Casa Oakheart

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Casa Oakheart di Vecchia Quercia
House Oakheart.png

Stemma

Tre foglie di quercia verde su oro

Motto

Le nostre radici sono profonde

Lord attuale

Lady Arwyn Oakheart

Seggio

Vecchia Quercia

Regione

Altopiano

Alfieri di

Casa Tyrell di Alto Giardino

Fondata da

John la Quercia

La Casa Oakheart di Vecchia Quercia è un'antica e potente casata nobile dell'Altopiano il cui seggio è Vecchia Quercia. È una delle famiglie nobili della regione che possono far risalire le loro origini a Garth Manoverde.[1] Come parte attiva della secolare rivalità tra l'Altopiano e Dorne, gli Oakheart hanno combattuto i dorniani molto spesso.

Lo stendardo rappresenta tre foglie di quercia verdi su sfondo giallo[2][3] e, per questo, esso viene spesso indicato con l'espressione "le tre foglie".[4][5] Secondo fonti semiufficiali, il motto è "Le nostre radici sono profonde".[6]


Indice

Storia

Gli Oakheart sostengono di discendere da John la Quercia, un leggendario figlio di Garth Manoverde.[7] I piccoli sovrani di Vecchia Quercia entrano nel regno dell'Altopiano sotto il dominio di re Garth III Gardener, attraverso un patto di amicizia e mutua difesa.[8]

Durante la Guerra di Conquista, lord Oakheart guida l'ala sinistra dell'esercito di re Mern IX Gardener nel Campo di Fuoco.[9] Quando nel 13 CA il principe Nymor Martell manda la figlia Deria da re Aegon I Targaryen in qualità di ambasciatrice, il sovrano respinge la richiesta di lord Oakheart di spedire la ragazza nel peggior bordello di Approdo del Re.[10]

Durante il suo viaggio nel Sud in data 112 CA, la principessa Rhaenyra Targaryen viene corteggiata dal figlio di lord Oakheart.[11]

Lord Edgerran Oakheart passa alla storia per la sua lotta feroce contro i dorniani. Alester Oakheart e ser Olyvar la Quercia Verde muoiono al fianco di re Daeron I Targaryen al Passo del Principe.[4]

Ser Eustace Osgrey lamenta che la Casa Oakheart ha tenuto il piede in due scarpe durante la Ribellione dei Blackfyre.

Nel 290 CA, ser Aerys Oakheart entra nella Guardia Reale di re Robert Baratheon.


Eventi recenti

Lo scontro dei re

Lady Arwyn Oakheart segue lord Mance Rayder nel richiamare i suoi alfieri e schierarsi dalla parte di re Renly Baratheon. Lady Arwyn siede inoltre nei concili di guerra.[2]

In seguito alla morte di Renly e all'Assedio di Capo Tempesta, i vessilli della Casa Oakheart vengono avvistati a nord del Mander.[12]

Ser Arys Oakheart obietta quando re Joffrey Baratheon gli ordina di picchiare Sansa Stark e, sebbene poi venga costretto a colpirla, cerca di farlo il più piano possibile. Arys viene poi mandato a Dorne in qualità di scudo giurato della principessa Myrcella Baratheon.[13]


Il banchetto dei corvi

Ser Arys Oakheart, che intrattiene una relazione clandestina con la principessa Arianne Martell, è convinto da quest'ultima a partecipare a una cospirazione per incoronare Myrcella Baratheon regina dei Sette Regni.[4] Si lascia uccidere da Areo Hotah quando il loro piano è scoperto, preferendo la morte al disonore.[14]


Membri della casata al termine del terzo secolo

Gli Oakheart conosciuti che vivono durante l'arco temporale narrato ne Le cronache del ghiaccio e del fuoco sono:


Corte


Membri storici


Fonti e note

  1. Tempesta di spade, Capitolo 6, Sansa.
  2. 2,0 2,1 Lo scontro dei re, Capitolo 22, Catelyn.
  3. The Citadel. Heraldry: Houses in the Reach
  4. 4,0 4,1 4,2 Il banchetto dei corvi, Capitolo 13, Il Cavaliere Disonorato.
  5. A Forum of Ice and Fire: General Questions
  6. "Our roots go deep", The Citadel. House Mottoes
  7. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, Garth Manoverde.
  8. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, I re Gardener.
  9. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco,La Conquista.
  10. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, Dorne contro i draghi.
  11. La principessa e la regina
  12. Lo scontro dei re, Capitolo 44, Tyrion.
  13. Lo scontro dei re, Capitolo 41, Tyrion.
  14. Il banchetto dei corvi, Capitolo 21, Il Creatore di Regine.


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti