Aerion Targaryen

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
561px-House Targaryen crest.PNG
Aerion Targaryen
MiniTargaryen Aerion.png
SecondSons.png
Aerion.jpg
Aerion Chiarafiamma – by Mathia Arkoniel©

Alias

Chiarafiamma
Aerion il Mostruoso
il Principe Splendente
il principe che credeva di essere un drago

Titolo

Principe

Affiliazione

Casa Targaryen
Secondi Figli

Cultura

valyriana

Data di nascita

Tra il 191 CA e il 194 CA [1]

Data di morte

232 CA

Consorte

Daenora Targaryen

Libri

Il mondo del ghiaccio e del fuoco – Menzionato
Il cavaliere errante – Compare
La spada giurata – Menzionato
Il cavaliere misterioso – Menzionato
Lo scontro dei re – Menzionato
Tempesta di spade - Menzionato
La danza dei draghi – Menzionato

Per il padre di Aegon il Conquistatore, vedi Aerion Targaryen (figlio di Daemion)

Il principe Aerion Targaryen, conosciuto anche come Aerion il Mostruoso e, come lui stesso ama chiamarsi, Aerion Chiarafiamma, è il secondo figlio maschio di Maekar I Targaryen. È uno dei più significativi esempi di Targaryen folle: egli è infatti posseduto dalla latente ma inesorabile pazzia che sembra connaturata a molti membri della sua casata. Arrogante e crudele, Aerion è convinto di essere un drago in sembianze umane.


Indice


Aspetto

In giovinezza, Aerion è magro e di media statura. Ha gli violetti dei Targaryen, pelle chiara, naso diritto, mascella alta, zigomi taglienti e un viso che pare scolpito nel marmo, incorniciato da ricci capelli argento.[2] Possiede un uovo di drago del colore della sua folta chioma.[3]


Storia

Aerion beve il contenuto di un’ampolla d’altofuoco - by Roman Papsuev

Retroscena

Il futuro re Aegon V disprezza il fratello Aerion. Quest’ultimo ha scaraventato il suo gattino in un pozzo e, una volta, gli ha fatto visita nel cuore della notte mettendogli un coltello tra le gambe e minacciandolo, per scherzo, di tagliargli i genitali in modo d’avere una sorella da poter sposare. Raymun Fossoway afferma che la vera natura del principe non si palesa mai in presenza del di lui padre, col quale egli si mostra sempre cortese e sorridente.[2]


Il Cavaliere Errante

Durante il Torneo di Ashford, Aerion fa la sua comparsa accompagnato da tre cavalieri della Guardia Reale e, scambiatolo per un ragazzo delle stalle, ordina a Duncan l'Alto di prendere il suo cavallo. Quando Dunk gli fa notare che non è uno stalliere, il principe lo insulta, insinuando che, forse, non è abbastanza sveglio per svolgere tale mestiere. Esige, dunque, che lui gli porti del cibo, del vino e una prostituta. Dunk replica che è un cavaliere ed Aerion, allora, osserva che, “di questi tempi, la cavalleria è caduta proprio in basso”. Poi, consegna il suo cavallo ad un servo e lascia le scuderie.[2]

Quando il torneo ha inizio, sembra che Aerion debba battersi col cugino Valarr Targaryen, ma, invece, si scontra con Humfrey Hardyng. Mentre i giostranti, in sella ai loro destrieri, si preparano all’attacco, Egg, lo scudiero di Dunk (in verità Aegon V Targaryen), incita Hardying a uccidere Aerion. Duncan nota che Aerion tiene la sua lancia troppo in basso durante la carica e pensa che mancherà il bersaglio. Il principe infilza il cavallo di Hardyng, ferendo quest’ultimo alla gamba. Il destriero muore agonizzando. Egg, inorridito, dice a Duncan che non si tratta di un incidente: Aerion l’ha fatto di proposito.[2]

Più tardi, Egg chiede aiuto a Duncan per soccorrere Tanselle, una burattinaia dorniana per la quale Dunk ha un debole. Tanselle e le altre burattinaie della compagnia sono appena state aggredite da Aerion e dai suoi uomini. La loro colpa consisterebbe nell’aver rappresentato, con il loro spettacolo di marionette, la morte di un drago. Nella mente del folle Aerion, ciò equivale niente meno che ad alto tradimento nei confronti della Casa Targaryen. Il principe spezza un dito di Tanselle, adducendo come pretesto che un drago non dovrebbe mai perdere. Dunk, in preda alla collera, prende le difese della ragazza e sferra un pugno in faccia ad Aerion, colpendolo poi con un calcio quando questi cerca di usare il suo pugnale. Infine, Dunk è immobilizzato a terra dalle guardie di Aerion, le quali gli riferiscono che il principe ha un dente rotto e, di conseguenza, lui dovrà perdere tutti i suoi. Egg fa notare che Dunk ha cercato di proteggere un'innocente, ma il suo amico viene imprigionato. Baelor Lancia Spezzata comunica a Dunk che Aerion ha chiesto la sua testa, con o senza denti, ma lo assicura che non l’avrà. Il cavaliere ha però ferito un principe di sangue e ciò significa che gli verranno mozzati una mano (per il pugno) e un piede (per il calcio). Baelor consiglia a Dunk di dimostrare il suo valore di cavaliere, e quindi anche la sua innocenza, in un duello per singolar tenzone. La cosa viene riferita ad Aerion, il quale invoca un Giudizio dei Sette. Suo padre Maekar crede che il figlio tema di perdere, ma Aerion, tutto sorrisi e cavalleria con lui, afferma che si tratta di un’occasione di venedetta per il fratello Daeron. Quest’ultimo, in un momento di forte ubriachezza e in cerca di una prostituta, ha infatti accusato Dunk d’avergli portato via il fratello Aegon. Aerion corrompe Ser Steffon Fossoway, uno dei campioni di Dunk, offrendogli una nomina al titolo di lord se passerà dalla parte degli accusatori. Tuttavia, suo zio Baelor Lancia Spezzata si offre come sesto ed ultimo campione di Dunk, poiché questi, avendo preso le difese di un innocente, è nel giusto.[2]

Durante il torneo, Aerion e Duncan si ritrovano faccia a faccia e il primo riesce a colpire il secondo al fianco con la sua lancia, perforandogli scudo e cotta di maglia. Mentre Dunk giace a terra ferito, Aerion gli dà la possibilità di arrendersi, dicendo che si prenderà soltanto una sua mano (e forse anche un piede) oltre, naturalmente, ai suoi denti. Dunk declina l’offerta ed Aerion cerca allora di fracassargli il cranio con la sua mazza ferrata, rapida come una cometa. Duncan riesce però a schivare il colpo rotolando di fianco e disarciona il principe ricorrendo alle abilità apprese quando era ancora un attaccabrighe del Fondo delle Pulci. Per un attimo, Dunk valuta la possibilità di cavare ad Aerion uno di quei suoi occhi violetti come acini d’uva, ma, poi, decide che non sarebbe cavalleresco. Dunque, chiede al principe di arrendersi. Aerion, terrorizzato, cede, ma cerca comunque di colpire Dunk con un’arma mentre questi lo trascina attraverso il campo da Lord Ashford, davanti al quale dichiara pubblicamente la sua sconfitta, decretando il risultato del Giudizio dei Sette.[2]

Al termine del torneo, Baelor Lancia Spezzata muore per una ferita al capo causatagli dalla mazza del fratello Maekar. Quest’ultimo manda suo figlio Aerion in esilio a Lys, ove egli resta per due anni. È possibile che, durante il suo soggiorno nella città libera, generi dei figli bastardi .[4]


Esilio

Una volta in esilio, Aerion si unisce alla compagnia mercenaria dei Secondi Figli.[5]

Nel 232 CA, Aerion ingerisce il contenuto di un’ampolla d’altofuoco, convinto che ciò gli permetterà di trasformarsi in un drago. Il principe muore urlando.[6] Lascia orfano di padre un neonato, Maegor, più tardi scavalcato nella linea di successione al trono.[7][8]


Famiglia

 
 
 
 
 
 
 
 
Daeron II
 
Mariah
Martell
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Baelor
 
Jena
Dondarrion
 
Aerys I
 
Aelinor
Penrose
 
Rhaegel
 
Alys
Arryn
 
Maekar I
 
Dyanna
Dayne
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Valarr
 
Kiera di
Tyrosh
 
Matarys
 
Aelora
 
Aelor
 
Daenora
 
Aerion
 
Daeron
 
Kiera di
Tyrosh
 
Aemon
 
Aegon V
 
Rhae
 
Daella
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Figlio
 
Figlio
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Maegor
 
 
 
 
 
Vaella
 
 
 
 
 
 
 
Casa Targaryen
 
Discendenti
sconosciuti
 
Discendenti
sconosciuti
 
 



Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti