Albero-diga

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Un albero-diga - artista sconosciuto.
Cat fa visita a Ned presso l'Albero del Cuore di Grande Inverno. - by Thomas Denmark©
L'Albero del Cuore della serie TV.
Ghiaccio poggiata contro un tronco d'albero-diga. © Fantasy Flight Games
Una scena della serie TV: Jon Snow (Kit Harington) presta giuramento nella radura d’alberi-diga oltre la Barriera.

Un albero-diga è una pianta caducifoglie che cresce in tutto il Continente Occidentale.


Indice


Descrizione

Gli alberi-diga hanno foglie rosso sangue a cinque punte e resina dello stesso colore. La liscia corteccia che costituisce l’ampio tronco delle piante è bianca come ossa.[1][2] La maggior parte degli esemplari presenta volti intagliati, opera dei Figli della Foresta nell'antichità e, tuttora, del Popolo Libero (così come di altri seguaci degli Antichi Dèi nei Sette Regni). In alcuni casi, la resina si raccoglie nelle fessure create a imitazione di occhi umani, dando l'impressione che la pianta pianga lacrime di sangue.[2]


Storia

Gli Antichi Dèi

Gli alberi-diga sono considerati sacri da coloro che venerano gli Antichi Dèi. A partire dall’Età dell’Alba e sino all’avvento dei Primi Uomini, i Figli della Foresta vi scolpiscono volti per favorire il culto delle divinità. Attraverso gli occhi intagliati nel legno, gli Antichi Dèi vegliano sui fedeli e sono testimoni di quanto accade fra gli umani. In maniera simile, i saggi dei Figli della Foresta, i veggenti Verdi, possono sfruttare gli “occhi” degli alberi-diga per scrutare nel presente e nel passato. Proprio perché gli alberi-diga costituiscono la "vista degli dèi", si dice che sia impossibile mentire di fronte ai volti scolpiti nel legno.

Gli alberi-diga crescono spontaneamente in boschi e foreste. Nel villaggio di Whitetree, situato oltre la Barriera, si erge un albero-diga dal tronco largo otto piedi.[3] Abbracciata la fede negli Antichi Dèi, i Primi Uomini creano i Parchi degli Dèi, ristrette aree boschive adibite a luogo di culto, ciascuna con un Albero del Cuore, un albero-diga con un volto impresso nella corteccia. Di fronte agli alberi-diga si prestano giuramenti e si celebrano cerimonie nuziali.

Il Cavaliere dell’Albero che Ride ha nel proprio stemma un albero-diga dal volto sorridente.[4]


L'arrivo degli Andali

Con l’invasione degli Andali, nel Continente Occidentale si diffonde il Culto dei Sette Dèi. Nel Sud, gli alberi-diga, che rappresentano l’antica via, sono in gran parte abbattuti o dati alle fiamme.[1] L’unico luogo al di sotto dell’Incollatura in cui gli alberi-diga continuano a crescere in abbondanza è l’Isola dei Volti dell’Occhio degli Dèi, ove i Figli della Foresta hanno concluso un accordo di pace. Nel Nord, la regione che gli Andali non riescono a conquistare, il culto degli Antichi Dèi sopravvive e nelle foreste, specialmente in quelle al di là della Barriera, cresce un gran numero di alberi-diga. Nella Foresta Stregata, in un punto a nord del Castello Nero, c’è una radura di nove alberi-diga ai cui piedi le reclute dei Guardiani della Notte che seguono l'antica via possono pronunciare i voti.[2] Le pallide radici degli alberi si protendono dalla caverna del Corvo con tre occhi[5] oltre la Barriera sin nelle viscere della Collina Cava delle Terre dei Fiumi[6].


Il materiale

Il legno ricavato dagli alberi-diga è un eccellente, seppur costoso, materiale da costruzione.[7] Il suo pregio sta nel fatto che non è soggetto a decomposizione. Lo si utilizza nella realizzazione di archi (utilizzati anche dai Figli della Foresta), lance e frecce. Brynden Rivers e Ygritte dopo di lui fanno entrambi uso di corni ed archi d’albero-diga.[8][9][10] Styr si batte con una lunga picca di bronzo e legno d’albero-diga.[11]

Il legno d’albero-diga non viene tuttavia impiegato soltanto nella creazione di armi. La tavola per le riunioni della Guardia Reale, situata nella Fortezza Rossa di Approdo del Re, è costituita di legno d’albero-diga bianco come ossa e intagliato a forma di uno scudo sorretto da tre stalloni.[12] Il trono e la Porta della Luna di Nido dell’Aquila, sede della Casa Arryn della Valle, sono dello stesso materiale.[13] Il Portale delle Tenebre del Forte della Notte è in questo pregiato legno, così come le architravi di Harrenhal[14] e di Bianchemura.[7] Il portale d’ingresso alla Casa del Bianco e del Nero di Braavos è fatto d’ebano e d’albero-diga, un connubio che ritorna nella scena di caccia che orna la bottega di Tobho Mott nella capitale[15] e nelle porte che si aprono su di una stanza della Casa degli Eterni di Qarth.[16]

Il mantello di Val è chiuso da una spilla con un volto in legno d’albero-diga[17] e lo stesso materiale si ritrova nella maschera di Morna[18] e nel bastone detenuto dagli alti septon, culminante in un globo di cristallo.[19] Nella caverna del corvo con tre occhi, la Figlia della Foresta soprannominata Candide Ciocche porge a Bran Stark una ciotola d’albero-diga con volti intagliati e colma di crema di semi della stessa pianta.[20]


Vedi anche


Citazioni

Troverai un bosco di alberi-diga a mezza lega da qui. E forse troverai anche i tuoi dei.[2]
Jeor Mormont rivolto a Jon Snow


Nel Sud gli antichi dei non hanno potere. Gli alberi-diga sono stati tutti abbattuti da migliaia di anni. Come possono vegliare su tuo fratello se non hanno più occhi per vedere?[2]
Osha rivolta a Bran Stark


Una quercia può vivere trecento anni, una sequoia tremila. Un albero-diga vivrà per sempre, se lasciato indisturbato. Per loro le stagioni trascorrono in un battito d'ali di falena, passato, presente e futuro sono una cosa sola. E la tua vista non sarà limitata al tuo parco degli dèi. I cantori hanno scolpito degli occhi nei loro alberi del cuore per risvegliarli, e sono quelli i primi occhi che un nuovo essere verde impara a usare…[20]
Lord Brynden rivolto a Bran Stark



Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti