera prima incontra i fratelli e la nipote Asha, anch’essa decisa a presentarsi all’Acclamazione e far valere i suoi diritti sul Trono del Mare. Euron sostiene di aver seminato terrore fino ad Asshai, di aver visitato Valyria e di aver catturato degli stregoni di Qarth. Il suo discorso sulle divinità fa fuggire Aeron e la discussione con Asha viene sedata grazie all’intervento di Victarion. Durante l’Acclamazione promette agli Uomini di Ferro la conquista dell’intero Continente Occidentale grazie a uno strumento che gli permette di controllare i draghi: il suo discorso conquista la folla e viene eletto nuovo re di ferro. [8] È lo stesso Aeron poi a incoronarlo. Euron fa uccidere lord Baelor Blacktyde, quando questo si rifiuta di riconoscerlo come sovrano, e tiene con sé la cappa di zibellino del ribelle. [7]

Euron da il via alla sua campagna di conquista depredando la zona costiera dell’Altopiano e cogliendo di sorpresa gli avversari. Durante il banchetto nel Castello di Lord Hewett, appena conquistato, Euron siede al posto d’onore con la figlia illegittima del lord, Falia Flowers, e obbliga le altre nobildonne a servire i suoi uomini. Su suggerimento di Falia, Euron umilia ulteriormente gli sconfitti, ordinando alle donne di spogliarsi e servire nude, mentre lo stesso lord Hewett assiste impotente. Per indebolire ulteriormente i rivali sconfitti durante l’Acclamazione, affida ai loro uomini più fedeli delle cariche importanti nelle terre appena conquistate, isolando così gli avversari. Non riesce però a convincere i suoi sudditi a procedere verso il Continente Orientale per cercare Daenerys Targaryen e i suoi draghi. Euron capisce che è una causa persa e decide così di incaricare della missione il fratello Victarion e la Flotta di Ferro, mentre lui consolida il suo potere sulle Isole. Durante un incontro tra lui e Victarion dopo la vittoria nella Battaglia delle Isole Scudo, Euron gli ordina di trovare e portargli Daenerys, così da poterla sposare e ascendere al Trono di Spade, donando così a Victarion il Trono del Mare. [7]


La danza dei draghi

Euron dà a Victarion il Corno di Drago da portare con sé a Meereen per domare i draghi di Daenerys Targaryen. Quando il prete rosso Moqorro dice al capitano che chiunque suoni il corno morirà, Victarion ricorda che “Tutti i doni di Euron sono avvelenati”. Nelle fiamme Moqorro vede molte minacce che gravano su Daenerys. Può solo vedere le loro ombre, ma quella più pericolosa è:

Una figura alta e distorta, con un solo nero occhio e dieci lunghe braccia, che veleggia in un mare di sangue [11]



Famiglia

Sconosciuto di
Casa Stonetree
 
 
 
Quellon
 
 
 
 
 
Sconosciuto di
Casa Sunderly
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sconosciuto di
Casa Piper
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Balon
 
Alannys
Harlaw
 
Euron
'Occhio di Corvo'
 
Victarion
 
Urrigon
 
Aeron
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Harlon
 
Quenton
 
Donel
 
Rodrik
 
Maron
 
Asha
 
Theon
 
 
 
 
 
 
Robin
 


Citazioni di Euron

Senza dio? Aeron, io sono l'uomo più devoto che abbia mai solcato il mare! Tu, Capelli bagnati, servi un dio, ma io ne ho serviti diecimila. Da Ib a Asshai, quando la gente vede le mie vele, tutti si mettono a pregare.
Euron a Aeron Greyjoy [12]


Siamo uomini di ferro, una volta eravamo conquistatori. Il nostro mandato si estendeva ovunque si udisse il rumore delle onde. Mio fratello vorrebbe che vi accontentaste del freddo e cupo Nord, mia nipote vorrebbe concedervi meno ancora... ma io vi darò Lannisport, Alto Giardino, Arbor, Vecchia Città. Vi darò le terre dei fiumi e l'Altopiano, il Bosco del Re e quello delle Piogge, Dorne e le terre basse, le montagne della Luna e la valle di Arryn, Tarth e Scala di Pietra. Io dico, prendiamoci tutto! Io dico, prendiamo il Continente Occidentale.
Euron durante l’Acclamazione di re [8]


Sono io la tempesta, mio lord. La prima tempesta e l'ultima.
Euron a Rodrik Harlaw [7]


Forse siamo tutti capaci di volare. Ma come facciamo a saperlo se non saltiamo giù da un'alta torre?
Euron a Victarion Greyjoy [7]



Citazioni su Euron

« Se mai c'è stato un nero pirata sulle acque, quello è Euron Greyjoy.
Il capitano della Myraham [10]


« Euron Greyjoy può essere qualsiasi cosa, ma, se anche solo la metà di quanto Theon disse di lui risponde a verità, non corrisponde certo all'idea che chiunque può avere di un re.
Robb Stark [10]



Balon era folle, Aeron lo è ancora di più ed Euron è il più folle di tutti.
Baelor Blacktyde a Victarion Greyjoy [12]


I doni di Euron sono avvelenati
Victarion Greyjoy [7]



Fonti e Note

  1. Il banchetto dei corvi, Capitolo 45, Samwell.
  2. The Winds of Winter, Capitolo di esempio di Theon
  3. La danza dei draghi, Capitolo 56, Il Pretendente di Ferro (Victarion I).
  4. 4,0 4,1 4,2 Il banchetto dei corvi, Capitolo 1, Il Profeta.
  5. 5,0 5,1 Il banchetto dei corvi, Capitolo 11, La Figlia della Piovra.
  6. Lo scontro dei re, Capitolo 24, Theon.
  7. 7,0 7,1 7,2 7,3 7,4 7,5 7,6 Il banchetto dei corvi, Capitolo 29, Il Predone.
  8. 8,0 8,1 8,2 Il banchetto dei corvi, Capitolo 19, The Drowned Man.
  9. Lo scontro dei re, Capitolo 11, Theon.
  10. 10,0 10,1 10,2 Tempesta di spade, Capitolo 45, Catelyn.
  11. La danza dei draghi, Capitolo 33, Tyrion.
  12. 12,0 12,1 Il banchetto dei corvi, Capitolo 18, Il Comandante di Ferro.


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti