Assalto a Roccia del Drago

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Assalto a Roccia del Drago
Conflitto dopo la Ribellione di Robert Baratheon
Data 284 CA
Luogo Roccia del Drago
Esito Vittoria della casa reale
Combattenti
Casa Baratheon Lealisti Targaryen
Comandanti
Stannis Baratheon sconosciuto
Forze
la nuova flotta reale
Furia
guarnigione di Roccia del Drago

L' Assalto a Roccia del Drago[1] avviene nel 284 CA, dopo la Ribellione di Robert Baratheon.


Indice

Antefatto

Quando re Aerys II Targaryen scopre che il principe ereditario Rhaegar è stato ucciso da Robert Baratheon nella Battaglia del Tridente, manda la regina Rhaella e il principe Viserys a Roccia del Drago, l'antica isola-fortezza dei Targaryen.[2] La notte prima della partenza il re, eccitato dopo aver visto lord Qarlton Chelsted morire avvolto nel fuoco, stupra e mette incinta Rhaella.[3] I membri della famiglia reale che rimangono nella capitale, tra cui la moglie e i figli del principe Rhaegar e lo stesso Aerys II, vengono uccisi durante il Sacco di Approdo del Re nel 283 CA.

Robert Baratheon succede ad Aerys sul Trono di Spade come re dei Sette Regni. Re Robert incarica il fratello Stannis, che durante la ribellione è riuscito a tenere Capo Tempesta, di costruire una nuova flotta per la Casa Baratheon di Approdo del Re e strappare Roccia del Drago, ultimo baluardo Targaryen nei Sette Regni, alla decaduta famiglia reale, recuperando anche i sopravvissuti.[4]

A Roccia del Drago, nove mesi dopo la fuga dalla capitale, Rhaella, vedova di Aerys, muore nel dare alla luce la sua unica figlia, Daenerys. Quella notte una tempesta feroce colpisce l'isola, distruggendo tutto quello che resta della flotta Targaryen, ancorata sotto la fortezza.[5]


La battaglia

Al comando della nuova flotta reale dalla sua nave ammiraglia, la Furia,[1] Stannis Baratheon salpa alla volta di Roccia del Drago per conquistare la fortezza. La guarnigione di Roccia del Drago è già pronta a vendere il principe Viserys e la neonata principessa Daenerys ai Baratheon: poco prima della partenza di Stannis, però, ser Willem Darry, ex maestro d'armi della Fortezza Rossa, riesce a convincere quattro lealisti Targaryen ad allontanare in segreto Viserys, Daenerys e una balia da Roccia del Drago con il favore della notte. Il gruppo salpa alla volta della Costa di Braavos, oltre il Mare Stretto.[5]

L'assalto di Stannis ha comunque successo[1] ed egli conquista l'isola-fortezza in nome di re Robert Baratheon.[6]


Conseguenze

Con la conquista di Roccia del Drago, i Targaryen perdono l'ultimo possedimento a loro rimasto nei Sette Regni.[5] Viserys e Daenerys Targaryen vivono in esilio con ser Willem Darry nella casa con la porta rossa a Braavos.[7]

Re Robert Baratheon assegna Roccia del Drago a Stannis, che diventa così lord di Roccia del Drago. L'isola-castello è tradizionalmente il seggio del principe ereditario, il Principe di Roccia del Drago, e, con una simile concessione, Robert ha voluto onorare Stannis, garantendogli il castello dell'erede al Trono di Spade.[4][8] Robert, però, è altresì furioso perché i due giovani Targaryen sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo di Stannis e assegna così Capo Tempesta, seggio ancestrale della Casa Baratheon, al suo fratello più piccolo, Renly Baratheon, una scelta che Stannis ha sempre interpretato come un'offesa intenzionale da parte di Robert.[4][9]


Citazioni

Non ho chiesto io di avere la Roccia del Drago, né l'ho mai voluta. L'ho presa perché qui erano i nemici di Robert e lui mi ordinò di venire a sconfiggerli. Ho costruito io la sua flotta, fatto io il suo lavoro, ossequioso come un fratello minore deve esserlo nei confronti del maggiore. Così come Renly dovrebbe esserlo nei miei confronti. E invece qual è stato il ringraziamento di Robert? Ha nominato me lord della Roccia del Drago e concesso Capo Tempesta con tutte le sue fortune a Renly.
Stannis Baratheon a maestro Cressen[4]



Ho costruito una flotta per ordine di Robert, ho preso la Roccia del Drago per ordine suo. Ma lui mi ha forse stretto la mano dicendo: "Ben fatto, fratello, che cosa mai sarei senza di te?". No, mi ha biasimato per aver lasciato che Willem Darry si portasse via Viserys Targaryen e la bambina infante Daenerys. Come se fossi stato in grado d'impedirlo.
Stannis Baratheon a maestro Cressen[4]



Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti