Appartamenti della regina (Grande Piramide)

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Daenerys Targaryen sul terrazzo della Grande Piramide insieme ad uno dei suoi draghi - by Marc Fishman ©

Gli appartamenti della regina sono le stanze private della regina Daenerys Targaryen a Meereen. Si trovano nel punto più alto della Grande Piramide, l'ala riservata alla nobiltà.


Indice


Le stanze di Daenerys

Gli appartamenti di Daenerys sono circondati da giardini provvisti di vasche colme d'acqua profumata.[1] Il terrazzo è cinto da bassi parapetti di mattoni, dai quali è possibile abbracciare l'intera città con uno sguardo. Irri, Jhiqui e Missandei hanno letti tutti per loro. La prima dorme occasionalmente accanto alla regina nel letto del monarca.[2]


Le stanze di Ser Barristan

Ser Barristan Selmy alloggia in una piccola camera adiacente agli appartamenti della regina, in origine la stanza riservata agli schiavi. Il mobilio consiste in un letto, un vaso da notte, una sedia e un guardaroba. Sul comodino del cavaliere si trovano una candela in cera d'api ed un'incisione raffigurante il Guerriero. A dispetto di quest'ultimo dettaglio, Barristan non è un uomo devoto, ma l'intaglio lo fa sentire un po' meno solo nella città straniera di Meereen.[3]


Il terrazzo

Le stanze della regina danno su di un ampio terrazzo con giardino che gode di un'eccellente panorama sulla città e sull'area limitrofa. Affacciandosi ai parapetti, è possibile ammirare il Tempio delle Grazie e la porzione di paesaggio bagnata dal fiume Skahazadhan: marroni colline bruciate dal sole, campi e frutteti.

I giardini sono collegati agli appartamenti tramite comode porte che permettono a Daenerys di entrare e uscire a suo piacimento sia di giorno che di notte. Gli uccelli fanno il nido fra i rami d'un albero di cachi[2] che cresce non lontano da una piscina interrata, la vasca da bagno della regina. Daenerys s'immerge di sovente nelle sue acque fresche, sfiorata da piccoli pesci.


Eventi recenti

La vista dagli appartamenti della regina - by lvlorf3us ©

La danza dei draghi

I draghi sanno qual è la residenza di Daenerys Targaryen a Meereen. Dany trova Viserion acciambellato sul terrazzo, attorcigliato tutt'attorno ad un pero e con il capo reclinato sulla lunga coda.[4] Rhaegal viene catturato proprio mentre si trova disteso al sole sul terrazzo.[5] Dopo la caccia, Drogon ama riscaldarsi in cima alla Grande Piramide.[5]

Mentre fa il bagno, Daenerys ha una visione di Quaithe ritta in piedi accanto all'albero di cachi.[5]

Daenerys fa di Daario Naharis il suo amante e condivide il suo letto con lui.

Poco dopo che Daenerys scompare in groppa a Drogon, Irri ed Jhiqui lasciano Meereen con la maggior parte del khalisar della ragazza, che si reca nel Mare Dothraki in cerca della regina.[6]

I coppieri di Daenerys sono trasferiti dagli appartamenti della regina a quelli di Hizdahr zo Loraq, nel cuore della Grande Piramide.[6]

Per qualche tempo, Ser Barristan Selmy, ora Primo Cavaliere della Regina, e Missandei sono gli unici occupanti dei piani nobili della piramide. Barristan pensa alla piccola scriba come ad uno sconsolato fantasma che vaga negli appartamenti della regina scomparsa.[6] La ragazza si tiene occupata con la lettura di libri e pergamene.[7]

Il principe Quentyn Martell, ustionato a morte da Rhaegal, viene posto nel letto della regina su ordine di Ser Barristan. Quentyn è un cavaliere che ha attraversato mezzo mondo per raggiungere Meereen e questo è il minimo che si possa fare ora nei suoi riguardi. Lenzuola, coperte e cuscini s'impregnano di sangue e di fumo, ma Barristan pensa che Daenerys capirà e lo perdonerà di ciò.[6]

Solo Missandei trova la forza di restare al capezzale di Quentyn. Il corpo del principe è ricoperto di terribili ustioni ed i coppieri bambini sono immediatamente allontananti da simile vista traumatica. La scriba assiste il ragazzo dandogli acqua e latte di papavero e prestando orecchio alle poche, sofferte parole che egli riesce di tanto in tanto e con enorme fatica a pronunciare. Su di una sedia posta accanto al letto, Missandei legge per il principe morente finché egli non si addormenta. Barristan chiama le grazie azzurre, le guaritrici del tempio, per quattro volte, ma nessuna di loro si presenta. L'agonia di Quentyn si protrae per tre giorni. È Missandei ad informare Barristan del decesso del giovane. Barristan rimuove il leggero copriletto sotto al quale giace il corpo del principe ed osserva il viso disfatto del giovane. L'anziano cavaliere pensa che, per il suo bene, Quentyn avrebbe dovuto rimanere a Dorne.[8] Una volta che il cadavere del principe è stato portato via, i coppieri della regina sono ricondotti nelle stanze reali.[8]


Fonti e note

  1. La danza dei draghi, Capitolo 36, Daenerys.
  2. 2,0 2,1 Tempesta di spade, Capitolo 71, Daenerys.
  3. La danza dei draghi, Capitolo 59, Il Cavaliere Rifiutato (Barristan II).
  4. La danza dei draghi, Capitolo 2, Daenerys.
  5. 5,0 5,1 5,2 La danza dei draghi, Capitolo 11, Daenerys.
  6. 6,0 6,1 6,2 6,3 La danza dei draghi, Capitolo 55, La Guardia della Regina (Barristan I).
  7. La danza dei draghi, Capitolo 67, Il Distruttore di Re (Barristan III).
  8. 8,0 8,1 La danza dei draghi, Capitolo 70, Il Primo Cavaliere della Regina (Barristan IV).
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti