Chett

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Guardianinotte.png
Chett
Guardianinotte.png
Chett by The Mico©.jpg
Chett © The Mico

Affiliazione

Guardiani della Notte

Cultura

Terre dei Fiumi

Nato

a Covo della Megera

Morto

nel 299 CA al Pugno dei Primi Uomini

Libri

Il trono di spade – Appare
Lo scontro dei re – Appare
Tempesta di Spade – PdV

Chett è un attendente dei Guardiani della Notte. Prima di essere mandato alla Barriera viveva a Covo della Megera con il padre, un raschia-sanguisughe. Chett è il personaggio con PdV nel prologo di A Storm of Swords (Tempesta di spade, I fiumi della guerra, Il portale delle tenebre). [1]

Indice


Aspetto e carattere

Chett ha il volto rosso e butterato con un’enorme ciste sul collo.


Storia

Chett è nato nella zona di Covo della Megera, suo padre setaccia i campi per raccogliere sanguisughe da vendere poi ai Maestri, un mestiere che poi apprende anche il figlio. Chett è un ragazzo dall’aspetto sgradevole e le ragazze lo ignorano: raccoglie i fiori per una giovane di nome Bessa, che è conosciuta per essere facile da conquistare, ma lei lo rifiuta e lo insulta. Chett allora si infuria tanto che la uccide: viene scoperto da uno dei figli bastardi di lord Walder Frey e mandato alla Barriera. Nonostante non sappia leggere, diventa un attendente e assiste maestro Aemon per quattro anni. [1].


Eventi recenti

Il trono di spade

Alla Barriera, Chett diventa attendente con il compito di prendersi cura dei corvi messaggeri e del vecchio Maestro Aemon insieme a Clydas. È un incarico piuttosto tranquillo, ma gli viene portato via da Jon Snow che suggerisce ad Aemon di assumere Samwell Tarly al suo posto in quanto più adatto di Chett per il ruolo. [2]. Chett viene allora assegnato ai canili. [3]


Lo scontro dei re

Chett partecipa alla Grande Escursione nei territori Oltre la Barriera e si occupa dei segugi. Insieme a Lark delle Sorelle scoprono Jon Snow parlare con Gilly, una delle mogli-figlie di Caster. [4]. Più tardi Jon sente Chett e Lark parlare di ammutinamento. [5]


Tempesta di spade

Durante la spedizione alla ricerca del primo ranger scomparso Benjen Stark e di ser Waymar Royce il morale degli uomini è basso. Quattordici di loro hanno deciso di ammutinare e preparano in segreto il piano. Chett è la mente di tutto e insieme a lui ci sono Dirk, Piedemolle, Ollo Lophand, Donnel il Dolce, Lark delle Sorelle, Rolley di Sisterton, cugino di Lark, Karl Piededuro, Maslyn, Piccolo Paul e Segalegno. Per essere sicuri di non venire catturati, decidono di uccidere alcuni confratelli:

  • Il Lord Comandante Jeor Mormont: alla sua morte il comando sarebbe passato a ser Ottyn Wythers, che avrebbe preferito tornare alla Barriera piuttosto che dare la caccia ai disertori.
  • Blane, severo ufficiale della Torre delle Ombre.
  • Grubbs e Aethan, che sarebbero stati di guardia.
  • Dywen e Bannen, per evitare che seguissero le tracce dei disertori.
  • Samwell Tarly, per evitare che scrivesse alla Barriera raccontando dell’accaduto.

Chett vuole uccidere personalmente Samwell. Dopo gli omicidi intende liberare i segugi, che avrebbero spaventato i cavalli inducendoli a scappare: Chett non dà da mangiare ai cani da giorni per renderli ancora più feroci. Nella confusione che sarebbe seguita, i disertori sarebbero potuti fuggire con i cavalli e il cibo che avevano messo da parte. [1]

Sfortunatamente per i cospiratori, poche ore prima dell’attuazione del loro piano inizia a nevicare. Chett capisce che la neve fresca avrebbe reso molto più difficile far perdere le tracce e sarebbero stati raggiunti, così decide di cancellare il piano, ma di uccidere comunque Samwell. Nel momento in cui Chett trova Samwell, però, viene suonato il corno che segnala l’avvistamento degli Estranei. [1]

Quando gli Estranei attaccano l’accampamento dei Guardiani della Notte, Samwell, che non sospettava del piano, chiede a Chett di aiutarlo a inviare i corvi messaggeri, ma quest’ultimo scappa. [6] Chett viene ucciso durante la Battaglia del Pugno dei Primi Uomini, dato che più avanti Samwell lo incontra di nuovo sotto forma di non-morto in un villaggio senza nome dei bruti. Chett e gli altri non-morti vengono attaccati da uno stormo di corvi, permettendo così a Samwell di essere soccorso da Manifredde. [7]

Fonti e Note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti