Arpa

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Il principe Rhaegar Targaryen suona la sua arpa alta con corde d'argento.- by Felicia Cano © Fantasy Flight Games

Un'arpa è uno strumento musicale a corde pizzicate molto diffuso nel Continente Occidentale. Viene suonata da individui di qualsiasi rango sociale. Spesso, la si suona in accompagnamento a una canzone. L'arpa alta produce note particolarmente dolci e melodiose.[1]


Indice


Eventi recenti

Lo scontro dei re

Il defunto principe Rhaegar Targaryen appare in una delle visioni che Daenerys Targaryen ha nella Casa degli Eterni. Verso la fine della visione, Rhaegar va alla finestra, si siede e fa scorrere le dita sulle corde d'argento della sua arpa alta. Una musica dolce e triste si diffonde nell'aria e continua a riecheggiare anche dopo che la visione si è dissolta.[2]


Tempesta di spade

Giunta ad Approdo del Re, Leonette Fossoway impartisce a Sansa Stark lezioni di arpa alta.[3]

Tom di Settecorrenti racconta ai suoi compagni che, una volta, Lady Lysa Arryn lo ha mandato sulla Strada Alta, ove i Fratelli della Luna si sono presi il suo oro, il suo cavallo e i suoi vestiti. Tom si è allora diretto alle Porte della Luna con nient'altro che la sua arpa. Qui, le guardie gli hanno fatto cantare e suonare due canzoni, dopodiché l'hanno lasciato passare.[4]


Il banchetto dei corvi

La musica ha il potere di ammansire Lord Robert Arryn, specialmente quella prodotta dall'arpa alta.[5]


Arpisti conosciuti


Citazioni

A udirlo suonare la sua arpa dalle corde d'argento, a udirlo cantare di crepuscoli, lacrime e morti di re, era impossibile non percepire che era di se stesso che stava cantando, e di coloro che amava.[8]
Barristan Selmy racconta a Daenerys del principe Rhaegar Targaryen.



Molte notti Cersei aveva osservato il principe Rhaegar nel salone, mentre suonava le corde argentee dell'arpa con le sue dita affusolate ed eleganti. Si era mai visto uomo più bello?[9]
Dai pensieri di Cersei Lannister.



Lord Petyr è stato clemente, mi ha consentito di tenere la mia arpa. La mia arpa... e la mia lingua... così posso cantare le mie canzoni.[10]
Marillion a Nestor Royce, dopo esser stato torturato.



Al banchetto di benvenuto, il principe aveva preso la sua arpa dalle corde d'argento e aveva suonato per loro. Un canto d'amore e di morte, ricordava Jon Connington. E quando il principe posò l'arpa, tutte le donne nella sala piangevano.[11]
Dai pensieri di Jon Connington.



Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti