Ben Plumm il Marrone

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
(Reindirizzamento da Ben Plumm)
Ben Plumm
Benn.jpg
Ben Plumm by Patrick McEvoy

Alias

Ben Plumm il Marrone

Titolo

Comandante dei Secondi Figli

Fedeltà

Secondi Figli

Libri

Tempesta di spade - apparizione
La danza dei draghi) – apparizione


Diversi articoli hanno lo stesso nome dell'articolo che stai leggendo! Visita la pagina di disambiguazione per visualizzarli. Disambig.png


Ben Plumm, meglio conosciuto come Ben Plumm il Marrone, è il capitano e comandante della compagnia di mercenari chiamati i “Secondi Figli”. [1]


Indice


Aspetto e Carattere

Ben è descritto come “un uomo più anziano” [2], alto e ancora abile. Ha il viso largo, la pelle scura, il naso rotto e i capelli brizzolati come la barba[3]. Ha grandi e scuri occhi a mandorla di stampo Dothraki che ha ereditato dalla madre[4]. Possiede alcune lentiggini agli angoli degli occhi[3].


Storia

La madre di Ben è una Dothraki. Sostiene di essere in parte Braavosiano, delle Isole dell'Estate, ibbenese, qohorig, dothraki, dorniano e in parte occidentale. Dice di avere una goccia di sangue Targaryen, e questo spiegherebbe perché i draghi, in particolare Viserion, sembrano andare d’accordo con lui[4]. Stando alla sua versione, un membro della casata Plumm ha sposato una “principessa dei draghi”. Nei suoi racconti, piuttosto vaghi, il matrimonio viene celebrato sotto il regno di Aegon Targaryen, ma quando Daenerys gli chiede sotto quale dei cinque Aegon che hanno regnato sul Continente Occidentale, lui dice di non ricordare.[4] La nonna di Ben era metà ibbenese e metà qohoriq. La sua conoscenza del Continente Occidentale viene dai racconti da lei narrati, nonostante la donna non abbia vi abbia mai messo piede. Suo nonno, proveniente dall’Occidente, viene ucciso da un Dothraki prima ancora che Ben nasca[4]. I suoi antenati erano famosi per le notevoli misure dei loro organi genitali[4]. Tyrion Lannister sospetta che sia lontano discendente di uno dei figli di Viserys Plumm e che sia parente alla lontana di Ossifer Plumm[5]. Ossifer, secondo la leggenda, genera un figlio quando è già nella tomba[6]. Tyrion sostiene inoltre che Ben il Marrone “abbia due gocce” di sangue Targaryen e non solo una.[4] Si dice, infatti, che Viserys Plumm fosse figlio di Elaena Targaryen, moglie di Ossifer, e di suo cugino Aegon.[7] Ben fa da guardia del corpo a Oznak zo Pahl a Meereen prima di unirsi ai Secondi Figli. In passato scappa da Meereen attraverso il sistema fognario, un’esperienza che desidera non ripetere. Durante un saccheggio, nella sua prima battaglia con i Secondi Figli, Plumm prende un’armatura di pelle da un mercenario morto, trovandoci una fortuna in monete d’oro in una tasca cucita all’interno. Plumm, all’epoca ingenuo, lo racconta a uno dei suoi compagni che credeva essere un amico. Il mercenario lo riferisce al comandante, il quale gli sequestra tutto il denaro. Ben è un amante dell’oro, ma questo incidente gli fa capire che è la ricchezza è inutile se non sei vivo per godertela. Plumm, da quel momento in avanti, sceglie le sue battaglie con molta attenzione. Serve una volta vicino a Volantis dove impara a giocare a cyvasse. Ben il Marrone sostiene di avere combattuto centinaia di battaglie, ma di non essere sempre stato coraggioso in ognuna di esse.


Eventi recenti

Tempesta di spade

Ben il Marrone viene scelto comandante dei Secondi Figli dopo la sparizione di Mero durante una battaglia a Yunkai[5]. Partecipa al consiglio di guerra di Daenerys Targaryen. E’ sua l’idea di usare il sistema fognario di Meereen per entrare nella città.


La danza dei draghi

Daenerys manda Ben e i Secondi Figli a guardia del lato sud per prevenire un’eventuale incursione a Yunkai [8] . Quando Plumm ritorna alla città e scopre che Daenerys non riesce a controllare i draghi, dichiara la causa persa e raggiunge Yunkai, facendo infuriare la regina. Durante il mercato degli schiavi di Yunkai tenutosi fuori da Meereen, Plumm vede Ser Jorah Mormont e Tyrion Lannister in vendita e progetta di comprarli entrambi: Mormont per ucciderlo e regalarlo in dono a Daenerys, e Tyrion per la ricompensa offerta da Cersei Lannister per la sua cattura. Plumm viene però battuto nell’offerta da Yezzan zo Qaggaz. Plumm più tardi gioca a cyvasse con Tyrion, che lo descrive così:

“Plumm aveva un aspetto simpatico, soprattutto quando sorrideva. “Lo scagnozzo fedele” decise Tyrion. “Lo zio preferito da chiunque, tutto sorrisi accattivanti, vecchi proverbi e semplice saggezza”. Era solo una finzione. Quei sorrisi accattivanti non arrivavano mai fino agli occhi di Ben Plumm, nei quali l’avidità era nascosta dietro a un filo di prudenza. “Questo è affamato, ma prudente” [2]


Ben, insieme ad altri tre comandanti dei mercenari, viene autorizzato ad entrare a Meereen una volta dichiarata la pace e spiega a Dany le ragioni del suo cambio di rotta. Plumm permette a Tyrion e Jorah di unirsi ai Secondi Figli dopo che questi sono scappati dal loro padrone morente. Tyrion scrive sessanta documenti promettendo ingenti somme di denaro a tutti i più alti membri della compagnia. A Plumm promette la ricompensa maggiore, ovvero

“centomila dragoni d’oro, cinquanta acri di terra fertile, un castello e un titolo”


Tutte promesse che Tyrion giura di mantenere quando diventerà signore di Castel Granito; non è chiaro come sia riuscito a convincere i Secondi Figli che, di fatto, lo diventerà. [9]


Citazioni di Ben Plumm il Marrone

Mai fidarsi di un mercenario, milady. Mai.[10]


Ci sono mercenari vecchi, e mercenari coraggiosi. Ma non ci sono mercenari vecchi e coraggiosi[5]



Citazioni su Ben Plumm il Marrone

Un sorriso caldo […]Amichevole. ma, per gli déi, gli occhi sono gelidi.
Tyrion Lannister [3]


Studiò Tyrion come se si fosse trattato di una serpe parlante.
Tyrion Lannister [5]



Albero genealogico

 
 
 
Ossifer Plumm
 
Elaena Targaryen
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Viserys
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Philip Plumm
 
 
 
 
 
 
Ben Plumm
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dennis PlummPeter Plumm
 
Harwyn Plumm
 



Note e riferimenti

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti