Morbo Grigio

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Jon Connington osserva l'avanzata del morbo (by FGG)

Il morbo grigio è una malattia apparentemente diffusa nel Continente Occidentale e in quello Orientale. I primi sintomi sono pelle ingrigita e dura al tatto nelle estremità che si diffonde poi nel resto del corpo, mentre i tessuti interni iniziano a irrigidirsi, impedendo le normali attività vitali, fino al sopraggiungere della morte. Nelle ultime fasi della malattia, anche le labbra e la lingua diventano di pietra e, se raggiunge gli occhi, provoca cecità. Si tratta in ogni caso di una morte lenta.[1]


Indice

Informazioni

Il morbo grigio colpisce generalmente i bambini, soprattutto in luoghi umidi e freddi. I malati che riescono a sopravvivere rimangono sfigurati per il resto della vita, ma sembrano diventare immuni alla Peste Grigia, la variante più rara e mortale del morbo grigio. Il Popolo Libero crede che chi sopravviva al morbo grigio sia impuro.[2] Tyrion Lannister crede che la leggendaria Maledizione di Garin sia soltanto morbo grigio.[3]

Se una persona viene esposta al morbo grigio deve pungersi tutti i giorni le dita di mani e piedi per controllare di non aver contratto alcuna infezione: se la puntura provoca dolore, vuol dire che non è malata, ma se comincia a essere insensibile al dolore provocato dalla puntura, la persona in questione può essere affetta dalla malattia.

A Chroyane, un insediamento in rovina sulla Rhoyne, vive una comunità di persone affette dal morbo grigio, che vengono isolate dalla società per evitare che diffondano la malattia. Gli Uomini di Pietra, come vengono chiamati, vivono in quel luogo fino alla loro morte e attaccano chiunque passi da quella zona.[3]


Diffusione e contagio

Anche se sembra certo che il morbo grigio si diffonda per contatto (e forse anche per via aerea), non è chiaro se abbia natura epidemica o si manifesti solo casi isolati. Shireen Baratheon sembra essere stata l'unica a essere colpita dal morbo grigio a Roccia del Drago, dove non sono state segnalate epidemie[1], come neanche a Pyke, dove l'unica vittima è stata Harlon Greyjoy, nonostante anche altri bambini (tra cui Aeron Greyjoy e molto probabilmente i suoi fratelli) vivessero nel castello. Aeron, in particolare, dice di ricordarsi vagamente di Harlon, isolato in una torre mentre la malattia lo consumava lentamente.[4]

Al contrario, Illyrio Mopatis parla di un'epidemia di morbo grigio che ha ucciso duemila persone a Pentos. La malattia è stata portata da una nave, su cui viaggiavano marinai malati e, nonostante tutti gli uomini siano stati uccisi, i topi a bordo della nave hanno portato la malattia in città.[5] Da questo punto di vista, il morbo grigio somiglia molto alla peste medievale in Europa e quindi ha natura epidemica se non, potenzialmente, pandemica.


Il morbo grigio negli adulti

Fino a questo momento sembra che il morbo grigio sia una malattia tipicamente infantile, ma non mancano adulti affetti dallo stesso morbo. A differenza dei bambini, però, gli adulti sembrano contrarlo solo dopo essere stati in contatto con persone già malate: la principessa Maegelle Targaryen contrae i morbo grigio stando a stretto contatto con i malati di cui si prende cura,[6] mentre Jon Connington dopo essere entrato in contatto con gli Uomini di Pietra a Chroyane.[7]


Cure

I Maestri sostengono che il morbo grigio possa essere rallentato dal lime, realizzato con una serie di impacchi di senape e bagni in acqua bollente, mentre i septon ribadiscono che la preghiera, il sacrificio e il digiuno sono l'unica cura. Secondo la credenza popolare, mozzare le estremità malate può impedire la diffusione della malattia al resto del corpo, ma non è un trattamento sempre efficace, perché la malattia potrebbe essere ormai così diffusa da infettare un'altra parte.[3][2]

Altri credono che lavarsi con l'aceto aiuti a impedire di contrarre il morbo grigio. Haldon non è sicuro dell'efficacia dell'aceto, ma provarci non costa nulla.[2]

Quando un bambino guarisce dal morbo grigio viene considerato immune sia al morbo, sia alla peste grigia. Il Popolo Libero, però, e le streghe dei boschi credono invece sia una malattia latente, da cui non si può guarire completamente, e che, prima o poi, si ripresenti. Tale teoria, però, non sembra avere fondamento: la principessa Shireen Baratheon, che è sempre in contatto con altre persone, non pare aver mai diffuso la malattia tra chi le sta intorno.


Persone affette dal morbo grigio

La principessa Shireen Baratheon, sfigurata dal morbo


Eventi recenti

Lo scontro dei re

Maestro Cressen pensa alla principessa Shireen Baratheon, sopravvissuta al morbo grigio che l'ha lasciata sfigurata.[1]


Il banchetto dei corvi

Aeron Greyjoy ripensa al suo fratellastro Harlon, di cui ha vaghi ricordi, morto di morbo grigio da ragazzo.[4]


La danza dei draghi

Illyrio Mopatis racconta a Tyrion Lannister dice che la sua seconda moglie, Serra, è morta a causa di un'epidemia di morbo grigio a Pentos.[5]

A Chroyane, sotto il Ponte dei Sogni, la ciurma della Fanciulla Pudica viene attaccata dagli Uomini di Pietra. Tyrion Lannister viene trascinato nelle acque della Rhoyne da alcuni esseri e salvato poco dopo da Jon Connington.[3] Negli esami di controllo, Tyrion risulta non affetto dalla malattia, a differenza di Jon, che l'ha contratta e inizia a sentirne gli effetti.[7][8]

Alla Barriera, Val è sospettosa nei confronti di Shireen Baratheon, perché sopravvissuta alla malattia, e dice a Jon Snow che la bambina è impura e dovrebbe essere uccisa. Se fosse stato per lei, avrebbe dato a Shireen il dono della pietà molto tempo fa.


Citazioni sul morbo grigio

La morte non terrorizzava più Tyrion Lannister, ma l'avanzata grigia era un altro discorso.
Pensieri di Tyrion Lannister[9]


Aveva sentito dire che c'erano tre cure efficaci per il morbo grigio: l'ascia, la spada e la mannaia. Mozzare l'arto colpito impediva che la malattia si propagasse, ma non sempre. Molti avevano sacrificato un braccio o un piede, solo per poi scoprire che anche l'altro stava diventando grigio. A quel punto non c'erano più speranze. Quando la pietra arrivava al volto, la cecità era inevitabile. Negli stadi finali, la maledizione passava a muscoli, ossa, organi interni.
Pensieri di Tyrion Lannister[3]


I maestri possono dire quello che vogliono. Chiedi a una strega dei boschi, se vuoi conoscere la verità. La morte grigia rimane silente, per poi risvegliarsi. La bambina è impura!
Val a Jon Snow



Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti