Assalto alla Fossa del Drago

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Assalto alla Fossa del Drago
Storming of the Dragonpit.jpg
Illustrazione di Paolo Puggioni
Conflitto Danza dei Draghi
Data 130 CA
Luogo Fossa del Drago, Approdo del Re
Esito vittoria della folla
morte di 5 draghi
Combattenti
Popolino di Approdo del Re Casa Targaryen
Comandanti
Pastore
Forze
Migliaia d'individui del volgo
Vittime
* Il Cavaliere Ardente
  • Migliaia e migliaia d’individui del volgo
* principe Joffrey Velaryon

5 draghi:

Difensori dei draghi

L’Assalto alla Fossa del Drago ha luogo durante la guerra civile denominata Danza dei Draghi. Quando il popolino insorge contro il governo di Rhaenyra Targaryen gettando la capitale nel caos, una folla inferocita di uomini e donne del volgo, aizzati dalle invettive contro i draghi del Pastore, si dirigono verso la Fossa del Drago in cima alla Collina di Rhaenys ed uccidono i quattro draghi all’interno oltre a (più tardi) Syrax.[1]


Indice


I Draghi nella Fossa

I draghi ospitati nella Fossa del Drago al momento dell’assalto sono i seguenti:


L’assalto

La folla riesce ad arrampicarsi sino alle finestre della Fossa e ad abbattere le entrate di grandezza inferiore, facendo a pezzi il ferro e il legno di quercia attraverso arieti rudimentali e l'utilizzo d'innumerevoli asce. Quando gli aggressori si riversano all'interno, i quattro draghi presenti nell'edificio si volgono verso di loro furiosi e pronti all'attacco. [1]

I draghi sono impossibilitati a mettersi in salvo volando per via delle catene che li trattengono e dello spazio chiuso della Fossa, delimitato da massicce pareti e da una grande cupola. Le bestie si difendono dunque con corna e artigli, al pari dei tori nelle fosse dei ratti del Fondo delle Pulci. Essi si voltano ferocemente da una parte e dall'altra per rispondere agli infiniti attacchi ed emettono il loro fuoco trasformando la costruzione in un atroce inferno. Nel frattempo, Syrax, ospitata nelle scuderie della Fortezza Rossa, viene liberata dal principe Joffrey Velaryon.[1] Lo sterminio di draghi ha inizio:

  • Shrykos è il primo drago a soccombere, ucciso da Hobb il Taglialegna.
  • Morghul è ucciso dal Cavaliere Ardente.
  • Tyraxes è ucciso dalla folla e vi è una dozzina di uomini e donne che reclamano d’aver sferrato il colpo mortale.
  • Solo Dreamfyre riesce a liberarsi dalle catene. Si alza in volo e uccide molti più uomini degli altri tre draghi messi assieme. Infine, furiosa e mezzo accecata, si schianta contro la cupola già danneggiata, che crolla schiacciandola sotto ai detriti.[1]


Conseguenze: l'arrivo di Syrax

L'assalto è terminato, ma Syrax, libera e priva di cavaliere, solca i cieli sopra la Fossa del Drago, attirata sino alla Collina di Rhaenys dall'odore del sangue. Il drago piomba addosso ai sopravvissuti al massacro: individui ustionati, insanguinati e barcollanti. Un'immensa eco di strilli e grida si mischia al ruggito del drago e la Fossa è avvolta da una corona di fiamme tanto lucente da dare l'illusione dell'alba. Syrax attacca la folla, divorando dozzine di persone. Infine, il drago della regina è però abbattuto.
I resoconti sulla sua uccisione sono numerosi e divergenti. L'unica certezza è che muoia quella stessa notte.[1]

Di preciso, non si sa quanti uomini e donne del popolino perdano la vita nell'assalto e nella lotta che ne segue. Sicuramente centinaia o, addirittura, migliaia.[1]


Citazioni

Saranno anche ubriachi, ma un uomo ubriaco non conosce la paura. Stolti, aye, ma uno stolto può uccidere perfino un re. Ratti, certo, anche ratti. Ma mille ratti possono divorare un orso.[1]
Fungo



Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti