La danza dei draghi-Capitolo 52

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Versione del 23 set 2015 alle 20:57 di Daughter of Winter (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


Daenerys IX
La danza dei draghi
Copertina12.jpg
PDVDaenerys
LuogoMeereen
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Theon I  ← Daenerys  IX → Jon  XI


Con grande rammarico e disgusto da parte della Regina dei Draghi, a Meereen sono riaperte le fosse da combattimento. L’armistizio con Yunkai viene pagato con il sangue, da sempre il prezzo della pace. Infine, però, l’improvvisa riapparizione di Drogon sembra dare una svolta al destino di Dany.


Indice


Sinossi

Con l’aiuto delle sue ancelle dothraki e della scriba Missandei, Daenerys Targaryen si prepara a presenziare alla riapertura delle fosse da combattimento di Meereen ed al conseguente bagno di sangue. Ciò, in piena contraddizione con il governo della regina, costituisce un compromesso essenziale per garantire la pace con Yunkai raggiunta sposando Hizdahr. Daenerys è profondamente riluttante all'idea di permettere uccisioni e squartamenti, ma sa anche che non può sottrarsene: una regina non appartiene a se stessa, bensì alla sua gente. Dany e il marito vengono trasportati in palanchino sino alla Fossa di Daznak. Durante il percorso, uno dei portatori sviene per il caldo e la fatica. Daenerys nota con amarezza che, sebbene abbia vietato la schiavitù nella città, non è riuscita a liberare gli umili da una quotidiana condizione d’asservimento. La regina ordina subito che l’uomo venga aiutato a rialzarsi e che gli siano dati cibo e acqua. Le Belve d’Ottone eseguono gli ordini e Hizdahr osserva che, prima che Daenerys assumesse il controllo di Meereen, il portatore avrebbe ricevuto tutt’altro trattamento: una scarica di frustate. A tali parole, Daenerys cerca di compiacersi delle piccole vittorie ottenute.

La Fossa di Daznak è gremita di meereenesi, nobili e individui del volgo, Grandi Padroni e grazie. Dany siede nel palco d’onore con il marito e gli uomini che costituiscono la sua scorta personale, Ser Barristan Selmy e Belwas il Forte. I combattimenti hanno inizio e la sabbia dell’arena beve il sangue degli sconfitti. Uomini dalle molte etnie e nazionalità si scontrano facendosi a pezzi. Daenerys è acclamata come “Mhysa”, ma ella sa bene la gente nella fossa non ama lei, bensì lo spettacolo di morte e brutalità che sta avendo luogo sotto i loro occhi.

Viene realizzata una pantomima con due nani che cavalcano, rispettivamente, un cane ed una scrofa.[1] Uno dei nani fa sfoggio del cervo della Casa Baratheon, mentre l’altro dei colori della Casa Lannister. La farsa è stata chiaramente concepita per compiacere Daenerys ma, non appena saputo che in programma c’è l’imminente liberazione dei leoni, la regina non nasconde il suo dissenso. Proibisce categoricamente che le belve vengano liberate e che i nani rischino la vita. Dissimulando a fatica la rabbia, Hizdahr dà ordine di lasciare le fiere nelle gabbie. Per rianimare il pubblico deluso, viene fatta scendere in campo Barsena la Mora, guerriera molto amata. La donna affronta un cinghiale armata solamente di due lame. L’astuto animale, dopo esser stato ferito, smette di caricare e, quando Barsena insiste nel provocarlo, squarcia la combattente dalla gamba all’inguine. Segue la scena raccapricciante in cui il cinghiale uccide la donna, sventrandola. Nauseata e all’apice della sopportazione, Daenerys chiede di poter fare ritorno nei suoi appartamenti. Intanto, Belwas, lamentando d’aver mangiato troppe locuste, si sente male e vomita.[2] Ad un tratto, un’ombra alata cala sulla fossa.

Daenerys e Drogon nella Fossa di Daznak - Artista sconosciuto.

Drogon, il drago di Dany sfuggito al confinamento nei sotterranei della Grande Piramide, plana sull’arena banchettando con il cinghiale e il cadavere di Barsena, che avvolge con il suo fuoco rossonero. Un domatore gli balza sul dorso conficcandogli una lancia nel collo. La bestia disarciona il suo aggressore strappandogli un braccio con un morso. Quando Hizdahr ordina di abbattere il drago, Daenerys si precipita nella fossa. Dapprincipio, Drogon non sembra riconoscerla. Rabbioso e sanguinante, lancia fiammate intimidatorie. Dany raccoglie la frusta con la quale si è cercato di riportare in gabbia il cinghiale e la usa per domare la creatura. Infine, la ragazza riesce nell’intento di salire in groppa al drago, che lascia la fossa librandosi in volo con lei a cavalcarlo.


Lista dei personaggi

Apparsi


Menzionati


Luoghi e termini menzionati


Note

  1. Si tratta di Tyrion Lannister e Penny, l'uno a cavallo di Scrocchio e l'altra in groppa a Carina Porcellina.
  2. Le locuste al miele sono cibo avvelenato destinato alla stessa Daenerys. Belwas, uomo di straordinaria forza e robusta corporatura, sopravvive riuscendo a smaltire il veleno.
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti