Sansa Stark

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Casa Stark.png
Sansa Stark
House Lannister.png
Sansa stark 1 0 by daenerys mod-d4hwysi.jpg
Sansa by Elia Fernandez©

Appellativi

Uccellino
Alayne Stone
Lady Lannister

Titolo

Principessa di Grande Inverno

Affiliazione

Casa Stark
Casa Baelish di Harrenhal (come Alayne)

Cultura

Uomini del Nord

Data di nascita

286AA a Grande Inverno

Coniuge

Tyrion Lannister

Libro/i

Il trono di spade - PdV
Lo scontro dei re - PdV
Tempesta di spade - PdV
Il banchetto dei corvi - PdV
La danza dei draghi - Menzionata
The Winds of Winter - PdV

Interpretata da

Sophie Turner

Per la figura storica, vedi Sansa Stark (figlia di Rickon).

Sansa Stark è la figlia maggiore di Catelyn e Eddard Stark. Ha tre fratelli (Robb, Bran e Rickon), una sorella minore, Arya, e un fratellastro, Jon Snow. Sansa Stark è uno dei principali personaggi Punto di Vista presenti nei libri. Nella serie tv è interpretata da Sophie Turner.


Indice



Aspetto e Carattere

Sansa ha una bellezza tradizionale e presenta l’aspetto tipico della famiglia di sua madre (Tully): zigomi alti, intensi occhi azzurri e folti capelli castano ramato. All’inizio della saga ha undici anni. Crescendo, viene descritta come alta, aggraziata e femminile. [1] Sansa ha avuto un’educazione da nobildonna e possiede le doti tipiche delle donne della sua levatura sociale, mostrando uno spiccato interesse per la musica, la poesia, il canto, la danza, il ricamo e altre tipiche attività femminili. Come molte ragazze della sua età, Sansa è affascinata dalle canzoni e dalle storie d’amore e d’avventura, in particolare quelle che parlano di bei principi, cavalieri onorevoli, galanteria e amore. [1] All’inizio, queste canzoni e storie rappresentano la visione che Sansa ha del mondo al di fuori di Grande Inverno, un mondo del quale desidera disperatamente entrare a far parte, ma successivamente diventa disillusa da tali concetti innocenti e idealizzati. Il rapporto di Sansa con la sorella Arya è spesso teso, e le due sono una l’opposto dell’altra in molti ambiti. Sansa ha goduto per poco della compagnia di un cucciolo di meta-lupo di nome Lady. Adora le torte al limone.

Storia

Sansa è la figlia maggiore e la secondogenita di Lady Catelyn e Lord Eddard, capo della Casa Stark e Protettore del Nord. Nasce e cresce a Grande Inverno. Fin da piccola, sotto la guida della tutrice, Septa Mordane le vengono insegnati i doveri propri di una figlia di una famiglia nobile e a praticare le tipiche arti femminili. Sansa ha una sorella minore, Arya, un fratello maggiore, Robb e due fratelli minori, Bran e Rickon. Ha anche un fratello illegittimo, Jon Snow.

Eventi Recenti

Il trono di spade

Quando suo padre viene nominato Primo Cavaliere del Re, Sansa è felice alla prospettiva di una vita alla corte di Approdo del Re ed è emozionata per il suo fidanzamento con il bel principe Joffrey. Durante il loro viaggio verso la capitale, Joffrey corteggia Sansa su insistenza della madre. I due stanno passeggiando insieme, quando s’imbattono in Arya, la sorella di Sansa, che sta giocando con delle spade di legno con il suo amico Mycah. Joffrey estrae la propria spada e minaccia Mycah ma, Arya si batte con Joffrey per difenderlo; il suo metalupo Nymeria lo disarma e lo ferisce in modo lieve. [2] Successivamente, al momento di riportare i fatti a Re Robert, Arya dice la verità mentre Joffrey mente, sostenendo che Micah, Arya e Nymeria lo avessero attaccato senza alcun motivo. Sansa, che non vuole tradire il suo futuro marito, mente e si rifiuta di confermare entrambe le versioni dei fatti, dichiarando di non ricordare nulla dell’accaduto. Cersei Lannister approfitta dell’opportunità per insistere affinché il meta-lupo che ha attaccato suo figlio venga ucciso. Arya che aveva previsto un tale risvolto della faccenda, ha già allontanato da sé Nymeria; Per accontentare la regina, viene uccisa al suo posto Lady, il meta-lupo di Sansa. [3]

Ad Approdo del Re Sansa è in conflitto con la sorella in quanto sostiene che la colpa maggiore per la morte del suo meta-lupo sia da attribuire ad Arya. Continua a essere infatuata di Joffrey, ignorando ampiamente i suoi violenti cambiamenti d’umore, e sviluppa anche uno stretto rapporto con la Regina Cersei. L’assistere al torneo organizzato per celebrare la nomina di suo padre come Primo Cavaliere del Re, non fa che rafforzare gli ideali di valore cavalleresco e galanteria di Sansa, che considera gli eventi a cui sta finalmente assistendo all’altezza delle sue storie preferite. Sansa si prende anche una cotta per Loras Tyrell, il Cavaliere di Fiori; quando egli le dona una rosa rossa, è certa di trovarsi in una canzone d’amore. [4] Quando suo padre scopre la verità riguardo ai genitori di Joffrey e ordina che le figlie vengano riportate a Grande Inverno, Sansa, in un atto di ribellione, corre dalla regina e le rivela i piani di suo padre, pregandola di farla rimanere nella capitale e sposare Joffrey. Così facendo, favorisce involontariamente il piano di Cersei contro suo padre. [5] [6] Dopo la cattura di Lord Eddard, Sansa è costretta a considerare suo padre come un traditore e implorare pietà di fronte al re e al suo seguito. Joffrey, diventato Re in seguito alla morte di Robert, le promette di essere misericordioso ma, in seguito, sulle gradinate del tempio di Baelor, ordina l’esecuzione di Eddard mentre Sansa non può fare nient’altro che guardare impotente. Anche dopo la decapitazione di Eddard, Cersei sostiene che Joffrey debba comunque sposare Sansa non appena la fanciulla avrà il suo primo “sboccio”. Sansa, che ora inorridisce alla prospettiva e desidera solo tornare a casa, non ha altra scelta se non rimanere ad Approdo del Re come ostaggio in una situazione che continua a peggiorare e rinnegare suo padre e suo fratello in quanto traditori.

Sophie Turner nel ruolo di Sansa Stark.

Lo scontro dei re

Diventata ormai un ostaggio a tutti gli effetti nella Fortezza Rossa, Sansa usa la propria cortesia da nobildonna come una corazza; per mostrarsi obbediente, agisce in modo meccanico continuando a condannare come traditori i membri della propria famiglia e a implorare affinché si ottenga la pace. Joffrey ordina spesso ai membri della Guardia Reale di picchiarla, come punizione per le azioni compiute dal fratello Robb durante la ribellione.
Sansa cerca di impedire l'esecuzione del padre.
Canta per me, uccelletto.
Sansa umiliata pubblicamente da Re Joffrey.
Una volta, a corte, ordina che venga denudata e in un’altra occasione le mostra la testa di suo padre, infilzata su uno spuntone ed esposta sulla Fortezza Rossa. E’ in questo caso che Sansa pensa alla possibilità di ucciderlo, ma viene fermata dall’intervento di Sandor Clegane, che capisce le sue intenzioni e la ferma senza destare sospetti.

Durante un torneo organizzato per celebrare il compleanno di Joffrey, al quale sono presente solo pochi partecipanti e un pubblico ristretto, Sansa si rende conto di non credere più ai suoi ideali romantici di amore cortese e cavalleresco. Durante il torneo, un cavaliere di nome Ser Dontos Hollard si disonora presentandosi troppo ubriaco per poter partecipare. Joffrey decide che debba essere ucciso e Sansa è talmente sconvolta dal gesto da intervenire e dire la sua senza riuscire a fermarsi. Prima che Joffrey possa prendersela con lei per averlo contraddetto, Sansa riesce a inventarsi una bugia plausibile, confermata da Sandor. Inoltre, riesce a convincere Joffrey a risparmiare la vita di Dontos. Ormai placato, Joffrey lo priva semplicemente del cavalierato e lo fa diventare il giullare di corte, come ha suggerito Sansa. [7] Tyrion Lannister tratta Sansa con inaspettata gentilezza e il suo arrivo in città e assunzione della posizione temporanea di Primo Cavaliere del Re, pone fine agli abusi più che evidenti ai danni della ragazza. Sansa sviluppa un rapporto particolare con Sandor che, nonostante le parole brusche e l’atteggiamento scontroso, la tratta con gentilezza e si rifiuta di picchiarla su ordine di Joffrey. In privato la prende in giro per la sua natura ingenua ma, mostra anche comprensione per la situazione difficile in cui si trova la ragazza. Durante la Ribellione di Approdo del Re è Sandor che le salva la vita. Tyrion va nel panico quando vede che la sua guardia l’ha abbandonata per salvarsi e crede che sia rimasta indietro durante la rivolta. Una notte, Sansa trova un biglietto nella sua stanza che le indica di raggiungere il Parco degli Dei se desidera tornare a casa. Il messaggio si rivela essere da parte di Dontos; egli le promette di avere un piano pronto per liberarla dai Lannister e riportarla a Grande Inverno. Sansa sta all’erta per paura che si tratti di una trappola ma, accetta comunque l’offerta di Dontos, che le suggerisce di avere pazienza e perseverare. [8] Fingendo di essere diventata di recente molto devota agli Antichi Dei, Sansa si reca spesso al Parco degli Dei per incontrare Dontos, considerandolo in un primo tempo come un valoroso soccorritore che cerca di redimersi per la vergogna di cui si è macchiato, anche se alla fine arriva a dubitare delle sue capacità.

Quando l’esercito di Stannis Baratheon si sta avvicinando alla città, Sansa ha il suo primo “sboccio”, segno che è ormai diventata ufficialmente una donna. [9] Durante la Battaglia delle Acque Nere, Sansa si rifugia con molte altre nobildonne di corte presso il Grande Tempio di Baelor. Si dimostra forte e cerca di calmare le altre donne spaventate, nonostante le parole aspre e ciniche di Cersei. La regina è infatti ubriaca e non fa altro che rispondere bruscamente a Sansa e alla altre donne presenti per tutta la sera, per poi precipitarsi fuori dalla stanza. Dopo la battaglia, Sandor Clegane (che dopo aver visto divampare le fiamme si è rifiutato di continuare a combattere) si presenta ubriaco da Sansa e le propone di fuggire dalla città insieme a lui. Sansa rifiuta e Sandor la costringe a cantare per lui una canzone minacciandola con un coltello. [10] Successivamente Sansa ricorda l’accaduto in maniera diversa. In seguito alla vittoria dei Lannister, viene annunciato che il fidanzamento tra Joffrey e Sansa non è più valido; infatti, l’alleanza della Corona con la Casa Tyrell include una promessa di matrimonio tra Joffrey e Margaery Tyrell. Joffrey assicura a Sansa che potrà comunque averla quando gli pare, dato che un re può portarsi a letto qualsiasi donna desideri. Sansa rimane ad Approdo del Re, ancora un ostaggio dei Lannister; Dontos le assicura che il piano per riportarla a casa verrà attuato dopo il matrimonio e le dona una retina per capelli adornata con pietre di ametista viola. [11]

Tempesta di spade

A Sansa viene chiesto di cenare con Margaery Tyrell e sua nonna Olenna Redwyne. Viene accompagnata a cena da [[Loras Tyrell|Loras] e Sansa rimane senza fiato di fronte alla sua bellezza e ai complimenti che le rivolge. Sansa menziona la rosa che le aveva dato al torneo organizzato in onore di suo padre ma, Loras sembra essersi dimenticato sia di lei che del fiore. Sansa cerca allora di tenere viva la conversazione, ma offende inavvertitamente Loras parlando di quanto debba essere difficile per sua sorella affrontare la morte di Renly, senza rendersi conto che i due erano amanti. Loras la lascia alla cena, dove viene accolta calorosamente dalla due donne di Casa Tyrell. Durante la cena, Olenna cerca di scoprire di più riguardo a Joffrey; grazie a un po’ di persuasione e a una distrazione pianificata appositamente per impedire alle presunte spie nelle vicinanze di origliare, Sansa confessa loro che Joffrey è un mostro e implora Margaery di non sposarlo. Margaery insiste che sarà al sicuro con suo fratello Loras, ora entrato a far parte della Guardia Reale, e liquida le preoccupazioni. Le donne di Casa Tyrell menzionano la possibilità che Sansa possa essere libera di lasciare Approdo del Re e raggiungere Alto Giardino per sposarsi con Willas, l’erede dei Tyrell. Willas è stato reso storpio a una gamba, ma è gentile, intelligente e competente. Sansa accetta prontamente, ansiosa di essere libera dai Lannister e per un po’ diventa amica di Margaery. [12] Sansa confida il piano dei Tyrell a Ser Dontos ed egli le consiglia di non accettare la proposta, facendole timorosamente notare che i Tyrell non sono così gentili come sembrano. Il presunto piano di Dontos sembra evidentemente non fare progressi, e Sansa frustrata, ignora i suoi avvertimenti. Tuttavia, egli informa del piano Petyr Baelish, l’uomo per cui sta lavorando, e quest’ultimo a sua volta ne informa i Lannister.
Sansa e Tyrion si sposano nel Grande Tempio di Baelor.
Sansa nella Valle di Arryn, costruisce un castello di neve che le ricordi Grande Inverno.
Alayne by Elia Fernandez©
Petyr Baelish bacia Sansa.
Tywin Lannister non vuole rinunciare ad avere Sansa in ostaggio, per cui agisce in fretta e la dà in sposa a Tyrion nonostante entrambi siano contrari. Sansa, ora tredicenne, fa del proprio meglio per nascondere ciò che realmente prova nei confronti del nano sfigurato che ora è suo marito, comportandosi sempre in maniera cortese con lui, nonostante il disgusto che prova per il suo aspetto fisico. Tyrion non pretende di consumare il matrimonio e Sansa ne è grata, [13] soprattutto dopo essere venuta a sapere della morte della madre e del fratello alle Nozze Rosse. [14] Dontos insiste che Sansa indossi la rete per capelli al matrimonio di Joffrey e Margaery e la ragazza lo accontenta. Quando Joffrey soffoca e muore durante il banchetto nuziale, Sansa fugge e va da Dontos. Egli l’accompagna ad una barca che la porta ad una nave, dove trova ad accoglierla Petyr Baelish. Baelish spiega a Sansa che la morte di Joffrey è stata causata da un veleno, portato di nascosto al banchetto e mascherato come una delle pietre di ametista della sua rete per capelli. Poi, condivide con lei anche alcuni dettagli del piano che ha architettato con Olenna Redwyne per uccidere Joffrey. Ditocorto fa uccidere Dontos per poi gettarlo in mare, spiegando che nonostante avesse svolto bene il suo compito, non era possibile riporre fiducia in un ubriaco come lui affinché mantenesse a lungo segrete informazioni tanto delicate. [15]

Baelish porta con sé Sansa alla sua misera proprietà, l’originale 'dito corto' di terra nella Valle, le fa tingere i capelli di nero e le spiega la storia di copertura che ha inventato in modo che possa passare per la sua figlia illegittima, Alayne Stone e non essere riconosciuta. Sansa è infatti ricercata come complice nel presunto assassinio di Joffrey da parte di Tyrion. A Le Dita, la zia di Sansa, Lysa Arryn li raggiunge e sposa Petyr. [16] Dopo il matrimonio, i tre viaggiano verso la sua fortezza a Nido dell’Aquila. Qui viene rivelato a Lysa che la ragazza è in realtà sua nipote Sansa ed ella acconsente a mantenere il segreto ed aiutarla, fornendole la tinta per capelli necessaria per nascondere il colore castano ramato, la caratteristica fisica che più di qualsiasi altra la lega ai Tully. Lysa propone anche di far sposare Sansa a Robert, suo figlio cagionevole di salute. Sansa è turbata dalla proposta, ma tiene per sé i suoi veri sentimenti. Si ritrova inoltre a dover confortare il giovane Robert. Da quando sua madre si è sposata e non può più dividere il letto con lui, Robert s’intrufola spesso in quello di Sansa che è disgustata dal suo aspetto malato e dai tremiti a causa dei quali fa spesso la pipì a letto. Sansa ha sempre più le forme di una donna e si ritrova a dover respingere le attenzioni sessuali del cantastorie di Lysa, Marillion.

A Nido dell’Aquila, Sansa ha nostalgia di casa. Quando vede la neve cadere in giardino, crea un’elaborata scultura di neve che prende la forma di una fortezza e alla fine si rivela essere Grande Inverno. Rimane sorpresa quando Lord Baelish la raggiunge, l’aiuta e infine la bacia. Prima che abbia il tempo di assimilare quanto accaduto, Robert esce in giardino e distrugge il castello, sconvolgendo ancora di più Sansa. La ragazza gli rompe la bambola e Robert comincia a tremare e avere uno dei suoi attacchi. Lysa ha assistito al bacio e in momento di gelosia cerca di uccidere Sansa spingendola fuori dalla Porta della Luna. Ditocorto arriva in tempo e spinge Lysa oltre la porta, uccidendola. Successivamente, incolpa d’omicidio Marillion coinvolgendo anche Sansa nel suo piano di copertura. [17]

Il banchetto dei corvi

Brienne di Tarth comincia il suo viaggio alla ricerca di Sansa. Durante l’incontro di Cersei Lannister con il nuovo Concilio Ristretto, la discussione si sposta su Sansa Stark, l’apparente erede di Grande Inverno, e il luogo in cui si trova. Cersei sostiene che avrebbe dovuto accusarla di essere la figlia di un traditore e rinchiuderla nelle celle oscurate, anziché accoglierla nella propria famiglia. Prosegue dicendo di averle aperto la propria casa, di averla vista giocare con i suoi figli, di aver fatto sì che fosse nutrita e vestita e di aver cercato di renderla meno ignorante riguardo a come funziona il mondo, ma di essere stata ripagata per la sua gentilezza con la partecipazione all’assassinio di suo figlio. Dice al concilio che quando verrà trovato Il Folletto, verrà trovata anche Lady Sansa. Cersei è convinta che la ragazza non sia morta, ma promette che una volta trovata, prima che abbia finito con lei, Sansa “canterà allo Sconosciuto, implorandone il bacio”. A questa dichiarazione segue un silenzio imbarazzato del Concilio Ristretto. [18]

Nel frattempo, a seguito della morta di Lysa, Sansa, ancora nei panni di "Alayne Stone", diventa di fatto la Lady di Nido dell’Aquila, passando il tempo a confortare il cugino sempre malaticcio, Lord Robert, mentre viene istruita da Lord Baelish su alcuni dei punti focali degli intrighi di corte. Quando durante un incontro tra Petyr e i Lord Alfieri, Lyn Corbray estrae la spada, Baelish usa a proprio vantaggio l’inosservanza dell’ “etichetta” da parte dei suoi ospiti e richiede di mantenere la reggenza al posto del piccolo Lord Robert per un periodo di prova di un anno. Sansa ipotizza correttamente che Corbray non sia nient’altro che una pedina per Baelish, come lui stesso conferma. Petyr confida poi a Sansa i suoi piani per un’eventuale matrimonio tra lei e l’erede degli Arryn dopo Robert, Harrold Hardyng, e la possibiltà di rivelare la sua vera identità e reclamare Grande Inverno.


Citazioni di Sansa

"La mia pelle è diventata porcellana, avorio, acciaio." [15]
"Non è vero! Non è per niente come quel vecchio ubriacone di suo padre!" [5]

- In risposta ad Arya che afferma che Joffrey è un bugiardo, un vigliacco e un cervo, non un leone.

Il Mastino aveva ragione. . . Sono solo un uccelletto ammaestrato, e ripeto tutto quello che mi hanno insegnato." [19]
Nessuno mi sposerà per amore. Mai." [20]

Citazioni su Sansa

Tu sei come uno di quegli uccelletti delle isole dell'Estate, non è così? Un grazioso uccelletto parlante, che recita da bravo tutte le paroline che gli sono state insegnate." [21]

- Sandor Clegane, a Sansa

A tre anni, Sansa era già una lady. Sempre così delicata, così desidero-sa di compiacere. Più di ogni altra cosa, amava le storie di valore cavalie- resco. Gli uomini dicevano che mi somigliava, ma diventerà una donna molto più bella di quanto io sia mai stata, è evidente. Spesso, mandavo via la sua cameriera per poterle spazzolare io stessa i capelli. Aveva capelli ramati, più chiari dei miei, ma così folti, così vaporosi... Alla luce delle torce, la loro tonalità rossa splendeva come rame." [22]

- Lady Catelyn ripensa a sua figlia.

Dalle un cagnolino, sarà anche più contenta." [23]

- Robert Baratheon

Ha perduto la sua lupa." [24]

- Bran a Robb

Famiglia

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Beron
 
Lorra Royce
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Donnor
 
Lyanne Glover
 
Willam
 
Melantha Blackwood
 
Artos
 
Lysara Karstark
 
Berena
 
Alysanne
 
Errold
 
Rodrik
 
Arya Flint
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Brandon
 
 
Edwyle
 
Marna Locke
 
Jocelyn
 
Benedict Royce
 
Brandon
 
Benjen
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Casa Royce
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Rickard
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Lyarra
 
Branda
 
Harrold Rogers
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Brandon
 
Sconociuta
 
Eddard
"Ned"
 
Catelyn
Tully
 
Lyanna
 
Benjen
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Jon Snow
 
Robb
 
Jeyne
Westerling
 
Sansa
 
Tyrion
Lannister
 
Arya
 
Brandon
"Bran"
 
Rickon
 
 
 
 


Fonti e Note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti