Bael

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
(Reindirizzamento da Bael il Bardo)
Bael
A. M. Sartor The Songs of Bael the Bard II.png
Bael by FFG©

Alias

Bael il Bardo
Sygerrik di Skagos

Titoli

Re oltre la Barriera

Cultura

Popolo Libero

Libri

Lo scontro dei re - menzionato
Tempesta di Spade - menzionato
Il banchetto dei corvi (Menzionato)
La Danza dei Draghi (Appare)

Bael, più conosciuto come Bael il Bardo, è un re oltre la Barriera. Secondo la leggenda, è stato il razziatore del Popolo Libero più leggendario della sua epoca, riuscito a ingannare gli uomini del Nord per ingravidare la figlia di lord Brandon Stark. Bael è inoltre un cantastorie che ha scritto molte canzoni sulla sua vita, conosciute ancora oggi.[1]


Indice

La leggenda

Il lord del Nord dell'epoca, lord Brandon Stark, dà del codardo a Bael. Per vendicarsi di tale affronto e dimostrare di non essere un codardo, Bael scala la Barriera, si incammina lungo la Strada del Re ed entra a Grande Inverno travestito da un cantastorie chiamato Sygerrik di Skagos: Sygerrik significa "ingannatore" nell'antica lingua di Skagos. Arrivato al castello, canta per il lord fino a mezzanotte.

Impressionato dalle sue doti canore, lord Brandon gli chiede cosa vuole in dono e Bael chiede di avere il fiore più bello che cresce nei giardini di Grande Inverno. Poiché le rose blu dell'inverno sono appena sbocciate, lord Brandon accetta di donargliene una. La mattina successiva, però, l'unica figlia vergine di lord Brandon è scomparsa e nel suo letto viene trovata solo una rosa blu.[2]

Lord Brandon manda i confratelli dei Guardiani della Notte a nord della Barriera alla ricerca dei due, ma non trovano né Bael, né la figlia del lord. La linea degli Stark era sul punto di estinguersi, quando, un giorno, la ragazza rispunta nella sua stanza, con un neonato tra le braccia: non ha mai lasciato Grande Inverno, è semplicemente rimasta nascosta nelle cripte. Il bambino, figlio bastardo nato da Bael e dalla ragazza, viene legittimato e diventa poi il nuovo lord Stark.

Trent'anni dopo l'accaduto, Bael, diventato re oltre la Barriera, guida il Popolo Libero verso sud e affronta il suo stesso figlio al Guado Ghiacciato. Bael, incapace di uccidere il suo stesso figlio, si fa uccidere. Il ragazzo porta poi la testa del re a Grande Inverno e sua madre, che amava Bael, alla vista del macabro trofeo si uccide gettandosi da una torre. Lord Stark viene poi ucciso dai Bolton.[2]


Eredità

La leggenda di Bael serve a Mance Rayder come ispirazione per la sua infiltrazione segreta a Grande Inverno per assistere al banchetto in onore di re Robert Baratheon.[1] e, più avanti, per salvare Arya Stark (in realtà Jeyne Poole) dai Bolton, Mance si fa passare per un cantante di nome "Abel", anagramma di "Bael".[3]


Eventi recenti

Lo scontro dei re

Quando Ygritte, prigioniera dei Guardiani della Notte, scopre che Jon Snow è un bastardo della Casa Stark, gli racconta la leggenda di Bael per dimostragli che gli Stark hanno sangue del Popolo Libero nelle vene.[2]


Tempesta di spade

Jon Snow scopre che Mance Rayder si era infiltrato a Grande Inverno durante il banchetto per re Robert Baratheon con uno stratagemma simile a quello usato da Bael.[1]


Fonti e Note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti