Popolo Libero

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.

Con il termine Popolo Libero vengono riconosciute le persone che vivono Oltre la Barriera. A sud della Barriera sono più comunemente conosciuti come “Bruti”. Gli uomini liberi sono composti da decine, centinaia e forse migliaia di persone con altrettante culture, tribù, clan e villaggi differenti. Alcuni di essi sono ragionevolmente educati, mentre altri sono selvaggi e ostili. Il popolo libero si definisce tale differenziandosi così da coloro i quali “si inginocchiano" di fronte a un re a sud della Barriera. Per il popolo libero agli “inginocchiati” manca la libertà, mentre gli abitanti dei Sette Regni vedono i bruti come assassini primitivi, stupratori e ladri senza legge.

Accampamento del Popolo Libero nella SerieTV Game Of Thrones dell'HBO©

Indice


Cultura

La Barriera, che separa il popolo libero dal resto del Continente Occidentale, divide questo popolo dal Continente Occidentale sotto diversi aspetti. Grazie al loro isolamento i Bruti riescono ad essere completamente liberi: liberi da restrizioni geografiche, liberi da nobili, da re e da leggi che non siano quelle specificatamente scelte da loro e soprattutto liberi di scegliere il leader che più li aggrada. [1] Credono che gli dei abbiano creato la terra per essere condivisa dagli uomini e che i re con le loro corone e le loro armature di ferro l’abbiano rubata sostenendo che fosse di proprietà loro. [2]

Società

La loro società è costituita da diverse tribù e clan sparsi lungo centinaia di piccoli villaggi, ognuno con le sue peculiarità e i suoi costumi. Alcuni riconoscono l’autorità di un capo, altri vivono invece in un perenne stato di conflitto, litigando tra di loro e con altri clan. Il popolo libero riconosce però l’importanza di un uomo che sappia mantenere la sua parola. [3]

Tecnologia

Il Popolo Libero scala la Barriera nella SerieTV Game Of Thrones dell'HBO©
La maggior parte del popolo libero non può considerarsi tecnologicamente avanzata. Nonostante però siano persone rudi che vivono in terre difficili, alcuni di loro sono abbastanza avanzati. Come i Thenn, per esempio, che vivono in piccole comunità molto a nord, oppure gli abitanti di Aspra Dimora che è il luogo più simile a una città che i bruti abbiano. Alcuni vivono in un regime di semi nomadismo, fermandosi solo quando abbiano necessità. I predoni della Costa Congelata o i più selvaggi Clan delle Rive Congelate si nutrono anche di carne umana. Tra di loro esistono persino degli abitanti delle caverne che si tingono il volto di blu, viola e verde. [1]

Leggi

Ci sono pochissime leggi che regolano la proprietà privata nelle terre del popolo libero. Prendono tutto ciò che possono e si tengono tutto quello che riescono a difendersi. Hanno pochissimo interesse nel matrimonio. [1]

Lingue

Il popolo libero mantiene le tradizioni dei Primi Uomini e, sebbene oltre la Barriera ci siano diversi idiomi, il più comune è l’Antica Lingua dei primi uomini. [4]

Nemici

Il popolo libero non odia gli Uomini del Nord tanto quanto odi i “corvi” dei Guardiani della Notte che rappresentano coloro i quali sorvegliano la Barriera tenendoli dall’altra parte. Il popolo libero non risparmia nessun confratello in nero a meno che questi non provino di aver rinunciato al loro giuramento. [5] Nonostante ciò, i due gruppi non si esimono da diverse collaborazioni come per esempio l’aiuto per un ritorno più agevole ai confratelli persi, oppure l’adozione dei bambini dei popolo libero da parte dei Guardiani, che li istruiscono per entrare nei loro ranghi.


Costumi

Mogli di Lancia

Mantenendo il loro spirito indipendente, le donne sono libere di maneggiare armi e combattere insieme agli uomini. Queste donne vengono chiamate Mogli di Lancia e sono conosciute per essere capaci e feroci tanto quanto la loro controparte maschile. [6]

Matrimoni

All’interno del matrimonio, l’uomo è colui che ci si aspetta che sia più brutale, arrivando addirittura a rubare le donne dalla loro famiglia o dal loro clan di origine. Le donne, in cambio, hanno il diritto di combattere per tutto il percorso fino all’arrivo. [1] Si crede che i veri uomini rubino le mogli da clan diversi e lontani, in modo da rafforzare il proprio. Agli uomini è concesso di rubare le figlie di altri uomini ma non le loro mogli. Il periodo dell’anno in cui il Vagabondo Rosso – per i bruti il Ladro- entra nella Fanciulla di Luna, viene considerato il periodo più propizio per rubare una donna. [7] Sebbene sembri più brutale dall’amore idealizzato delle corti del Continente Occidentale, alla fine è atto a evidenziare la forza e la determinazione dell’uomo, e l’indipendenza e l’abilità di difendersi di una donna.

Dare il nome a un figlio

A causa dell’altissimo tasso di mortalità dovuto al clima rigido dei luoghi Oltre la Barriera, è creduto che dare un nome al proprio bambino prima che questo superi i due anni porti sfortuna. [8] Tuttavia, può essergli attribuito un nome di latte o un soprannome prima che venga scelto quello ufficiale.

Taboo

Si crede che le donne che sposino fratelli, mariti o parenti di clan, offendano gli dei e vengano maledette con figli deboli e malaticci.

Irruzioni

Le irruzioni a sud della Barriera sono una costante della cultura del popolo libero. I predoni vengono addestrati da giovanissimi, cominciando infatti attorno ai dodici anni. [7] I predatori possono sia scalare la Barriera che usare piccole barche per attraversare la Baia delle Foche. Scalare la Barriera può occupare persino un giorno intero e spesso i ranger trovano a terra i cadaveri di coloro i quali non ce
Territori Oltre la Barriera by Earthenblood©
l’hanno fatta. [9]

Per scalare la Barriera, il popolo libero si aiuta con lunghe funi di canapa, scarponi di pelle di cerbiatto dalle cui punte spuntano rostri di ferro, bronzo o osso, lunghe mazze dalla testa di pietra, pioli, asce da ghiaccio ricavate da corna di cervo e rinforzate in punta con del metallo con impugnature di legno multiple legate da strisce di cuoio. [9]

Lungo i decenni, con l’indebolimento dei Guardiani della Notte, il popolo libero ha trovato un modo estremamente più facile per arrivare a sud. I predoni fanno irruzione fino nelle terre degli Umber, passano attraverso i territori dei Clan delle Montagne o addirittura attraverso l'Isola dell’Orso invece che attraversare i villaggi del Dono. I predoni attraversano la Barriera alla ricerca di spade, asce, picche, pellicce, spezie e ogni oggetto di valore. Solitamente, rapiscono donne in qualsiasi stagione per portarle al di la della Barriera. [2]

Armamenti

Vedi anche: Armamenti

La maggior parte dei guerrieri del popolo libero impugna ancora armi fatte di pietra, legno e bronzo. Come asce e lame di pietra, lance e arpioni dalla punta incendiaria e archi di legno e corno. I loro archi hanno una gettata minore degli archi lunghi del sud, ma possono tranquillamente raggiungere i 200 metri di gittata. [4][10] Il popolo libero non scava ne estrae metalli, pochi sono fabbri e ancora meno forgiano metalli; l’unica armatura metallica che indossano è composta dai pezzi rubati dalle armature dei ranger morti. La maggior parte dei bruti indossa cuoio bollito o pelli di pecora cucite. Utilizzano scudi rotondi di vimini ricoperti di pelle grezza dipinta con figure terrificanti come scheletri, zanne d’orso o facce demoniache. [4][5][1]

I Thenn posseggono armi migliori e sono mediamente più forniti della maggior parte del popolo libero. Hanno elmi, asce, lance lunghe e corte dalle punte acuminate, vesti cucite a dischi di bronzo e semplici scudi di cuoio bollito nero, con borchie e cerchi di bronzo. I cavalli del popolo libero sanno destreggiarsi bene nelle terre fredde in cui vivono, ma sono poco numerosi.

Eventi Recenti

Orda di bruti

Vedi anche: Conflitti al di là della Barriera

Il popolo libero si unifica sotto il controllo di Mance Rayder, il Re oltre la Barriera, un ex confratello dei Guardiani della Notte che si è stabilito oltre la Barriera, infrangendo il suo giuramento e tradendo i suoi confratelli. Mance è riuscito a raccogliere tutti i bruti attorno a lui spingendoli verso sud e allontanandoli così il più possibile dagli Estranei.

Dopo aver scalato la Barriera, il Popolo Libero cerca, senza successo, di abbattere da sud le porte del Castello Nero –in una battaglia che verrà conosciuta come Battaglia di Castello Nero- mentre da nord lo pone sotto un assedio interrotto solo dall’arrivo a sorpresa della forze di Stannis Baratheon. Sebbene il popolo libero subisca ingenti perdite di uomini, un nutrito gruppo si raduna sotto gli ordini di Tormund Veleno dei Giganti. Dall’altra parte, ai bruti viene permesso di attraversare la barriera e stabilirsi al Dono dal Lord Comandante dei Guardiani della Notte, Jon Snow.

Personaggi degni di nota

Re oltre la Barriera riconosciuti

Altri

  • Craster, possiede una casa vicino alla Barriera in cui è solito dare sostegno ai Ranger. Viene ucciso insieme al Lord Comandante Jeor Mormont da alcuni Confratelli dei Guardiani della Notte, dopo la Battaglia al Pugno dei Primi Uomini.
  • Dalla, moglie di Mance Rayder]]. Morta di parto durante la Battaglia di Castello Nero.
  • Harma chiamata Testa di Cane, una famosa combattente cinofoba. Uccisa durante la Battaglia di Castello Nero.
  • Il Lord delle Ossa, soprannominato dai ranger ( e da alcuni uomini liberi) “Rattleshirt”, un combattente sadico che indossa un’armatura di ossa. Viene catturato durante la Battaglia di Castello Nero.
  • Orell, un predone metamorfo. Viene ucciso da Jon Snow mentre si trova all’interno di un’aquila. Una parte della sua coscienza si stabilizza permanentemente nell’animale, portando questo ad odiare Jon Snow.
  • Osha, donna libera, tenuta prigioniera dagli Stark a sud della Barriera. Evita di essere uccisa scambiando la sua esecuzione con la prestazione di servizi alla famiglia. Diviene amica e guardiana di Rickon Stark.
  • Styr, il Magnar di Thenn, capo dei Thenn, una tribù bellicosa del popolo libero. Viene ucciso durante la Battaglia di Castello Nero.
  • Tormund, conosciuto come Veleno dei Giganti, è un predone incline alla battuta.
  • Varamyr Seipelli, un metamorfo ritardato che si accompagna a tre lupi, un orso delle nevi e una pantera ombra. Dopo la morte di Orell, Varamyr prende controllo della sua aquila e la utilizza per ricognizione durante la Battaglia di Castello Nero. Melisandre di Asshai uccide l’aquila mentre Varamyr è ancora all’interno, facendolo impazzire.
  • Ygritte, amante di Jon Snow dai capelli rossi. Uccisa nella Battaglia di Castello Nero.
  • Il Piagnone, un famoso predone bruto.

Citazioni

”Questa gente è veramente il popolo libero.” [11]
Jon Snow


«Sono bruti. Selvaggi, predoni, stupratori, più bestie che uomini» [12]
Bowen Marsh


«Un cane può radunare un gregge di pecore, ma nel popolo libero, alcuni sono pantere-ombra e altri sono pietre. Una specie va a caccia dove vuole e farà a pezzi i tuoi cani. L'altra non si muoverà, a meno che tu non la prenda a calci.» [13]
Mance Rayder


«Il popolo libero e quelli che si sottomettono sono più simili di quello che pensi, Jon Snow. Gli uomini sono uomini e le donne sono donne, da qualsiasi lato della Barriera siano nati. Uomini buoni e cattivi, eroi e infami, uomini d'onore, bugiardi, codardi, bestie... ne abbiamo tanti, così come li avete voi.»[13]
Val


Fonti e Note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti