Locke

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Locke
Locke-S4-EP-04.jpg
Locke (Noah Taylor)

Affiliazione

Casa Bolton

Serie TV

Stagione 3 Stagione 4

Interpretato da

Noah Taylor

Per l'omonima casata nobile, vedi Casa Locke


Locke è un vassallo di Roose Bolton e suo miglior cacciatore. Il personaggio è stato creato appositamente per la Serie TV, dove è interpretato da Noah Taylor. Locke sostituisce il personaggio di Vargo Hoat: quando i produttori della serie hanno eliminato la pronuncia blesa e il continuo sbavare di Vargo, trovandoli troppo eccessivi, George R. R. Martin ha richiesto che venisse cambiato anche il nome al personaggio, in quanto troppo diverso dal Vargo dei libri. Potrebbe essere un membro di Casa Locke.


Serie TV

Stagione 3

Roose Bolton incarica Locke di trovare Jaime Lannister: lui e i suoi uomini lo scovano molto presto insieme a Brienne di Tarth, sua scorta, prendendoli in custodia. Sulla via per Harrenhal Locke e i suoi uomini provano a stuprare Brienne, ma Jaime riesce a fermarli, convincendo Locke che l’isola d’origine della donna, Tarth, sia chiamata “L’isola di zaffiro” proprio per l’abbondanza di questa pietra preziosa e che il padre di lei, lord Selwyn Tarth, lo ricompenserebbe profumatamente se gli restituisse la figlia incolume. Incoraggiato da questo successo, Jaime cerca di barattare la sua libertà ricordando a Locke la ricchezza e il potere di Tywin Lannister. Queste osservazioni hanno, però, l’effetto opposto e Locke, infuriato per l’arroganza e il compiacimento di Jaime, lo mutila, mozzandogli la mano con cui regge la spada.

Locke consegna Jaime e Brienne a Roose Bolton ad Harrenhal. Lord Bolton rimprovera Locke per aver mutilato un ostaggio di tale valore. Quando lord Bolton lascia Harrenhal per recarsi al matrimonio di Edmure Tully, Locke riceve un corvo messaggero da parte di Selwyn Tarth che gli offre 300 dragoni d’oro per la libertà di Brienne, ma Locke rifiuta credendo che l’offerta sia un inganno. Mentre Jaime si prepara per tornare ad Approdo del Re insieme a Qyburn e Walton Artigli d’Acciaio, Locke deride lo Sterminatore di Re. Manda poi Brienne nella fossa dell’orso per divertire lui e i suoi uomini, dando alla donna solo una spada di legno con cui difendersi dall’animale. Jaime torna indietro e salva Brienne con l’aiuto di Denti d’Acciaio, obbligato a obbedirgli per completare la missione affidatagli da Roose Bolton. Il salvataggio di Brienne fa arrabbiare Locke.

Stagione 4

Locke torna a fianco di Roose Bolton e lo aiuta a liberare la via per tornare a Forte Terrore dagli Uomini di Ferro. Lord Bolton lo incarica poi di partire alla volta della Barriera per cercare Bran e Rickon. Sembra che Locke sia in buoni rapporti anche con Ramsay Snow. A Castello Nero, Locke è nel gruppo di nuove reclute addestrate da Jon Snow e Grenn: si finge un ladro proveniente dalle Terre della Tempesta che ha scelto di prendere il nero piuttosto che perdere una mano. Locke si offre volontario per partire con Jon alla volta del Castello di Craster e sistemare gli ammutinati. Jon ribatte che non può portare con sé una recluta, ma Locke ribadisce che Jon ha bisogno di uomini che sanno combattere per la sua impresa ed è disposto a dire il giuramento.

Non appena il gruppo raggiunge il Castello di Craster, Locke viene mandato a esplorare l'area. Trova una capanna in cui sono tenuti prigionieri Bran Stark, Hodor, Meera e Jojen Reed. Locke torna allora dagli altri e descrive la situazione, dando l'esatto numero di uomini presenti, ma mente sulla capanna, dove dice ci siano dei pericolosi mastini da cui bisogna stare alla larga. Mentre gli altri confratelli sono impegnati nella lotta, Locke raggiunge i prigionieri, individua Bran e lo libera per portarlo via. Per salvarsi, Bran prende il controllo di Hodor e lo usa per attaccare e uccidere Locke, spezzandogli il collo.

Il cadavere di Locke viene riportato al Castello di Craster da Eddison Tollett e probabilmente bruciato insieme alla struttura e ai corpi degli altri caduti.

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti