Casa del Bianco e del Nero

Le porte della Casa del Bianco e del Nero © FFG
Arya Stark al terzo livello della Casa del Bianco e del Nero - di Marc Simonetti ©

La Casa del Bianco e del Nero, situata a Braavos, è il tempio dedicato al Dio dai Mille Volti e ritrovo degli Uomini senza Volto.


Informazioni Generali

La Casa del Bianco e del Nero sorge su un’ altura rocciosa di scura roccia grigia, senza finestre e con un pavimento lastricato e nero. Le porte in legno intagliato sono alte dodici piedi: quella di sinistra è stata costruita in legno di Albero-Diga, quello di destra in ebano. Al centro di ogni porta vi è incisa una luna piena, in ebano su quella fatta con l'albero-diga, e in albero-diga su quella in ebano. Una scalinata in pietra grigia conduce al molo e l’altura stessa è percorsa da numerosi passaggi scavati nella roccia. [1]

Le celle dei preti e degli accoliti sono situate nel primo livello sotto il piano nobile; le celle per il personale di servizio nel secondo. Al terzo livello, accessibile solo ai sacerdoti, vi è il sancta sanctorum, [2] e contiene il gran numero di volti offerti alla Casa che tappezzano le pareti e vengono utilizzati come travestimento.[3]

Al centro della stanza principale del piano nobile vi è una piscina di circa dieci piedi e attorno alle pareti della stanza sono posizionate le statue di circa trenta divinità.[1] Tra loro vi sono Signora Piangente, il Leone della Notte, il Viandante Incappucciato, Bakkalon, la Fanciulla dal Volto di Luna, lo Sconosciuto e Re Merling.[2] Nel tempio non ci sono servizi o canti; i fedeli possono visitare la piscina, le statue delle divinità, e, persino, chiedere di un sacerdote.[2]


↑Vai a inizio sezione

Eventi Recenti

Il banchetto dei corvi

A Braavos, Arya Stark raggiunge la Casa del Bianco e del Nero, dove un uomo gentile la inizia all'associazione degli Uomini senza Volto.[1] Per essere addestrata le viene chiesto di cancellare la sua vecchia personalità, comprese le sue origini e lei esegue tutto quello che le viene chiesto abbandonando qualsiasi cosa appartenesse alla sua vecchia vita, fatta eccezione per Ago, che nasconde in un posto sicuro. [2]


La danza dei draghi

Arya rimane cieca e al servizio della Casa del Bianco e del Nero. [4] Più tardi l'Uomo Gentile la invia a Izembaro. [2]


↑Vai a inizio sezione

Fonti e Note

  1. 1,0 1,1 1,2 Il banchetto dei corvi, Capitolo 6, Arya.
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 2,4 Il banchetto dei corvi, Capitolo 22, Arya.
  3. La danza dei draghi, Capitolo 64, La Fanciulla dal Volto Spezzato (Arya II).
  4. La danza dei draghi, Capitolo 45, La Fanciulla Cieca (Arya I).
↑Vai a inizio sezione

Ultima modifica il 8 dic 2014 alle 23:35