Altamarea

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.

Altamarea è il secondo dei due castelli della Casa Velaryon. Si erge sull’isola di Driftmark, nelle Terre della Corona[1][2], e dispone di diverse torri.[1]


Storia

Altamarea è la sede del Serpente di Mare, Lord Corlys Velaryon, uno dei più ricchi e potenti lord dei Sette Regni.[1] Dopo aver accumulato tesori e fatto fortuna nel Continente Orientale[2], Corlys fa edificare Altamarea per ospitarvi il Trono di Legno levigato dal mare con l'intenzione di sostituire l’umido e angusto castello di Driftmark, l’ancestrale sede dei Velaryon.[3] Ad Altamarea, nel 106 CA, Corlys e il principe Daemon Targaryen pianificano l’invasione delle Stepstones.

Ser Laenor Velaryon, figlio ed erede di Corlys, preferisce di gran lunga Altamarea ad Approdo del Re, ove si trova la corte della moglie, la principessa Rhaenyra Targaryen. Al castello dei Velaryon, il favorito di Laenor è il cavaliere Ser Qarl Correy.[1]
Rimasto vedovo alla morte della moglie Lady Rhea Royce, il principe Daemon batte in duello un esule braavosiano e sposa Laena Velaryon, la figlia del lord delle Maree.[1]

Nel 120 CA, Laena muore di parto ad Altamarea, mentre Laenor è più tardi ucciso a Città delle Spezie. Recatosi ad Altamarea in occasione dei funerali di Laenor, il principe Aemond Targaryen sorvola le torri del castello in groppa al drago Vhagar. In seguito, egli perde un occhio scontrandosi con i figli di Laenor.[1]

Durante la guerra civile chiamata Danza dei Draghi, i Velaryon sono schierati a fianco dei neri. Dopo la Battaglia del Condotto, i verdi saccheggiano Città delle Spezie e appiccano il fuoco ad Altamarea. L’incendio distrugge tutti i tesori che il Serpente di Mare ha portato con sé dall’Oriente e i servitori del lord sono passati a fil di spada non appena cercano di mettersi in salvo.
Non è specificato se Altamarea rimanga comunque la sede dei Velaryon o se essi ritornino a Driftmark.


Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti