Caverna del Corvo con Tre Occhi

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
(Reindirizzamento da Caverna del corvo con tre occhi)
La posizione della Caverna

La caverna del Corvo con Tre Occhi è una grotta che si trova nei territori a nord della Barriera e deve il nome al suo abitante, il Corvo con Tre Occhi, lord Brynden. La sua posizione esatta non viene segnalata ne La danza dei draghi, ma, in The Lands of Ice and Fire, viene situata nella Foresta Stregata, a est del Pugno dei Primi Uomini e a sudovest del Fiume dei Cervi.[1]

La grotta è in realtà una grossa caverna sotto una collina boscosa, situata in profondità in un intricato sistema di grotte. Lord Brynden siede su un trono di albero-diga nella grotta principale, vicino a un baratro e curato dai Figli della Foresta.


Indice

La struttura

L'ingresso

L'ingresso nella serie televisiva

L'ingresso è una fessura sul lato di una collina, a metà della salita, posizionato tra alcuni alberi-diga ed è sorvegliato, in modo che i non-morti non possano entrare. Un altra via di accesso alla caverna si trova tre leghe più a nord, in fondo a una dolina. Dopo un viaggio pericoloso e un attacco quasi fatale da parte dei non-morti, Bran Stark, Hodor, Meera Reed, Jojen Reed ed Estate riescono a raggiungere la fessura sulla collina ed entrare nella caverna, mentre Manifredde, in quanto non-morto, è costretto a rimanere fuori. Fuori dall'ingresso, la neve copre la gran parte dei non-morti, anche se alcune creature sono in attesa di prede.[2] Quando deve uscire per raggiungere il suo branco e andare a caccia, Estate scava nella neve che blocca l'ingresso.


La zona più superficiale

Sotto la collina c'è un enorme, silenzioso sistema di caverne che ospita una sessantina di Figli della Foresta e le ossa di migliaia di morti. Foglia avverte che non bisogna vagare in quelle grotte, poiché molti percorsi sono stati dimenticati e portano nelle profondità della terra: la creatura dice che neppure i figli della foresta hanno esplorato tutti i cunicoli, nonostante vivano in quel luogo da millenni.

Mentre passano in tunnel stretti e tortuosi pieni di radici di alberi-diga, Bran nota degli occhi brillanti che li guardano. I viaggiatori scoprono poi una caverna dove i suoi echeggiano, ampia come la sala principale di Grande Inverno, con rostri di pietra che calano dalla volta e altri che affiorano dal basso. Più avanti, il passaggio è ricoperto di ossa di uccelli e bestie, figli della foresta e giganti. Teschi di varie creature sono incastonati nelle pareti.


Il corvo con tre occhi

Il percorso si fa a questo punto più scosceso, fino a raggiungere una grotta buia che si apre su un abisso, in fondo al quale si trova un ruscello. Il rumore dell'acqua che scorre rimbomba nell'oscurità e il corso d'acqua si trova ad almeno 600 piedi sotto di loro: il fiume è tortuoso e nero e scorre verso un mare senza sole. Vicino a un ponte naturale sull'abisso si trova il trono di radici di albero diga dove siede il Corvo con Tre Occhi, l'ultimo veggente verde.[2]


Esplorazione

Entrando nella pelle di Hodor, Bran Stark esplora il luogo e trova caverne piene di ossa, pozzi che sprofondano nella terra, un posto dove gli scheletri di giganteschi pipistrelli pendono in giù dal soffitto. Attraversa anche il sottile ponte di pietra e si inarca sopra l'abisso e scopre altri passaggi e caverne nel lato opposto. Una è piena di cantori, avvolti come Brynden in di radici d'albero-diga che s'intrecciano sopra e dentro il loro corpo. I più sembrano morti, ma quando passa loro davanti, aprono gli occhi, seguendo la luce della torcia; uno di essi muove le labbra avvizzite come se cercasse di parlare.[3]


La vita nella grotta

Nella grotta, Bran Stark siede su un trono di radici di albero-diga, costruito apposta per lui dai Figli della Foresta, bianco legno d'albero diga punteggiato di rosso, rami morti intrecciati con radici vive. Lo mettono nella grande caverna vicino all'abisso, accanto a lord Brynden, dove nell'aria nera echeggia il suono dell'acqua che scorre in basso, hanno rivestito il sedile di morbido muschio grigio e, dopo avervi adagiato Bran, lo ricoprono di calde pellicce.

La luce del sole, della luna o delle stelle non raggiunge la caverna. I suoi abitanti si nutrono di centinaia di tipi diversi di funghi, bianchi pesci ciechi del fiume nero, che volta cucinati avevano lo stesso sapore di quelli con gli occhi. Hanno formaggio e latte dalle capre che dividono le grotte con i cantori, oltre a un po' di avena, orzo e frutta secca messi da parte durante l'estate. Quasi ogni giorno mangiano stufato di sangue, addensato con orzo, cipolle e pezzetti di carne. Bran e i suoi amici dormono in una piccola grotta fuori dalla caverna principale, dove i cantori hanno preparato per loro dei letti. Jojen Reed diventa sempre più cupo e spesso guarda l'ingresso della caverna, verso la Foresta Stregata.[2]


Capitoli che si svolgono nella caverna


Citazioni

Tutti i colori si sono svaniti. Il mondo era fatto di terra nera e legno bianco.
Pensieri di Bran Stark[2]


Gli uomini non dovrebbero venire in questo posto.
Foglia[3]



Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti