Battaglia sulla Riva del Lago

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Battaglia sulla Riva del Lago
Conflitto Danza dei Draghi
Data 130 CA
Luogo lato occidentale dell’Occhio degli Déi, Terre dei Fiumi
Esito vittoria dei neri
Combattenti
i verdi i neri
Comandanti
Lord Lefford +
Lord Swyft +
Lord Reyne +
Lord Roderick Dustin
Lord Forrest Frey+
Robb Rivers il Rosso
Lord Bigglestone+
Lord Chambers
Lord Perryn
Ser Garibald Grey
Lord Jon Charlton+
Lord Ben Blackwood
Forze
sconosciute 2000 uomini del Nord
200 cavalieri
600 fanti
300 arcieri
altri uomini delle Terre dei Fiumi
Vittime
2000 unità (sui due fronti messi assieme)
Lord Lefford+
Lord Swyft+
Lord Reyne+
Ser Clarent Crakehall+
Ser Tyler Hill+
2000 unità (sui due fronti messi assieme)
Lord Forrest Frey+
Lord Bigglestone+
Lord Jon Charlton+

La Battaglia sulla Riva del Lago, anche detta il Banchetto dei Pesci da chi vi ha preso parte, è uno scontro armato combattuto lungo le rive dell’Occhio degli Dèi, nelle Terre dei Fiumi, durante la Danza dei Draghi.[1]


Indice


Preludio

Nel corso della Danza dei Draghi, i Lannister delle Terre dell’Ovest sono schierati con i verdi, mentre gli Stark del Nord e molti dei disorganizzati lord delle Terre dei Fiumi sono alleati dei neri. I Lannister inviano un esercito ad est per prestare aiuto ad Aegon II Targaryen, ma i soldati avanzano con lentezza a causa dell’età e dell’infermità del loro comandante, Lord Lefford.[1]

Il giorno in cui gli uomini dell’Ovest raggiungono la riva occidentale del lago chiamato Occhio degli Dèi, la marcia di Lord Lefford e dei suoi combattenti è arrestata da Lord Roderick Dustin, il quale guida 2000 Lupi dell’Inverno, da Lord Forrest Frey, a capo di 200 cavalieri e 600 fanti, e da Robb Rivers il Rosso, alla guida di 300 arcieri. Inoltre, da sud arriva un’ulteriore minaccia per i verdi: Lungafoglia l’Ammazzaleoni giunge con i neri sopravvissuti alle precedenti battaglie e a lui si uniscono le case Bigglestone, Chambers e Perryn. Il cauto Lefford chiede rinforzi inviando corvi al vicino castello di Harrenhal, ove si trova il principe Aemond Targaryen, ma Robb Rivers abbatte tutti i volatili.[1]

Il giorno a seguire, i neri ricevono altro sostegno con l’arrivo di nuovi lord dei fiumi, fra cui Ser Garibald Grey, Lord Jon Charlton e Lord Ben Blackwood.[1]


La battaglia

L’armata dell’Ovest è presa d’assalto all’alba il mattino successivo. L’offensiva è guidata dai Lupi dell’Inverno, i quali caricano per cinque volte i lancieri Lannister. Attaccati dai neri su tre lati contemporaneamente, i soldati Lannister sono spinti nelle acque dell’Occhio degli Dèi. Parecchi perdono la vita lottando fra le canne, mentre molti altri muoiono annegati.[1]


Conseguenze

La Battaglia sulla Riva del Lago, con 2000 soldati uccisi, è il più sanguinoso scontro di tutta la guerra civile. Il gran numero delle vittime fa sì che essa venga anche denominata Banchetto dei Pesci. I neri perdono lord Frey, lord Bigglestone e lord Charlton, mentre due terzi degli uomini del Nord sono trucidati o gravemente feriti. I verdi perdono il loro comandante, Lord Lefford, oltre ai lord delle case Swyft e Reyne ed ai cavalieri Clarent Crakehall e Tyler Hill.[1]

In seguito alla disfatta dei verdi, il principe Aemond e Ser Criston Cole lasciano Harrenhal, il primo per incendiare le Terre dei Fiumi in sella a Vhagar ed il secondo per marciare a sud nell’intenzione di unire le sue forze a quelle di Lord Ormund Hightower.[1]


Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti