Aegon II Targaryen

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Versione del 13 gen 2016 alle 23:14 di Daughter of Winter (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
561px-House Targaryen crest.PNG
Aegon II Targaryen
AegonII crest.png
Aegon II.jpg
Aegon l’Usurpatore – by Amok©

Regno

129 CA - 131 CA

Nome completo

Aegon Targaryen, secondo del suo nome

Alias

Aegon il Vecchio [1]
Aegon l’Usurpatore[2]

Altri titoli

Re dei Sette Regni
Protettore del Reame

Data e luogo di nascita

107 CA, Approdo del Re [3]

Data e luogo di morte

131 CA, Approdo del Re [3]

Casa reale

Casa Targaryen

Predecessore

Viserys I Targaryen

Successore

Aegon III Targaryen

Regina consorte

Helaena Targaryen

Discendenza

Jaehaerys Targaryen
Jaehaera Targaryen
Maelor Targaryen

Padre

Viserys I Targaryen

Madre

Alicent Hightower

Libri

The Rogue Prince – Menzionato
La principessa e la regina – Menzionato
Il Trono di Spade – Menzionato
Tempesta di spade – Menzionato
Il banchetto dei corvi - Menizonato
Il mondo del ghiaccio e del fuoco - Menzionato

Diversi articoli hanno lo stesso nome dell'articolo che stai leggendo! Visita la pagina di disambiguazione per visualizzarli. Disambig.png


Aegon II è il sesto re Targaryen a sedere sul Trono di Spade. Succede al padre Viserys I Targaryen e la sua incoronazione è messa in discussione dalla sorellastra Rhaenyra Targaryen, che Viserys aveva designato come sua erede. Ne deriva la sanguinosa guerra civile che i menestrelli chiamano Danza dei Draghi, nella quale entrambi perdono la vita.
Aegon sposa sua sorella Helaena Targaryen. Cavalca il drago Sunfyre, detto il Dorato, e il suo stemma personale è costituito da un drago giallo-oro anziché rosso, ad indicare la sua cavalcatura. Nel corso della Danza, i suoi sostenitori adottano tale effige come vessillo.[3]


Indice


Aspetto e carattere

Aegon ha baffi sottili e uno sguardo spesso corrucciato. Fisicamente, assomiglia al padre. Indossa la corona di Aegon il Conquistatore e la sua arma è l’ancestrale spada Blackfyre.[2] Caratterialmente, è avido, lunatico e indolente. In aggiunta, è assai promiscuo e tutti sanno che ha un gran numero di bastardi.[1] Dopo che si è diffusa la notizia della morte di re Viserys I, Aegon non si trova con la moglie ed i figli, bensì fra le braccia della sua amante.[2]


Storia

Re Viserys I, padre di Aegon, ha tre figli con la prima moglie, la regina Aemma Arryn, tra cui due maschi morti precocemente. L’unica a raggiungere l’età adulta è la principessa Rhaenyra. In assenza di un erede maschio, Viserys alleva quest’ultima perché sia lei a succedergli alla sua scomparsa. A questo proposito, le impartisce nozioni di politica e la ammette nel suo Concilio Ristretto. Nel 105 CA, poco dopo la morte di Aemma e del suo bambino, centinaia di lord e cavalieri giurano fedeltà alla piccola principessa, promettendo solennemente di difendere lei ed i suoi diritti.[2]

L’anno seguente, nel 106 CA, Viserys si unisce in seconde nozze ad Alicent Hightower, la quale gli dà quattro figli: Aegon, Aemond, Daeron e una femmina, Helaena. Sebbene ora Viserys abbia ben tre figli maschi, la sua erede rimane la figlia di primo letto Rhaenyra.[2][1]


Danza dei Draghi

Quando re Viserys I muore, nell’anno 129 CA, la sua volontà di far sedere Rhaenyra sul Trono di Spade non viene rispettata. Ser Criston Cole, Lord Comandante della Guardia Reale e più tardi conosciuto come il Creatore di Re, approva l’incoronazione di Aegon contro i desideri del defunto sovrano. Rhaenyra si oppone alla prevaricazione del fratellastro ai suoi danni e il regno si divide in due fazioni politiche: i verdi, ovvero i sostenitori di re Aegon II, e i neri, fedeli alla pretendente Rhaenyra. La guerra civile denominata Danza dei Draghi ha così inizio. Aegon mantiene l’esperto Ser Otto Hightower, suo nonno, come Primo Cavaliere del Re, il quale ha ricoperto la stessa carica sotto suo padre Viserys I ed anche, per minor tempo, sotto Jaehaerys I, nonno di Viserys.[2] Sempre nello stesso periodo, per ragioni tuttora sconosciute, Aegon II dà il Gran Maestro Gerardys in pasto al suo drago.[4]

In principio alla guerra, l’erede di Aegon, il giovane principe Jaehaerys, è assassinato nella Fortezza Rossa da due delinquenti: Sangue e Formaggio, assoldati da Mysaria, la leader delle spie del principe Daemon Targaryen. Presto, a causa della parte da lei avuta nell’uccisione del figlio, la regina Helaena sprofonda nella depressione nella follia.[2]

Siccome Ser Otto Hightower si mostra esitante nel guidare l'offensiva, Aegon lo destituisce dal suo incarico, conferendo l’onore a Ser Criston il Creatore di Re, il quale si dà subito da fare per volgere le sorti del conflitto a favore dei verdi. Egli tende al nemico una trappola presso il Riposo del Corvo, nella quale lo stesso re e suo fratello Aemond il Guercio battono e uccidono Rhaenys Targaryen, la Regina Che Non Fu Mai, ed il di lei drago Meleys.
Tuttavia, sia Aegon che Sunfyre sono gravemente feriti. Il primo ha ustioni e ossa rotte e, per di più, l’armatura gli si è fusa nella carne del braccio sinistro. Gli occorre un anno per riprendersi, periodo di tempo in cui la sua mente è il più delle volte annebbiata dal latte di papavero somministratogli per il dolore, che lo fa dormire per nove ore di seguito dopo dieci da sveglio. Solamente la regina Alicent, sua madre, e il suo Primo Cavaliere Ser Criston hanno il permesso di disturbare il suo riposo. Nel frattempo, il principe Aemond governa in sua vece come principe reggente. Aegon rimane gobbo e deforme per il resto dei suoi giorni, con metà del corpo sfigurata dalle ustioni.

Quando, nel 130 CA, la sorellastra Rhaenyra s’impadronisce di Approdo del Re e del Trono di Spade, Larys Strong lo fa fuggire in segreto. Travestitosi da uno dei semi di drago del popolino, Aegon si’infiltra a Roccia del Drago, convincendo diversi membri dei neri a cambiare schieramento e ad aiutarlo a catturare l’intera isola. Nell'assalto al castello, viene affrontato dalla temeraria Baela Targaryen, figlia del principe Daemon. I due si scontrano in sella ai rispettivi draghi: Sunfyre e Danzatore di Luna. Aegon si spezza entrambe le gambe nel cadere dalla sua cavalcatura quando questa sta precipitando al suolo avvinghiata all’avversario. Da qui in poi, soffrirà di dolori atroci, ma, ciononostante, si rifiuterà di tornare a bere il latte di papavero, memore della convalescenza seguita alla battaglia presso il Riposo del Corvo. Intanto, nella capitale, la regina Helaena sua moglie ha posto fine alle sue pene suicidandosi.

Nel 130 CA, Rhaenyra vola a Roccia del Drago con il figlio Aegon, il futuro re Aegon III. Una volta arrivati, i due sono subito catturati dagli uomini del re. Rhaenyra è accusata di tradimento e divorata da Sunfyre sotto gli occhi del piccolo Aegon, che non si riprenderà mai più dal trauma.[5] Sebbene Rhaenyra sia morta, i suoi più leali sostenitori, fra cui Lord Stark, continuano a lottare difendendo la causa del figlio maggiore della defunta. Tornato ad Approdo del Re, Aegon II libera Lord Corlys e perdona il suo omonimo Aegon, ammettendolo nel suo Concilio Ristretto. Di fronte alla sconfitta dell’armata di Borros Baratheon ed alla marcia di Lord Stark e dei suoi uomini sulla capitale, Lord Corlys, presagendo l’imminente sconfitta, consiglia al re di prendere il nero. Quest’ultimo rifiuta, ma non vive ancora a lungo. Aegon secondo del suo nome viene misteriosamente avvelenato nell’anno 131 CA.[3]

Tutti e due i figli maschi di Aegon II sono periti nelle atrocità della guerra, per cui, Aegon III Targaryen, figlio maggiore di Rhaenyra e nipote del defunto re, ascende al trono sposando Jaehaera, unica figlia di Aegon ed Halaena.


Il Concilio Ristretto sotto Aegon II

Durante il regno di re Aegon II, il Concilio Ristretto si compone dei seguenti membri:


Citazioni di Aegon

Rhaenyra: Fratello caro, avevo sperato che tu fossi morto.
Aegon II: Dopo di te. Sei tu la più vecchia.
Rhaenyra: Lieta che tu lo ricordi. Sembra proprio che siamo tuoi prigionieri... ma non pensare di poterci trattenere a lungo. I lord a me fedeli mi troveranno.
Aegon II: Se ti cercheranno nei Sette Inferi, può darsi.[2]
Rhaenyra Targaryen ed Aegon II


Liberate in volo i corvi. Che il reame sappia che la pretendente è morta e che il suo vero re sta tornando a casa, a rivendicare il trono di suo padre.[2]



Famiglia

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Corlys
Velaryon
 
Rhaenys
 
 
 
 
 
Aemma
Arryn
 
Viserys I
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Alicent
Hightower
 
 
Daemon*
 
Rhea
Royce
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Laena
Velaryon
 
Daemon*
 
Laenor
Velaryon
 
Rhaenyra
 
Daemon*
 
Figlio
 
Baelon
 
Aegon
II
 
Helaena
 
Aemond
 
Daeron
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Rhaena
 
Baela
 
Jacaerys
Velaryon
 
Lucerys
Velaryon
 
Joffrey
Velaryon
 
Aegon
 
Viserys
 
Visenya
 
Jaehaerys
 
Jaehaera
 
Maelor


*Il principe Daemon Targaryen è stato il marito di Rhea Royce dal 97 CA fino al 115 CA. Ha poi sposato lady Laena Velaryon nel 115 CA; il loro matrimonio è finito alla morte di Laena nel 120 CA. Quello stesso anno Daemon ha sposato sua nipote, la principessa Rhaenyra Targaryen.



Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti