Canzone di Jenny

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.

La Canzone di Jenny è una ballata triste. Il fantasma di Cuore Alto chiede sempre di poterla ascoltare in cambio dei sogni profetici che racconta alla Fratellanza senza Vessilli. La canzone potrebbe ispirarsi a Jenny di Vecchie Pietre, la quale, a quanto si dice, era amica di una strega dei boschi.


Indice


Eventi recenti

Tempesta di Spade

Arya Stark sente la Canzone di Jenny quando la Fratellanza senza Vessili la porta con sé a Cuore Alto per la prima volta. Qui, incontra il fantasma del luogo, che chiede le venga suonata tale ballata dopo che ha riferito di alcuni suoi sogni recenti .[1] Tom di Settecorrenti comincia dunque a cantare, accompagnandosi con la sua arpa di legno. La sua voce è tanto lieve che Arya riesce a comprendere solo brandelli di versi, anche se la melodia le è familiare. "Sansa la conoscerebbe, questa canzone, ci scommetto”, pensa la ragazzina.[2]

Quando la fratellanza si reca a Cuore Alto per la seconda volta,[3] Tom torna a suonare la ballata per la nana albina. Mentre il menestrello canta, quest’ultima chiude gli occhi e ondeggia piano avanti e indietro, mormorando le parole della canzone e piangemdo. Thoros di Myr afferma saldamente Arya per una mano e la tira in disparte, dicendole:


Lascia che si goda la sua canzone in pace. È tutto quello che le resta.[4]


Più tardi, mentre la fratellanza attende l’arrivo di Merrett Frey a Vecchie Pietre con il riscatto per il fratello, è probabile che Tom canti alcuni versi della ballata mentre siede sulla tomba di re Tristifer IV Mudd. Giunto sul posto, Merrett ode la musica e la trova dolce e malinconica. Riflette sulle parole che la compongono:


Su nelle sale dei re scomparsi, Jenny danzava con i suoi fantasmi...[5]


La Canzone di Jenny potrebbe essere la medesima ballata che Robb Stark cita a sua madre Catelyn Tully quando loro stessi sostano di fronte al sepolcro di re Tristifer. Catelyn riferisce al figlio il nome dell’antico castello presso le cui rovine si sono accampati e quaet’ultimo osserva:


C'è una canzone. Jenny di Vecchie Pietre, con i fiori nei capelli.[6]



Citazioni

Mi fa sempre cantare la stessa stramaledetta canzone.[2]

Tom di Settecorrenti rivolto ad Arya Stark


Oh, aye. La canzone della mia Jenny. Ce n'è forse un'altra?[4]

Il fantasma di Cuore Alto rivolto a Tom di Settecorrenti



Fonti

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti