Harren Hoare: differenze tra le versioni

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Riga 57: Riga 57:
 
{{references|1}}
 
{{references|1}}
  
[[Categoria:Personaggi]] [[Categoria:Personaggi delle Isole di Ferro]] [[Categoria:Casa Hoare]] [[Categoria:Nobili]][[Categoria:Re]] [[Personaggi delle Terre dei Fiumi]]
+
[[Categoria:Personaggi]] [[Categoria:Personaggi delle Isole di Ferro]] [[Categoria:Casa Hoare]] [[Categoria:Nobili]][[Categoria:Re]] [[Personaggi delle Terre dei Fiumi]][[Categoria:Re delle Isole di Ferro]][[Categoria:Re delle Isole e dei Fiumi]]

Versione delle 00:02, 19 mar 2016

Hoare.png
Harren Hoare
Hoare.png
Harren the Black TheMico.jpg
Harren Hoare by TheMico

Alias

Harren il Nero

Titolo

Re delle Isole e dei Fiumi

Cultura

Isole di Ferro

Morto

nel 1 CA ad Harrenhal

Casata reale

Casa Hoare

Predecessore

Halleck Hoare

Libri

Il mondo del ghiaccio e del fuoco - menzionato
Il gioco del trono - menzionato
Lo scontro dei re - menzionato
Tempesta di spade - menzionato
Il banchetto dei corvi - menzionato

Harren Hoare, più conosciuto come Harren il Nero, è l'ultimo Re delle Isole e dei Fiumi che domina le Isole di Ferro e le Terre dei Fiumi e l'ultimo membro della Casa Hoare a regnare. Completa un enorme castello, Harrenhal, che avrebbe dovuto servire da sua dimora.


Indice

Storia

Harren nasce nella Casa Hoare, la casata regnante delle Isole di Ferro, è nipote di re Harwyn Hoare, che ha esteso il dominio degli Uomini di Ferro nelle Terre dei Fiumi, dall'Incollatura al Fiume delle Rapide Nere, ed è figlio di re Halleck Hoare. Il fratello di Harren è poi diventato il Lord Comandante Hoare dei Guardiani della Notte.[1]

Durante il suo regno, Harren è un tiranno vanesio e sanguinario, odiato da tutti i suoi sudditi. Mentre Halleck regna da una modesta torre a Fairmarket[2], Harren desidera un castello più grande e ordina la costruzione di Harrenhal, un'enorme fortezza, un progetto per che necessita di tre generazioni (circa 40 anni) per essere portato a termine. Le Terre dei Fiumi vengono prosciugate per finanziare l'edificio, migliaia di prigionieri muoiono nelle miniere incatenati a slitte o nei cantieri delle possenti mura e delle torri. Alberi-diga vecchi di migliaia di anni vengono abbattuti e trasformati in travi e assi.

Il castello è appena stato completato quando Aegon il Conquistatore arriva nel Continente Occidentale. Aegon vince durante la Battaglia delle Canne, ma due dei figli di Harren escono vittoriosi dai Salici Gementi, anche se vengono uccisi da Balerion mentre attraversano l'Occhio degli Dèi, di ritorno ad Harrenhal. Il dominio tirannico di Harren gli ha fatto guadagnare pochissimi amici tra i lord dei fiumi, che si ribellano guidati da lord Edmyn Tully, mentre Aegon avanza. I signori dei fiumi si rivoltano contro Harren per sostenere i Targaryen e si uniscono all'armata del Conquistatore.

Harren si rifugia ad Harrenal, ben rifornita, il castello più grande del continente, e rifiuta l'offerta di Aegon, ovvero giurargli fedeltà, in cambio di mantenere il dominio di Harrenhal e il titolo di re delle Isole di Ferro. I draghi di Aegon, per cui le mura della fortezza non sono un ostacolo, bruciano vivi Harren e i suoi figli nella torre più alta del castello,[3] ponendo fine al suo regno e al suo dominio.[4][5] Il fratello di Harren, il Lord Comandante Hoare, rimane alla Barriera mentre la sua famiglia perisce ad Harrenhal.[1]

La morte di Harren e i suoi figli lascia un vuoto di potere: Aegon affida il governo delle Terre dei Fiumi a lord Edmyn Tully, nuovo Lord Supremo del Tridente, mentre permette agli uomini di ferro, nel caos che segue la morte dei loro signori, di scegliere il loro lord: la scelta ricade su Vickon Greyjoy, che da quel momento domina le Isole di Ferro in nome di Aegon.[6]




Citazioni di Harren

Aegon: Arrenditi adesso e rimarrai lord delle Isole di Ferro. Arrenditi adesso, e i tuoi figli vivranno e regneranno dopo di te. Ho ottomila uomini al di fuori di queste mura.

Harren: Quello che c'è fuori non mi interessa. Queste mura sono forti e spesse.
Aegon: Non abbastanza per tenere lontani i draghi. I draghi volano.
Harren: Ho costruito questa fortezza in pietra. La pietra non brucia.
Aegon: Se è questa la tua scelta, quando il sole tramonterà la tua stirpe sarà estinta.

Harren e Aegon I Targaryen [7]



Citazioni su Harren

Nessun re del Continente Occidentale era più temuto di Harren il Nero, della cui crudeltà si tramandava nei Sette Regni.
Scritti di maestro Yandel[8]



Fonti e note

Personaggi delle Terre dei Fiumi
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti