Casa Velaryon

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Casa Velaryon di Driftmark
House Velaryon.PNG

Stemma

Un cavalluccio marino argenteo su campo verde mare

Motto

Gli Antichi, i Veraci, i Valorosi[1]

Sedi

Altamarea o Driftmark

Lord attuale

Monterys Velaryon

Regione

Baia delle Acque Nere, Terre della Corona

Titoli

Lord delle Maree
Lord di Driftmark

Vassalli di

Casa Baratheon di Roccia del Drago

Anno di fondazione

prima del 114PC

La Casa Velaryon di Driftmark è una blasonata casata delle Terre della Corona che governa l’isola di Driftmark, la più grande fra le isole della Baia delle Acque Nere. Detiene due sedi: i castelli di Driftmark e Altamarea.[2] Il capo della Casa Velaryon riceve il titolo di Lord delle Maree e quello di Lord di Driftmark.[3]
I Velaryon hanno giurato fedeltà a Roccia del Drago[4] ed il loro stemma è rappresentato da un cavalluccio marino color argento su campo verde mare.[5][6] Il motto della casata non compare nei libri ma, secondo fonti semiufficiali, le parole dei signori di Driftmark sono "Gli Antichi, i Veraci, i Valorosi".[1][7] Un nome molto comune fra i Velaryon è Jacaerys.[8]


Indice


Storia

Prima della Conquista

Quella dei Velaryon è una vetusta e orgogliosa casata nelle vene dei cui membri scorre il sangue dell’antica Valyria[5][9], luogo in cui essi sono da sempre grandi alleati dei Targaryen. Al pari di questi ultimi, i Velaryon hanno spesso capelli oro-argento e occhi viola.[9] I Velaryon giungono nel Continente Occidentale prima dei Targaryen e s’insediano sull’isola di Driftmark, dichiarando d’aver ricevuto il Trono di Legno levigato dal mare da Re Merling a suggello di un patto. In breve, i Velaryon rimpinguano i loro forzieri monopolizzando i commerci navali. Mentre i loro alleati Targaryen dominano i cieli a cavallo dei draghi, i signori di Driftmark detengono il controllo sulla zona centrale del Mare Stretto.[2]

Anche dopo il Disastro di Valyria, la casata continua ad intrecciare forti rapporti d’alleanza con i Targaryen. Un esempio al riguardo sono le nozze tra Aerion Targaryen e Valaena Velaryon, poi genitori di Aegon il Conquistatore, Visenya e Rhaenys. Quando Aegon e le sue sorelle danno il via alla Guerra di Conquista, Driftmark non manca di sostenerli e Daemon Velaryon diviene il primo Maestro della Flotta di Aegon. Il primo a ricoprire la carica di Lord Comandante della Guardia Reale è invece Ser Corlys Velaryon.


Anni tra la Conquista e la Danza

Numerosi sono i patti matrimoniali conclusi fra Velaryon e Targaryen a partire dalla Conquista. Vi sono tre principi Targaryen che prendono in moglie una Velaryon e tre nobildonne Targaryen che si sposano all’interno della Casa Velaryon:

Oltre a ciò, i Velaryon servono più volte il Trono di Spade come Maestri della Flotta, mettendo le loro molte navi a disposizione dei sovrani.[2]

Fra i più famosi rampolli della casata, si ricorda Lord Corlys Velaryon, conosciuto come il Serpente di Mare. Battezzato Corlys in onore del primo Lord Comandante della Guardia Reale, acquisisce fama non grazie alla sua abilità con la spada, ma ai suoi numerosi viaggi per mare attorno al mondo. Non solo naviga sino a Qarth per commerciare in seta e spezie, ma si spinge addirittura molto oltre, approdando alle leggendarie isole di Yi Ti e Leng, i cui tesori raddoppiano le ricchezze e il prestigio dei Velaryon. Il Serpente di Mare fa in tutto nove grandi viaggi, nell’ultimo dei quali salpa con casse colme d’oro e fa ritorno con venti nuove navi comprate a Qarth e cariche di spezie, elefanti e seta finissima. Ciò contribuisce a rendere la Casa Velaryon la più ricca nobile casa del reame (per un certo tempo, perfino più ricca delle case Casa Lannister e Hightower). Poiché il castello di Driftmark è tanto umido e angusto, Lord Corlys, ora l’uomo più facoltoso dei Sette Regni, fa costruire una seconda sede per i Velaryon, Altamarea.[2]


La Danza dei Draghi

Vedi anche: Danza dei Draghi (guerra).

Nel corso della guerra civile nota come Danza dei Draghi, i Velaryon sono i più fedeli sostenitori dei neri, il partito contrapposto ai verdi. La loro lealtà è dovuta al fatto che il defunto Laenor Velaryon è stato il primo marito della principessa Rhaenyra Targaryen e che Lord Corlys Velaryon è sposato con la principessa Rhaenys Targaryen. I cavalieri di draghi della casata, schierati per la battaglia, includono i tre figli maschi di Laenor (Jacaerys, Lucerys e Joffrey Velaryon), sebbene continuino a circolare voci insinuanti ch’essi siano in realtà stati concepiti con Ser Harwin Strong, presunto amante di Rhaenyra.

Anche dopo aver perso tre combattenti, i quali muoiono durante la guerra, flotta e ricchezze continuano a rendere i Velaryon una grande potenza del Continente Occidentale. Per mare, solamente i Greyjoy possono competere con loro. Lord Corlys si serve delle sue navi per chiudere la Baia delle Acque Nere all’arrivo di approvvigionamenti nemici, ma il blocco è forzato nella Battaglia del Condotto e Città delle Spezie e Altamarea sono saccheggiate. I Velaryon perdono circa un terzo della loro flotta. Non si sa se, a questo punto, essi restino ad Altamarea o facciano ritorno al castello di Driftmark.

Dopo che sua moglie, la principessa Rhaenys Targaryen, perde la vita nella Battaglia di Riposo del Corvo, il Serpente di Mare si adira con Rhaenyra, la quale si è rifiutata di mandare i suoi figli a combattere al fianco della donna. Rhaenyra riesce a placare la furia di Corlys solo rendendolo suo Primo Cavaliere.[10]
Necessitando nuovi cavalieri di draghi, i neri lanciano un appello ai semi del popolino di Roccia del Drago e degli immediati dintorni, fra cui vi sono anche Addam di Hull ed il fratello Alyn.

Marilda di Hull, madre dei ragazzi, sostiene che essi siano stati concepiti col defunto Ser Laenor Velaryon, primo marito di Rhaenyra. Tuttavia, si vocifera che Addam ed Alyn siano in realtà i figli illegittimi di Lord Corlys, il quale ha trascorso diversi giorni presso il cantiere navale di Hull, ove il padre di Marilda è carpentiere. La verità sarebbe però sin da subito tenuta lontano da corte per non scatenare la furia dell’irascibile principessa Rhaenys.

Mentre Addam si guadagna la fiducia del drago Mare Infuocato, Alyn fallisce nel tentativo di domare Ladro di Pecore. Lord Corlys accoglie entrambi i ragazzi nella sua casata rendendoli dei veri Velaryon. Il Serpente di Mare arriva inoltre a chiedere a Rhaenyra di rimuovere da loro il marchio del bastardo perché siano a tutti gli effetti suoi eredi e Rhaenyra esaudisce la richiesta. Più tardi, però, la regina, resa paranoica dalla diserzione dei Due Traditori, sospetta i giovani di tradimento. Corlys si pronuncia in loro difesa e, quando Rhaenyra decide comunque di far arrestare Addam, avvisa il ragazzo perché possa lasciare Approdo del Re in tempo.

Addam si batte con onore nella Seconda Battaglia di Tumbleton, nella quale respinge i nemici di Rhaenyra a costo della sua stessa vita. Nel frattempo, Lord Corlys è gettato in una cella, atto che provoca il rifiuto dei Velaryon di continuare ad appoggiare la regina con la propria flotta. Il Serpente di Mare è in seguito perdonato da re Aegon II Targaryen. A guerra terminata, durante la cosiddetta Ora del Lupo, Alysanne Blackwood accetta di sposare Lord Cregan Stark a patto che Corlys venga graziato. Il Serpente di Mare muore nel 132 CA, a settantanove anni. Il suo corpo senza vita è esposto per una settimana ai piedi del Trono di Spade e compianto da tutto il regno.[2]


Dopo la Danza

In seguito alla morte della principessa Jaehaera, Lady Baela Targaryen e la sua gemella Lady Rhaena presentano Lady Daenaera Velaryon alla corte di re Aegon III. Il padre di Lady Daenaera, Daeron Velaryon, cugino del defunto Addam e di Lord Alyn Velaryon, è morto combattendo alle Stepstones. Il giovane re rimane molto colpito da Daenaera, una ragazza di straordinaria bellezza, e la rende la sua seconda moglie e regina consorte. Daenaera gli dà due figli maschi, Daeron e Baelor, e tre figlie femmine, Daena, Rhaena ed Elaena. Attraverso la figlia Daena, Daenaera diviene un’antenata dei discendenti Blackfyre.

Alyn Velaryon, precedentemente Alyn di Hull, diventa lord di Driftmark alla scomparsa del Serpente di Mare. Nel periodo di reggenza del governo di Aegon III, Lord Velaryon è l’acerrimo rivale di Lord Unwin Peake, poi Primo Cavaliere del Re. Alyn manda a monte i progetti di Lord Peake per far sposare sua figlia al giovane re, agevolando invece le nozze tra Aegon e la nipote Daenaera.

Lord Alyn si vede rifiutare il posto come reggente del giovane re che era stato di Corlys e viene mandato ad assaltare le Stepstones in una battaglia via mare nella quale acquisisce enorme fama, guadagnandosi l’appellativo di Pugno di Quercia. Lord Pugno di Quercia è poi inviato nelle Terre dell’Ovest per arrestare i saccheggi di Dalton Greyjoy, la Piovra Rossa. Ancora in seguito, Lord Alyn appoggia re Daeron I Targaryen nella sua campagna d’invasione di Dorne.

Lord Alyn Velaryon prende in moglie la cugina Lady Baela Targaryen, figlia del principe Daemon Targaryen e Lady Laena Velaryon. Ha tuttavia una relazione con un’altra sua cugina, la principessa Elaena Targaryen, sorella di Daeron il Giovane Dragon, Baelor Baelor il Benedetto, Daena la Ribelle e Rhaena. Gli amanti hanno due figli, i gemelli Jon e Jeyne Waters[11] Jon diventa cavaliere e si sposa inaugurando una discendenza che sopravvive ancor oggi ad Approdo del Re, nella persona di Rennifer Longwaters, un secondino della Fortezza Rossa.


Storia recente

Lucerys Velaryon serve come Maestro della Flotta durante il regno di re Aerys II Targaryen.[12]

Durante la Guerra dell’Usurpatore, i Velaryon rimangono presumibilmente fedeli ai Targaryen, mandando i loro uomini a combattere nella Battaglia del Tridente a fianco di Rhaegar Targaryen, principe di Roccia del Drago.


Eventi recenti

Lo scontro dei re

Lord Monford Velaryon accoglie l’appello di Stannis Baratheon, il quale, autoproclamatosi re, sta adunando i suoi sostenitori. Stannis manifesta a Davos Seaworth il disagio che prova nel dover cenare con i suoi lord (tra cui i Velaryon), i quali, quando non sono ansiosi di assaltare il nemico, sono poco più che una zavorra. Il contributo di Lord Velaryon alla flotta da guerra di Stannis è nientemeno che la Orgoglio di Driftmark, uno scafo argenteo accompagnato da tre navi gemelle, la Balda Risata, la Harridan e la Cavallo di Mare. Quando Stannis rende pubbliche le accuse contro Joffrey Baratheon, il presunto frutto di un incesto, Monford osserva che solo l’acciaio risolverà la questione.

Durante la Guerra dei Cinque Re, Stannis assedia Capo Tempesta. Lord Velaryon sollecita il re ad abbattere le mura del castello il prima possibile, ma muore al comando della sua nave nella Battaglia delle Acque Nere. Prima di affondare, l’Orgoglio di Driftmark fa colare a picco due galee dei Lannister. Tyrion Lannister, a capo dei suoi uomini e affiancato da Ser Balon Swann e Ser Mandon Moore, si ritrova accerchiato da dei lancieri Velaryon. Aurane Waters, il Bastardo di Driftmark, è imprigionato e, a battaglia finita, si arrende a re Joffrey Baratheon.


Tempesta di spade

A Monford succede il figlio di sei anni, Lord Monterys Velaryon.[13] I Velaryon continuano ad appoggiare Stannis nonostante la sua sconfitta alle Rapide Nere.[14]

Jon Snow avvista il cavalluccio marino della Casa Velaryon fra gli stemmi dei combattenti coinvolti nell’assalto guidato da Stannis contro i bruti accampati a nord della Barriera.[15]


Il banchetto dei corvi

Alla Fortezza Rossa, la regina Cersei Lannister incontra Aurane Waters, il quale le ricorda il principe Rhaegar Targaryen.[9] Senza dar credito alle obiezioni di Ser Jaime Lannister e incurante del passato non proprio immacolato del giovane, la sovrana nomina il Bastardo di Driftmark nuovo Maestro della Flotta. Una volta investito di tale officio, Aurane suggerisce di costruire dei dromoni e di equipaggiarli con ladri e contrabbandieri. Quando Margaery Tyrell è accusata d’adulterio, Aurane propone di far posizionare le navi lungo il fiume per allentare il trambusto politico ma, appena apprende la notizia dell’incarcerazione di Cersei, egli si dilegua fuggendo per mare. Gran Maestro Pycelle crede che si voglia affermare come pirata alle Stepstones.


La Casa Velaryon alla fine del terzo secolo

I Velaryon che appaiono o che vengono menzionati nel corso degli eventi narrati ne Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco sono:

  • Lord {Monford Velaryon}, lord delle Maree e di Driftmark. Brucia vivo mentre è al comando della sua nave nella Battaglia delle Acque Nere.
    • Lord Monterys Velaryon, un ragazzino, figlio ed erede di Monford.
    • Aurane Waters, "il Bastardo di Driftmark", fratello illegittimo di Monford. Un giovane e avvenente navigatore, precedentemente grande ammiraglio divenuto pirata. Si è dato il titolo di “Lord delle Acque” .


 
 
 
 
 
 
 
 
Donna
sconosciuta
 
Velaryon
sconosciuto
 
Moglie
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Aurane Waters
 
Monford
 
Moglie sconosciuta
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Monterys
 
 



Membri storici


Albero storico dei Velaryon

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Corlys
 
Rhaenys
Targaryen
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Fratelli
sconosciuti
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Laena
 
Daemon
Targaryen
 
Marilda "di Hull"
 
Laenor
 
 
 
 
 
Rhaenyra Targaryen
 
5 figli
 
Vaemond
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Rhaena
Targaryen
 
Baela Targaryen
 
Alyn "di Hull"
 
Addam "di Hull"
 
Jacaerys
 
Lucerys
 
Joffrey
 
Figli
sconosciuti
 
Daeron
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Casa Velaryon
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Aegon III Targaryen
 
Daenaera
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Discendenza



Fonti e note

  1. 1,0 1,1 Una nostra traduzione di “The Old, the True, the Brave”.
  2. 2,0 2,1 2,2 2,3 2,4 Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco.
  3. Appendice.
  4. Il gioco del trono, Appendice.
  5. 5,0 5,1 5,2 Lo scontro dei re, Capitolo 10, Davos.
  6. Citadel. Heraldry: In the area of the King's Landing. Il "verde mare" è una tonalità che può riferirsi ad una vasta gamma di sfumature varianti dal color foglia di tè al verde scuro. Ufficialmente, G.R.R.M. non ha ancora specificato quale esatta colorazione abbia in mente.
  7. The Citadel. House Mottoes
  8. 8,0 8,1 8,2 8,3 8,4 The Rogue Prince
  9. 9,0 9,1 9,2 Il banchetto dei corvi, Capitolo 12, Cersei.
  10. 10,00 10,01 10,02 10,03 10,04 10,05 10,06 10,07 10,08 10,09 10,10 La principessa e la regina
  11. Three Maidens in a Tower. (June 27, 2006) So Spake Martin
  12. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, L'anno della Falsa Primavera.
  13. Tempesta di spade, Capitolo 36, Davos.
  14. Tempesta di spade, Appendice.
  15. Tempesta di spade, Capitolo 73, Jon.
  16. 16,0 16,1 16,2 16,3 Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, Aegon I.
  17. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, Aenys I.
  18. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, Maegor I.
  19. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, Daeron I.
  20. 20,0 20,1 Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, Le sorelle di Baelor I.
  21. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, Aegon III.
  22. Il Mondo del Ghiaccio e del Fuoco, Aerys II.


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti