Casa Grandison

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Casa Grandison di Grandview
House Grandison.PNG

Stemma

Un leone nero dormiente su campo giallo

Motto

Guai a chi ci provoca

Sede

Grandview

Lord attuale

Hugh Grandison

Regione

Terre della Tempesta

Vassalli di

Casa Baratheon

La Casa Grandison di Grandview è una nobile casata delle Terre della Tempesta che risiede a Grandview. Il suo stemma è un leone nero dormiente su campo giallo.[1][2] Secondo fonti semiufficiali, il suo motto, che non compare nei libri, è "Guai a chi ci provoca".[3]


Indice


Storia

Ser Harlan Grandison, un cavaliere della Guardia Reale, muore nel sonno e viene sostituito da Ser Jaime Lannister.[4]

Insieme a Lord Cafferen, Lord Grandison viene fatto prigioniero da Robert Baratheon nella Battaglia di Sala dell'Estate, uno scontro della Ribellione di Robert. Lord Baratheon riesce a convincere i due lealisti Targaryen a passare dalla sua parte. Lord Grandison combatte quindi per Robert nella Battaglia del Tridente. Muore un anno dopo per le ferite riportate.[5]

L'attempato Lord Hugh Grandison è uno dei pretendenti alla mano della principessa Arianne Martell.


Eventi recenti

Lo scontro dei re

Nella Guerra dei Cinque Re, i Grandison si schierano probabilmente con Renly Baratheon, per poi allearsi con Stannis Baratheon alla morte del pretendente.


La danza dei draghi

Sebbene Lord Hugh Grandison, comunque troppo vecchio per combattere, abbia probabilmente giurato fedeltà a Joffrey Baratheon dopo la Battaglia delle Acque Nere, Ser Narbert Grandison continua ad appoggiare Stannis e diventa uno degli Uomini della Regina.


La casata al termine del terzo secolo

I Grandison conosciuti e che vivono al tempo delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco sono:

Con legami sconosciuti al ramo principale:

Durante la Ribellione di Robert Baratheon:


Attendenti


Membri storici


Fonti e note

  1. Tempesta di spade, Capitolo 11, Jaime.
  2. The Citadel. Heraldry: Houses in the Stormlands
  3. The Citadel. House Mottoes. "Guai a chi ci provoca" è una nostra possibile traduzione di "Rouse me not". In inglese, il verbo to rouse significa sia provocare, nel senso di istigare, che svegliare. L'effige dei Grandison è infatti un leone dormiente: meglio non svegliare la fiera che, seppur addormentata, non è meno feroce.
  4. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, I re Targaryen: Aerys II.
  5. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, La Ribellione di Robert.
  6. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, I re Targaryen: Aegon III.


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti