Casa Blacktyde

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Casa Blacktyde di Blacktyde
Blacktyde.PNG

Stemma

Vaiato di verde e di nero

Titolo

Lord di Blacktyde

Regione

Blacktyde, Isole di Ferro

Seggio

Blacktyde

Alfieri di

Casa Greyjoy di Pyke


La Casa Blacktyde di Blacktyde è una casata nobile delle Isole di Ferro, la più importante dell'isola di Blacktyde. I suoi membri sono alfieri della Casa Greyjoy di Pyke. Lo stemma è vaiato di verde e di nero, mentre il motto è sconosciuto.


Indice

Storia

Joron I Blacktyde è un alto re delle Isole di Ferro passato alla storia per aver catturato, torturato e ucciso re Gyles II Gardener dell'Altopiano e aver portato via tutte le donne sotto i trent'anni durante una razzia ad Arbor.[1]

Durante la Ribellione dei Greyjoy il padre di Baelor Blacktyde viene ucciso in battaglia.[2] In seguito alla sconfitta, Baelor viene mandato come ostaggio a Vecchia Città, dove rimane per otto anni.[3] Al suo ritorno nelle Isole di Ferro, Baelor ha già abbracciato il Culto dei Sette Dèi, che non ripudierà mai, sebbene nell'arcipelago il culto principale sia quello del Dio Abissale.[2]

Dopo la ribellione, il giovane Tristifer Botley viene mandato a Blacktyde come protetto di lord Blacktyde. Tristifer era un protetto dei Greyjoy a Pyke ma, dopo essere stato scoperto in atteggiamenti intimi con Asha, figlia di lord Balon, viene allontanato dal lord stesso.[3]


Eventi recenti

Lo scontro dei re

Arrivato a Pyke, Theon Greyjoy vede alcuni capitani Blacktyde tra quelli radunatisi nel castello per sostenere lord Balon Greyjoy, intenzionato a reclamare di nuovo l'indipendenza delle Isole di Ferro poco dopo lo scoppio della Guerra dei Cinque Re.[4]


Il banchetto dei corvi

Beron Blacktyde, detto Beron il Cieco, è uno dei numerosi Annegati che seguono la decisione di Aeron Greyjoy nell'invocare un'Acclamazione di Re per scegliere il nuovo re delle Isole di Ferro in seguito alla morte di Balon Greyjoy. Prima di raggiungere Vecchia Wyk per l'Acclamazione, lord Baelor Blacktyde si ferma a Dieci Torri per consultarsi con lord Rodrik Harlaw: Baelor teme che Euron Greyjoy approfitti del raduno per eliminare tutti gli altri pretendenti al trono, proprio come Urron Greyiron ha fatto secoli or sono.[3]

Molti Blacktyde, tra cui lo stesso lord Baelor, si radunano intorno a Victarion Greyjoy al suo arrivo a Vecchia Wyk. Durante il banchetto alla vigilia dell'Acclamazione, lord Baelor decide di non schierarsi dalla parte del Capitano di Ferro quando capisce che quest'ultimo non ha intenzione di porre fine alla guerra[2] e supporta invece Asha Greyjoy, che durante l'Acclamazione promette di portare la pace e porre fine al conflitto.[5]

In seguito all'incoronazione di Euron, lord Baelor si rifiuta di riconoscere il sovrano e cerca di fuggire, ma viene catturato e successivamente fatto in sette pezzi, un macabro omaggio ai suoi Sette Dèi, su ordine di Euron, che tiene con sé il mantello del defunto lord.[6]


La danza dei draghi

Re Euron Greyjoy ordina di dare la caccia a tutti gli Annegati: Beron Blacktyde viene quindi catturato e interrogato riguardo alla sparizione di Aeron Greyjoy.[7]


Membri della casata al termine del terzo secolo

I Blacktyde conosciuti che vivono durante l'arco temporale narrato ne Le cronache del ghiaccio e del fuoco sono:

Con legami non specificati con il ramo principale:


Membri storici


Fonti e note

  1. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, Le Corone di Legno.
  2. 2,0 2,1 2,2 Il banchetto dei corvi, Capitolo 18, Il Comandante di Ferro.
  3. 3,0 3,1 3,2 Il banchetto dei corvi, Capitolo 11, La Figlia della Piovra.
  4. Lo scontro dei re, Capitolo 24, Theon.
  5. Il banchetto dei corvi, Capitolo 19, The Drowned Man.
  6. Il banchetto dei corvi, Capitolo 29, Il Predone.
  7. La danza dei draghi, Capitolo 26, La Sposa Ribelle (Asha I).


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti