Danza dei Draghi, la Vera Storia

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.

La Danza dei Draghi, la Vera Storia, talvolta semplicemente chiamata la Vera Storia di Munkun, è un’opera redatta dal Gran Maestro Munkun e vertente la guerra civile denominata Danza dei Draghi. Contiene diversi errori.[1]


Indice


Storia

È la Vera Storia di Munkun a rivelare che Lord Larys Strong aiuta re Aegon II Targaryen a lasciare Approdo del Re quando la città cade nelle mani di Rhaenyra Targaryen e dei suoi alleati.[2]

Per la stesura dell’opera, Munkun consulta le cronache della guerra civile vergate da Orwyle.[2]


Eventi recenti

La danza dei draghi

Dopo aver incontrato Tyrion Lannister nel Continente Orientale, Haldon il Mezzomaestro mette alla prova il Folletto chiedendogli come Serwyn dallo Scudo a Specchio abbia ucciso il drago Urrax.

Tyrion risponde che il guerriero si è avvicinato al drago nascosto dietro al suo scudo e che Urrax ha visto soltanto il proprio riflesso finché egli non gli ha conficcato la punta della sua lancia in un occhio. Haldon, per nulla impressionato, osserva che anche Papero conosce tale storia.

Haldon chiede dunque a Tyrion se conosce il nome del cavaliere che ha tentato, servendosi della medesima strategia, di uccidere Vhagar durante la Danza dei Draghi.

Tyrion dice che si tratta di Ser Byron Swann, arso vivo dal fuoco di drago. Il Folletto precisa però che il drago in questione è Syrax, non Vhagar. Haldon replica che si sbaglia e che ciò non corrisponde a quanto scritto da Maestro Munkun nella Vera Storia. Tyrion lo interrompe subito, affermando che è il Gran Maestro Munkun ad aver commesso un errore.

Tyrion spiega che lo scudiero di Ser Byron ha visto il suo padrone morire ed ha riportato i dettagli della sua morte in una lettera alla figlia. A detta di tale resoconto, il drago che ha ucciso il cavaliere è Syrax, il drago femmina di Rhaenyra Targaryen. Ciò avrebbe decisamente più senso della versione di Munkun in quanto Swann era fgilio di un lord della Marca e Capo Tempesta era dalla parte di Aegon II Targaryen. Vhagar era cavalcata dal principe Aemond, fratello di Aegon, perciò – domanda Tyrion - perché mai Swann avrebbe dovuto abbatterla? L’espressione di Haldon si contrae ed egli si astiene dal rispondere, dicendo al suo interlocutore di stare attento a non cadere da cavallo durante il viaggio.[1]


Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti