Primi Uomini

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
I Primi Uomini abbattono e bruciano gli Alberi-Diga, dichiarando una guerra contro i Figli della Foresta.
I Primi Uomini furono i primi esseri umani a mettere piede nel Continente Occidentale. Furono loro a bruciare e radere al suolo le foreste di Alberi-Diga, scatenando una guerra contro I Figli della Foresta. La loro influenza culturale è ancora molto sentita, soprattutto tra gli Uomini del Nord.

Indice

Storia

L'arrivo nel Continente Occidentale

Circa 12.000 anni prima l'arrivo di Aegon Il Conquistatore, durante l'Età dell'Alba, i Primi Uomini giunsero nel Westeros dal Continente Orientale attraversando il Braccio di Dorne, terra che fungeva da ponte sul Mare Stretto. Lo attraversarono sotto la guida del cosiddetto "Primo Re", che si suppone abbia trovato il Trono di pietra di mare sulle rive della Vecchia Wyk quando giunsero per la prima volta sulle Isole di Ferro.[1] Fu lui a denominare coloro che cantano le canzoni della terra, Figli della Foresta.

La guerra contro i Figli della Foresta

I Primi Uomini arrivarono nel Continente Occidentale portando con sé la lavorazione del bronzo, del ferro, i cavalli, e le loro divinità. Con l’intenzione di imporre il loro credo, iniziarono a bruciare i grandi Alberi-Diga, convinti che gli Oltre-vedenti potessero osservare il mondo dagli occhi rossi dei volti intagliati nei tronchi.[2] Questa fu un'azione che si tradusse in una dichiarazione di guerra contro i Figli della Foresta, che per tutelare la loro tradizione, cominciarono a difendersi;[3] la magia era la loro arma principale.[3] La guerra per il predominio durò circa 2.000 anni, e fu terribile, sanguinosa. Tentando di porre fine all'invasione, i Figli della Foresta utilizzarono la magia per scatenare la furia del mare, in modo da allagare e distruggere il Braccio di Dorne. Oggi è conosciuto come Braccio Spezzato. Risultò tutto inutile, perché i Primi Uomini riuscirono numerosi a stabilirsi sulla terra ferma, e le loro abilità li rendevano più forti e tecnologicamente avanzati. Le leggende raccontano che i Figli della Foresta, per ostacolare l’avanzata nemica verso Nord, si riunirono nella Torre dei Figli, invocando gli Dei perché calassero il Martello dell’Acqua, in modo da allagare la terra che sarebbe servita da passaggio per i Primi Uomini, ma non bastò neanche questo a fermarli. Quella terra è oggi conosciuta come l'Incollatura, la paludosa regione patria dei crannogmen, che, non a caso, si pensa abbiano origine da quegli uomini che in quell'occasione entrarono in contatto con i Figli della Foresta e le loro tradizioni.
Il Patto tra i Primi Uomini e i Figli della Foresta.

Il Patto

Dopo 2.000 anni di guerra, i Primi Uomini e i Figli della Foresta, trovatisi ad un punto morto, concordarono un trattato di pace. I saggi dei due popoli s’incontrarono sull'Isola dei Due Volti, piccola terra che si trova al centro esatto del lago chiamato Occhio degli Dei. Gli Dei stessi furono testimoni dell’accordo, e per vegliare sull'isola, su ogni albero venne scolpito un volto, e venne creato il sacro ordine degli Uomini Verdi. Il patto suggellato, diede inizio ad un’amorevole convivenza. Ai Primi Uomini spettarono le coste, gli altopiani e le praterie; ai Figli rimasero le foreste. Condizione molto importante del patto, fu il divieto assoluto di abbattere, distruggere o danneggiare un qualsiasi tra gli Alberi-Diga rimasti, per nessuna ragione, in cambio della rivendicazione di tutto il Continente Occidentale.[3] Il patto pose fine all'Età dell’Alba e diede inizio all'Età degli Eroi.

Quattromila anni di pace

Il patto durò 4.000 anni; i Figli insegnarono ai Primi Uomini come utilizzare i corvi per mandare messaggi coprendo lunghe distanze in breve tempo. Ma allora gli uccelli parlavano, e i Veggenti potevano comunicare con loro.[4] Poi, arrivò la Lunga Notte, e con essa, nuove minacce. Dall'estremo Nord, gli Estranei portarono indistintamente morte e distruzione. I Figli della Foresta e i Primi Uomini dunque si allearono, intraprendendo una guerra chiamata Battaglia dell'Alba, che risultò vittoriosa, grazie al più grande degli eroi: Azor Azhai. Dopo di allora, fu innalzata la Barriera,[5] per la cui difesa venne istituito l’ordine dei Guardiani della Notte. I Figli della Foresta contribuirono alla resa dell’ordine donando loro, annualmente, lame di Ossidiana, le uniche in grado di uccidere gli Estranei.

L'Invasione Andala

I Primi Uomini si convertirono al culto degli Antichi Dei, che venne poi soppiantato da quello dei Sette Dei dopo l’invasione andala, che iniziò circa 6,000 anni prima l'arrivo di Aegon Il Conquistatore. Per secoli, Andali e Primi Uomini si batterono per il predominio sul Continente Occidentale, ma gli Andali ebbero la meglio, conquistando tutto il territorio meridionale. Ironicamente, i Re dei Primi Uomini utilizzarono proprio l'Incollatura per impedire che l'invasione si espandesse al Nord.

Cultura

Lord Eddard Stark tiene la tradizione occupandosi della sentenza di un disertore dei Guardiani della Notte.

Lingua

I Primi Uomini parlavano la Lingua Antica. Lingua dura, che viene ancora parlata tra i Bruti ed i Giganti. I nomi provenienti da questa antica lingua tendono ad essere brevi, semplici e descrittivi.

Rune

Le Rune vennero utilizzate come metodo di scrittura. Vennero scolpite sulle rocce e sui metalli, ma il significato di ciascuna runa si è perso nel tempo.[6]

Armature ed Armi

Introdussero la lavorazione del bronzo e del cuoio, e con essi armi come le spade e gli scudi.[3] Furono loro a portare i cavalli nel Continente Occidentale, animali che utilizzavano in battaglia.

Legislatura

Le Leggi dell'Ospitalità erano fondamentali. I padroni di casa erano tenuti a servire gli ospiti con pane e sale al loro arrivo. Una volta consumati, gli ospiti ricevevano totale protezione. Gravi reati come l'omicidio, son stati spesso gestiti con la condanna a morte. Se un uomo doveva essere giustiziato per i suoi crimini, colui che pronunziava la sentenza, doveva essere lo stesso ad eseguirla. Questa tradizione è stata portata avanti dalla Casa Stark.[7]

Sepoltura

La sepoltura avveniva per tumulazione. Ci sono tumuli in tutto il Nord, come ad esempio il Great Barrow, il Grande Tumulo. Quando Eddard Stark e Robert Baratheon escono per una cavalcata, si ritrovano in mezzo a un ampia pianura, la cui prospettiva è interrotta qua e là da tozzi tumuli allungati - i tumuli dei Primi Uomini.[8]

Religione

Dopo il Patto, i Primi Uomini si convertono agli Antichi Dei[3], e cominciano a scolpire i volti nei tronchi degli Alberi-Diga. Gli abitanti delle Tre Sorelle invece cominciano ad adorare la Signora delle Onde e il Signore dei Cieli[9], e credono che le tempeste siano la manifestazione fisica del loro accoppiamento. Questo culto termina con l'arrivo degli Andali, e viene soppiantato dalla fede dei Sette.[9]

Eredità

Gran parte della loro cultura è andata perduta nel corso dei millenni. I popoli del Nord hanno mantenuto però il loro spirito, e molti di loro, addirittura il sangue, compresi i membri di Casa Stark. Anche sotto l'Incollatura vi sono popoli che portano nelle vene il sangue dei Primi Uomini. Oltre la Barriera, la popolazione nella regione del Thenn si considerano gli unici eredi diretti.[10]

Luoghi che si associano ai Primi Uomini

Fonti e Note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti