Jeor Mormont

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
House Mormont.png
Jeor Mormont
Guardianinotte.png
Jeor Mormont by BrittMartin.jpg
Jeor Mormont di BrittMartin©

Soprannome

Il Vecchio Orso

Titolo

Lord Comandante dei Guardiani della Notte

Affiliazione

Guardiani della Notte

Cultura

Nord

Nascita

230 CA

Morte

299 CA presso la Fortezza di Craster

Libri

Il trono di spade (Appare)
Lo scontro dei Re (Appare)
Tempesta di Spade (Appare)
Il Banchetto dei Corvi (Menzionato)
La Danza dei Draghi (Menzionato)

Interpretato nella serie tv da

James Cosmo


Jeor Mormont, anche conosciuto come Vecchio Orso, è il 997esimo Lord Comandante dei Guardiani della Notte, che egli guida dal loro quartier generale, il Castello Nero. Jeor, precedentemente a capo del Casato Mormont e Lord dell’Isola dell’Orso, abdica in favore di suo figlio, Ser Jorah Mormont, e si unisce ai Guardiani della Notte [1]. Nell’adattamento televisivo “Il Trono di Spade” è interpretato da James Cosmo.

Indice


Aspetto e Carattere

Jeor conserva una figura imponente a dispetto della sua età, e la maggior parte dei confratelli lo tiene in gran considerazione. Ha spalle ampie e uno sguardo severo [2]. Ha perso quasi tutti i capelli, ma mantiene un’ispida barba grigia. E’ considerato un leader forte e risoluto, un formidabile comandante in battaglia e un uomo coraggioso che affronta le avversità senza paura. Jeor è sempre accompagnato dal suo corvo, che gli chiede continuamente chicchi di grano [3].

Storia

Il Vecchio Orso, di Elena Likhacheva©

Presumibilmente, poco prima della Ribellione di Robert [4], Jeor abdica in favore di suo figlio, Ser Jorah Mormont, e si unisce ai Guardiani della Notte. Qui fa carriera rapidamente e viene eletto Lord Comandante nel 288. Jeor Mormont è profondamente preoccupato per il declino dei Guardiani della Notte e la crescente minaccia dei bruti oltre la Barriera. Su consiglio del suo Primo Ranger, Benjen Stark, rinuncia ad utilizzare pattuglie regolari, come usava fare il suo predecessore Lord Qorgyle, in favore di un sistema casuale, variando il numero delle squadre e i giorni della loro partenza, in modo da rendere più difficile per i bruti conoscere i loro spostamenti. Talvolta, forze più consistenti sono state mandate a presidiare uno dei castelli abbandonati per una quindicina di giorni o un ciclo di luna [5].

Quando il figlio di Jeor, Jorah, fugge nelle Città Libere per evitare di essere punito da Lord Eddard per aver venduto dei prigionieri come schiavi, Jeor torna in possesso di Lungo Artiglio, la famosa spada di famiglia in acciaio di Valyria, che suo figlio si era lasciato dietro. Con l’esilio di Jorah, è Maege Mormont, sorella di Jeor, ad assumere la guida del Casato.



Eventi Recenti

Il Trono di Spade

Il Lord Comandante Mormont nomina Jon Snow come suo assistente personale per istruirlo al comando. Quando informa Jon del presunto tradimento di suo padre, lo mette in guardia, raccomandandogli di non fare sciocchezze [6].

Jeor invia il Primo Ranger Benjen Stark a cercare il ranger scomparso Ser Waymar Royce e verificare le attività di Mance Rayder, il Re-oltre-la-Barriera. Dopo il ritrovamento di due membri della squadra di Benjen, morti nei pressi della Barriera, il Lord Comandante Mormont riporta i cadaveri al Castello Nero per ulteriori accertamenti. Durante la notte, i cadaveri, che sono in realtà creature non morte, attaccano i Guardiani della Notte uccidendo molti uomini, tra cui Ser Jaremy Rykker. Solo l'intervento tempestivo di Jon e il suo meta-lupo Spettro impediscono al non morto Othor di uccidere Jeor [7]. In segno di ringraziamento per avergli salvato la vita, Jeor dona al Bastardo di Grande Inverno Lungo Artiglio, la spada “da una mano-e-mezzo”[8] in acciaio di Valyria di casa Mormont.

Lo scontro dei Re

Lord Jeor Mormont e il suo corvo, di Andy-Butnariu ©

Dopo aver informato Jon che il suo fratellastro Robb Stark è ora Re del Nord, Jeor mette di nuovo in guardia Jon, nel caso avesse intenzione di dirigersi a sud per unirsi a suo fratello [3].

Ranger scomparsi, non morti, rapporti che parlano di villaggi abbandonati dai bruti, vasti fuochi nella notte e Mance Rayder che intanto raduna il suo popolo, sono fatti che portano Jeor a decidere di guidare una vasta azione esplorativa oltre la Barriera, per scoprire cosa stia succedendo e cercare Benjen Stark. A questo scopo, recluta trecento uomini dalla Barriera e si dirige verso nord [9].

Alla fortezza di Craster, Jeor apprende che Mance sta radunando uomini nei pressi delle Zanne del Gelo, preparandosi così ad attaccare la Barriera. Jeor conduce quindi una spedizione al Pugno dei Primi Uomini, una buona posizione difensiva situata sull’unica via d’accesso di Mance alla Barriera, e invia in esplorazione tre diverse squadre.

Tempesta di Spade

In attesa del ritorno dell’ultima pattuglia, i Guardiani della Notte vengono attaccati dai non morti al Pugno dei Primi Uomini. Le loro forze vengono gravemente compromesse e Mormont guida i sopravvissuti in una cupa marcia di ritorno alla fortezza di Craster. Qui, dopo aver appreso da Samwell Tarly della sua uccisione di un Estraneo con un pugnale di ossidiana datogli da Jon Snow, Jeor discute con Sam di pugnali in vetro di drago e della necessità di dotare i Guardiani della Notte di armi in ossidiana. Tuttavia, poco dopo, Jeor viene ucciso da Ollo Lophand durante l'ammutinamento alla fortezza di Craster. Mentre giace morente, chiede a Sam di mandare un messaggio a Jorah Mormont: il suo ultimo desiderio è quello di perdonare il figlio per i suoi crimini e permettergli di tornare a casa per prendere il nero, liberandolo dal suo esilio [10].


Citazioni di Jeor

Dicevano che il re amava andare a caccia. Ma le cose che amiamo finiscono sempre con il distruggerci. Ricorda queste mie parole, figliolo.[11]


- Jeor a Jon Snow


Quando i morti vengono a camminare nel buio, credi davvero che abbia importanza chi siede sul Trono di Spade?[12]


- Jeor a Jon Snow


Sei un confratello dei Guardiani della notte... o sei solo un ragazzino bastardo che vuole giocare alla guerra?[12]


- Jeor a Jon Snow


La sai una cosa, Tarly? Quando ero un ragazzino con la metà dei tuoi anni, la lady mia madre mi diceva sempre che, se restavo a bocca aperta, poteva finire che un criceto la scambiasse per la sua tana e mi scendesse giù per la gola. Se hai qualcosa da dire, dilla. Altrimenti, attento ai criceti.[3]


- Jeor a Samwell Tarly


E ora la sua guardia si è conclusa.[10]


- Jeor a proposito di Bannen


Non abbiamo mai saputo? Un tempo invece dovevamo sapere! La confraternita dei Guardiani della notte ha dimenticato lo scopo stesso della propria esistenza, Tarly. Non si costruisce una muraglia di ghiaccio alta settecento piedi semplicemente per impedire a un branco di selvaggi ricoperti di pelli di portare via qualche donna. La Barriera esiste per proteggere i regni degli uomini... e non per proteggerli semplicemente da altri uomini, che è tutto quello che sono questi bruti, una volta che ti trovi a faccia a faccia con loro. Troppi anni, Tarly. Troppe centinaia, migliaia di anni. Abbiamo perduto la consapevolezza di qual è il nostro vero nemico. E adesso che il nemico è qui, abbiamo dimenticato come si fa a combatterlo.[10]


- Jeor a Samwell Tarly


Famiglia

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sconosciuto
 
Jeor
 
 
 
 
 
 
 
Maege
 
Sconosciuto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Lady Glover
 
Jorah
 
Lynesse Hightower
 
Dacey
 
Alysane
 
Lyra
 
Jorelle
 
Lyanna
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Figlia
 
Figlio
 


Fonti e note

  1. Lo scontro dei re, Capitolo 12, Daenerys.
  2. A Song of Ice and Fire Campaign Guide, manuale ufficiale di gioco di ruolo edito dalla Green Ronin Publishing
  3. 3,0 3,1 3,2 Lo scontro dei re, Capitolo 6, Jon.
  4. Non vi è alcuna conferma che Jeor fosse ancora Lord dell’Isola dell’Orso nel 282/283, gli anni della Ribellione. Tuttavia, è noto che egli divenne Lord Comandante dei Guardiani della Notte nel 288 e che aveva fatto carriera piuttosto rapidamente: ciò suggerisce che non avesse preso il nero molti anni prima.
  5. Tempesta di spade, Capitolo 26, Jon.
  6. Lo scontro dei re, Capitolo 48, Daenerys.
  7. Lo scontro dei re, Capitolo 52, Sansa.
  8. E' un tipo di spada che viene detta "dalla lama bastarda", più corta di un palmo e mezzo rispetto a quella di una spada lunga. «Al bastardo, una spada bastarda», scherzano spesso i Confratelli di Jon.
  9. Lo scontro dei re, Capitolo 13, Jon.
  10. 10,0 10,1 10,2 Tempesta di spade, Capitolo 33, Samwell.
  11. Il gioco del trono, Capitolo 52, Jon.
  12. 12,0 12,1 Il gioco del trono, Capitolo 70, Jon.
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti