Bravi Camerati

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Bravi Camerati
Brave companions small.png

Stendardo

Un caprone nero con corna rosse a simboleggiare il Capro Nero di Qohor

Comandante attuale

Nessuno

Dimensioni

circa 300 unità

Anno di scioglimento

299 CA

I Bravi Camerati, conosciuti anche come Guitti Sanguinari, sono una compagnia mercenaria di infima reputazione che comprende criminali e reietti provenienti da diverse nazioni.

Guidato da Vargo Hoat, un uomo alto, magro, con la pronuncia blesa e originario di Qohor, il gruppo viene spesso soprannominato "Guitti Sanguinari" dagli abitanti del Continente Occidentale per la brutalità dei suoi membri e l'aspetto stravagante, o i Mutilatori, per l'abitudine di Vargo di tagliare mani e piedi ai prigionieri. Sul loro stendardo è rappresentato un caprone nero con corna rosse a simboleggiare il Capro Nero di Qohor.[1]


Indice

Storia

Secondo fonti semi-ufficiali, i Bravi Camerati non è una compagnia antica come le altre ed è nata prima che Vargo Hoat ne diventasse il capo. Nelle loro fila ci sono reietti del Continente Occidentale, qualcuno del Continente Orientale e altri dal sud. Il loro leader precedente probabilmente non era di Qohor e il prossimo potrebbe essere di Lys, di Dorne o persino di Ibben.[2]


Eventi recenti

Lo scontro dei re

Lord Tywin Lannister fa venire i Bravi Camerati nel Continente Occidentale durante la Guerra dei Cinque Re per terrorizzare il popolino nelle terre nemiche e cercare provvigioni per l'esercito Lannister. Viene ordinato loro di fortificare Harrenhal in assenza di lord Tywin: durante la permanenza nella fortezza, Rorge, Mordente e Jaqen H'ghar si uniscono alle loro fila. Nel gruppo variegato si possono vedere uomini con la pelle di bronzo e campanelli nelle trecce, lancieri su cavalli bianchi e neri, arcieri con le guance impolverate, uomini tozzi con scudi pelosi, uomini dalla pelle scura con mantelli di piume e molti altri personaggi di rilievo, come Shagwell il Giullare, septon Utt, Qyburn e Urswyck il Fedele.[1]

Durante la loro permanenza ad Harrenhal, gli uomini di Vargo Hoat litigano con quelli di Amory Lorch, obbligando lord Tywin a intervenire. La notte del loro arrivo alla fortezza, scoppia una rissa tra loro e i Lannister, dove rimane ucciso lo scudiero di ser Harys Swyft. Due mercenari feriti vengono poi impiccati insieme a un arciere di lord Lewys Lydden, accusati di aver iniziato la scaramuccia.[1]

Quando lord Tywin lascia Harrenhal, Jaqen, Rorge e Mordente aiutano Arya Stark a liberare i prigionieri del nord tenuti nelle segrete. Liberati i prigionieri, i Bravi Camerati li aiutano a massacrare la guarnigione dei Lannister rimasta alla fortezza e aprono le porte del castello a lord Roose Bolton che lo saccheggia.[3] Vargo diventa lord di Harrenhal per il suo servigio prestato all'esercito del Nord e lord Bolton porta poi con sé gli uomini dei Bravi Camerati per dare la caccia ai Lannister nella campagna circostante.

Vargo divide i suoi uomini in quattro gruppi e affida i due meno numerosi ai suoi fidati luogotenenti, Utt e Urswyck, mentre lui in persona guida quello più grosso.[4] Approfitta della sua passata alleanza con lord Tywin per convincere le guarnigioni Lannister che non sanno del suo tradimento a fidarsi di lui, prima di prenderne possesso e tornare ad Harrenhal con sacchi pieni d'oro e di teste.[4] Alcuni gruppi, però, incontrano delle difficoltà durante le missioni di approvvigionamento: l'accampamento di Utt viene assalito da un branco di lupi selvaggi, che uccide due dei loro cavalli,[4] mentre un gruppo più piccolo viene assaltato da un branco di lupi guidato da Nymeria che uccide Iggo, un Ibbanese armato d'ascia, un lanciere di Dorne e un arciere di Lys.[5]


Tempesta di spade

Beric Dondarrion e Thoros di Myr guidano la Fratellanza senza Vessilli all'attacco di un tempio occupato da una guarnigione dei Bravi Camerati che include, tra gli altri, un uomo di Myr, due di Ibben, tre di Volantis e alcuni Dothraki. I mercenari catturati, tra cui Utt, vengono impiccati.[6]

Vargo Hoat si fa sempre più sospettoso dei suoi alleati Bolton e teme che possano allearsi con i Lannister. Quando il gruppo guidato da Urswyck cattura Jaime Lannister, Vargo ordina a Zollo di mozzare la mano della spada del prigioniero, così da incrinare i rapporti tra lord Tywin Lannister e lord Roose Bolton.[7] Quando Jaime sta per lasciare Harrenhal, si rivolge ai Bravi Camerati:

Zollo. È cortese da parte tua venire ad augurarmi il buon viaggio. Pyg. Timeon. Vi mancherò? E allora, Shagwell, nessuna battuta divertente questa mattina? Giusto per allietarmi il cammino? E tu, Rorge, non vieni a darmi il bacetto dell'addio?


Quando Rorge lo manda al diavolo, Jaime risponde:

Se proprio insisti. Ma sii certo di una cosa: tornerò. Un Lannister ripaga sempre i propri debiti.
[8]


Il piano di seminare discordia tra i Lannister e i Bolton non funziona e, poco dopo, lord Bolton lascia la fortezza nelle mani di Vargo che, nel tentativo di violentare Brienne di Tarth imprigionata ad Harrenhal, perde un orecchio e la ferita che ne consegue si infetta gravemente.

Mentre la riconquista della fortezza da parte dei Lannister sembra ormai questione di tempo e Vargo è preda dei deliri causati dalla febbre, la maggior parte dei Bravi Camerati diserta. Quando ser Gregor Clegane giunge ad Harrenhal e uccide Vargo, la compagnia mercenaria si è ormai dissolta in gruppi più piccoli.


Il banchetto dei corvi

Nel periodo successivo alla guerra, i membri sopravvissuti dei Bravi Camerati diventano banditi e vagabondi. Un gruppo in particolare, quello guidato da Rorge, saccheggia e dà alle fiamme Padelle Salate, un'azione rivoltante e atroce che causa numerose vittime e desta disgusto e indignazione in tutto il regno. Poiché Rorge indossa l'elmo di Sandor Clegane, il saccheggio viene erroneamente attribuito al Mastino.[9]

Quando Brienne di Tarth incappa in Shagwell, Timeon e Pyg ai Sussurri, in cerca di un passaggio per il Continente Orientale, Timeon dice che Urswyck sta guidando un gruppo di mercenari verso Vecchia Città. I tre vengono poi uccisi in quel luogo.[10] Rorge e Mordente muoiono invece durante uno scontro con Brienne alla Locanda dell'Incrocio.[11][12]

Qyburn viene invece scelto come nuovo Maestro dei Sussurri, siede nel Concilio Ristretto della regina Cersei Lannister ma[13] viene allontanato (pur mantenendo il suo titolo) dopo l'arresto della sovrana.[14] Con il benestare della regina, Qyburn vive alla Fortezza Rossa e continua con i suoi esperimenti proibiti.[15]


La danza dei draghi

Quattro dei cinque membri dei Bravi Camerati ancora in vita (Zollo, Urswyck, Togg Joth e Tre Dita) sono in fuga nel Continente Occidentale.[16] Qyburn continua a servire la regina Cersei Lannister ad Approdo del Re.[17]


Membri conosciuti


Citazioni

Ma quanti di questi mostri ha lord Tywin?
Riflessioni di Arya Stark [1]



Tu e tuo padre avete perso un po' troppe battaglie. Così noi abbiamo preferito mollare la criniera del leone per prendere la pelliccia del lupo.
Timeon a Jaime Lannister[7]


I Bravi Camerati non hanno combattuto nella Battaglia delle Acque Nere, eppure saranno conteggiati tra le perdite di quella battaglia.
Lord Roose Bolton a Jaime Lannister[18]



Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti