Addam Marbrand

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Marbrand.png
Addam Marbrand
City watch.png
Addam Marbrand.jpg
Addam by FFG

Titolo

Ser[1]
Comandante della Guardia Cittadina di Approdo del Re[2]

Affiliazione

Casa Marbrand[3]

Cultura

Terre dell'Ovest

Libri

Il gioco del trono - compare
Lo scontro dei re - compare
Tempesta di spade - compare
Il banchetto dei corvi - comprare
La danza dei draghi - menzionato

Serie tv

Stagione 1

Interpretato da

B.J. Hogg

Addam Marbrand è un cavaliere della Casa Marbrand, figlio ed erede di lord Damon Marbrand di Ashemark. Ha avuto in molte occasioni l'incarico di guidare gli esploratori dell'esercito di lord Tywin Lannister e ora ricopre il ruolo di Comandante della Guardia Cittadina di Approdo del Re[2]

Addam Marbrand (B.J. Hogg) nella serie tv

Indice

Aspetto e carattere

Addam è snello, con capelli rosso scuro lunghi fino alle spalle.[4] Eccellente cavaliere e spadaccino, è inoltre ritenuto un bravo soldato e descritto come il tipo d'uomo che altri seguirebbero volentieri in battaglia.[5][2]

Cavalca un vivace destriero, le cui decorazioni di bronzo richiamano il mantello di Addam, decorate inoltre con l'albero in fiamme della Casa Marbrand.[5]


Storia

In gioventù, ser Addam era un paggio a Castel Granito e amico d'infanzia di Jaime Lannister.[6]


Eventi recenti

Il gioco del trono

I Marbrand sono una delle principali casate nobili fedeli ai Lannister e ser Addam è uno dei cavalieri più importati al servizio di lord Tywin Lannister.[3] Quando Catelyn Tully prende prigioniero Tyrion Lannister, lord Tywin richiama i suoi alfieri e si lancia all'attacco delle Terre dei Fiumi. Addam risponde alla convocazione e gli viene affidato il comando della cavalleria. Nelle prime settimane della Guerra dei Cinque Re, l'avanguardia di ser Addam compie razzie nella zona delle Torri Gemelle, con sporadici scontri con i soldati della Casa Frey.[7]

Robb Stark, figlio di Catelyn, chiama gli alfieri della Casa Stark e guida l'esercito verso sud. Gli esploratori di ser Addam notano l'arrivo dell'esercito del nord e avvisano lord Tywin:[1] il lord ordina a ser Addam di ritirarsi e di attaccare i fianchi dell'esercito nemico, mentre lui guiderà i Lannister verso nord.[1]. Lungo la Forca Verde del Tridente, gli uomini di ser Addam si scontrano di tanto in tanto con quelli di ser Brynden Tully, mentre il cavaliere guida la ritirata, come ordinato da lord Tywin. La vittoria di ser Brynden nelle schermaglie, permette a Robb Stark di dividere l'esercito senza che il nemico se ne accorga.[7] Addam comunica che l'esercito degli Stark si sta dirigendo a sud delle Torri Gemelle e che i Frey si sono uniti agli uomini del Nord.[4]

Addam si ricongiunge all'esercito di lord Tywin e gli viene affidato il comando dell'ala destra dell'armata durante la Battaglia della Forca Verde, un totale di 4000 uomini a cavallo e tre quarti dei cavalieri a servizio di lord Tywin, tra cui ser Flement Brax, uomini dei Crakehall e di Campo di Grano. I Lannister vincono la battaglia e ser Addam porta personalmente a lord Tywin la notizia della cattura di lord Medger Cerwyn, ser Wylis Manderly, Harrion Karstark e quattro Frey e della morte di lord Halys Hornwood. Tywin chiede di Robb Stark e ser Addam ammette che i suoi prigionieri hanno raccontato che il ragazzo ha attraversato le Torri Gemelle con la maggior parte della cavalleria per liberare Delta delle Acque.[4]

Dopo le sconfitte al Bosco dei Sussuri e agli Accampamenti, lord Tywin convoca un consiglio di guerra. Addam critica ser Harys Swyft perché continua a dire ovvietà e rifiuta la proposta di Leo Lefford di chiedere una tregua ed effettuare uno scambio di prigionieri: Addam sostiene che le due vittorie ottenute dagli Stark non significa che abbiano vinto la guerra e ribadisce che bisogna continuare a combattere, esprimendo il desiderio di far assaggiare "il suo acciaio" a Robb Stark. Consiglia di rifiutare una tregua e marciare contro l'esercito nemico.[8]

Tywin congeda quindi i suoi alfieri per discutere con i membri della sua famiglia: ordina la divisione del suo esercito ad Harrenhal e di mandare l'avanguardia di ser Addam a coprire i suoi movimenti, così che i suoi nemici non li scoprano. Quando il lord affida a Tyrion il ruolo di Primo Cavaliere del Re pro tempore, Addam è uno dei nomi che il Folletto suggerisce in alternativa.[8]


Lo scontro dei re

Addam rimane nell'esercito di lord Tywin Lannister in qualità di comandante dell'avanguardia e degli esploratori durante l'occupazione di Harrenhal. Quando lord Tywin decide di lasciare la fortezza, ser Addam e i suoi uomini sono i primi a partire, un giorno prima del resto dell'esercito: molto amato dalle donne del castello, Addam è descritto come grande cavaliere e spadaccino, oltre al comandante più coraggioso a servizio di lord Tywin.[9] Si dirige verso ovest per unirsi al suo lord e cercare di riconquistare Harrenhal, ma viene respinto tre volte durante la Battaglia dei Guadi[10]. Quando capisce che riuscirà ad attraversare il fiume, lord Tywin dà l'ordine di dirigersi verso Approdo del Re, appena riceve la notizia di un attacco imminente di lord Stannis Baratheon alla capitale: Addam si distingue per aver difeso la città nella conseguente Battaglia delle Acque Nere e viene poi omaggiato da re Joffrey Baratheon.[11]


Tempesta di spade

Dopo la Battaglia delle Acque Nere, lord Tywin Lannister nomina ser Addam comandante della Guardia Cittadina di Approdo del Re pro tempore: Tyrion lo considera una buona scelta poiché, nonostante sia appena arrivato in città, ser Addam è un leader naturale. Addam parla con Tyrion riguardo le difficoltà di quella posizione, a seguito dell'incontro con Tywin. La guardia cittadina conta 4400 uomini ed è preoccupato per l'ingente costo che questi rappresentano, ma la regina Cersei Lannister gli proibisce di ridurre il numero. Tywin è inoltre arrabbiato perché non riesce a trovare Tyrek Lannister, dato per disperso dopo la sommossa cittadina, ma Addam continua a cercare, temendo l'ira del lord e non rimane colpito quando Bronn dice che il ragazzo sarà ormai morto.[2] Riesce però a trovare i cristalli della corona dell'Alto Septon, ucciso nella sommossa. Quando alcuni disertori della Battaglia delle Acque Nere tornano alle loro baracche, Addam chiede consiglio a lord Tywin, che gli ordina di spaccare loro le ginocchia per impedire un'altra fuga e di lasciarli a fare i mendicanti per il resto della loro vita, come monito per gli altri.[12]

Addam assiste al matrimonio di Sansa Stark e Tyrion Lannister.[13] Fa parte del gruppo che accompagna Tyrion ad accogliere la delegazione di Dorne e la sua presenza è necessaria per dimostrare la potenza politica dei Lannister nella capitale.[14] Dona a re Joffrey Baratheon un paio di speroni d'argento per le sue nozze e consiglia al giovane di fare attenzione con la sua nuova spada in acciaio di Valyria. Più avanti fornisce una scorta per un'apparizione pubblica di re Joffrey e Margaery Tyrell al Grande Tempio di Baelor. Ser Addam ha intenzione di proporre un brindisi durante il banchetto di nozze, ma Joffrey soffoca prima che lui possa parlare.[13] I suoi uomini prendono in custodia Tyrion, Podrick Payne e le ancelle di Sansa, in quanto sospettati di aver avvelenato il re: viene inoltre incaricato di cercare Sansa Stark, scomparsa dopo il banchetto ed è responsabile della custodia di Tyrion, in attesa del processo. Ser Addam dice a Tyrion che tocca a lui curarlo a vista poiché molti membri della Guardia Reale testimonieranno contro di lui al processo e lord Tywin non ha considerato adatto che fossero loro a badare all'imputato.[15] Ser Addam accompagna Tyrion all'ultima udienza, quando il Folletto chiede poi un Processo per singolar tenzone.[16]

Quando Jaime Lannister torna nella capitale, chiede a ser Addam di aiutarlo a far pratica di combattimento con la mano sinistra, dato che gli è stata tagliata la mano destra da Vargo Hoat. Jaime sceglie Addam perché si conoscono sin da ragazzi e spera di potersi fidare di lui, che non diffonderà la voce della sua incapacità a combattere: Addam lo sconfigge infatti tre volte senza problemi, disarmandolo e lasciandolo coperto di ferite.[6]


Il banchetto dei corvi

Ser Addam e le cappe dorate rimangono di guardia durante i funerali di lord Tywin Lannister, morto per mano del figlio Tyrion. Cersei, diventata ora lady di Castel Granito, ordina a ser Addam di giurarle fedeltà e Addam collabora con ser Jaime per scoprire come ha fatto il Folletto a fuggire e collegare la sua fuga a un carceriere.[17] Jaime gli ordina di setacciare i bordelli della Strada della Seta alla ricerca del fuggitivo, ma senza successo.[18] Cersei teme che anche Tommen possa essere avvelenato, così Jaime ordina a ser Addam di organizzarsi affinché tutti i cibi e le bevande servite al piccolo re vengano prima assaggiati da qualcun'altro.[19]

Quando ser Kevan Lannister ha intenzione di lasciare Approdo del Re per dare la caccia ai fuorilegge nelle Terre dei Fiumi, Jaime suggerisce di mandarci ser Addam per rimanere e assumere il titolo di Primo Cavaliere del Re, spiegando che Addam o qualunque altro cavaliere può affrontare i fuorilegge, ma nessuno può essere un buon Primo Cavaliere.[20] Addam riferisce a Jaime che il popolino di Fondo delle Pulci chiama il Concilio Ristretto di Cersei il "consiglietto".[21]

La regina ordina a Jaime di recarsi ad Harrenhal, per recuperare i prigionieri lì detenuti, e poi a Delta delle Acque, per mettere fine all'assedio. Jaime insiste affinché ser Addam e Ilyn Payne vengano con lui e Addam è contento di lasciare la capitale e il suo incarico di lord comandante delle cappe dorate.[21]

Come quando serviva lord Tywin, ser Addam ha il comando dell'avanguardia e degli esploratori. Accampati vicino al castello della Casa Hayford, Jaime viene invitato a cena dal signore locale ed entra nel castello con ser Addam e altri cavalieri. Durante il pasto, ser Addam dice di non essere riuscito a trovare Tyrek Lannister, signore della Casa Hayford dopo aver sposato lady Ermesand: racconta al castellano che il ragazzo è stato visto per l'ultima volta a cavallo e che, dopo i disordini, solo l'animale è stato trovato. Ser Addam è preoccupato per non aver trovato neanche il corpo di Tyrek, visto che la folla ha lasciato i corpi di altre vittime nei punti in cui erano stati uccise, e, inoltre, nessuno ha chiesto un riscatto per il ragazzo. Jaime a quel punto suggerisce che i ribelli possano essersi accorti di chi avevano ucciso e hanno nascosto il cadavere per evitare l'ira di lord Tywin.[21]

Jaime si addestra ora con ser Ilyn, il cavaliere senza lingua. Teme che Addam abbia capito di essere stato sostituito, ma spera che gli altri suoi comandanti non sappiano che non è in grado di combattere decentemente.[21]

I lupi danno il tormento agli esploratori e uno degli uomini di ser Addam viene persino disarcionato e sbranato da un branco. Raggiunta Harrenhal, gli esploratori riferiscono che le porte d'ingresso sono sbarrate, così i soldati entrano con cautela, trovano gli Uomini della Montagna sopravvissuti e raccontano che stanno maltrattando i prigionieri, tra cui ser Wylis Manderly, che però sono ancora tutti vivi. Jaime ordina che ser Wylis venga rimandato a Porto Bianco e lo fa accompagnare a Maidenpool per partire via nave.[21]

L'esercito parte allora alla volta di Darry, dominio ora controllato da Lancel Lannister e gli esploratori di ser Addam riferiscono che le attività agricole sono riprese nelle terre intorno a Darry. Al castello ser Danwell Frey racconta che i lupi hanno attaccato i suoi rifornimenti diretti verso sud dalle Torri Gemelle e ser Addam è dispiaciuto per l'accaduto. Durante il banchetto a Darry, seduce la donna seduta accanto a lui e, quando il discorso verte sulla morte di Merrett Frey per mano dei fuorilegge, dice di aver sentito parlare di lord Beric Dondarrion, alla guida di una banda di fuorilegge, che non può essere ucciso.[22]

Dopo Darry, il gruppo si dirige verso Delta delle Acque. Gli uomini di ser Addam notano numerosi soldati Lannister impiccati agli alberi intorno al castello e, al loro arrivo all'accampamento, ser Daven Lannister riferisce che molti convogli dei rifornimenti sono dati per dispersi e Jaime ordina ad Addam di controllare il perimetro del loro accampamento, mentre si stabiliscono.[23]

Durante l'incontro tra Jaime e ser Brynden Tully, Brynden dà a Jaime dello storpio e gli suggerisce di nominare ser Addam come campione al suo posto. Al termine dell'incontro infruttuoso Jaime convoca il consiglio di guerra, al quale partecipa anche Addam, che propone di aspettare la prima notte senza luna e di mandare sull'altra riva del fiume una dozzina di uomini scelti a bordo di una barca con remi avvolti in stracci per non fare rumore. Potranno dare la scalata alle mura con funi e grappini per poi aprire le porte dall'interno e si offre di guidarli di persona. Walder Rivers sostiene però che ser Brynden non si farà prendere di sprovvista da questo genere di escamotage.[24]

A seguito della fuga del Pesce Nero, ser Addam coordina le ricerche del fuggitivo a sud della Forca Rossa.[25]


Citazioni di Addam

Due battaglie non fanno una guerra.E noi siamo tutt'altro che sconfitti. Magari avessi la possibilità di incrociare il mio acciaio con quello del ragazzo Stark
Ser Addam durante il cosiglio di guerra[8]



Citazioni su Addam

Ser Addam Marbrand era una scelta scaltra. Come Jaime, era il genere d'uomo che molti sono pronti a seguire.
Tyrion Lannister[2]



Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti