Dreamfyre

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Dreamfyre

Affiliazione

Rhaena Targaryen
Helaena Targaryen

Razza

drago

Data e luogo di morte

130 CA, Fossa del Drago

Libri

The Rogue Prince – Menzionata
La principessa e la regina – Menzionata
Il mondo del ghiaccio e del fuoco – Menzionata

DreamfyreSogno di Fuoco ne La Principessa e la Regina – è un esemplare adulto di drago femmina. Dapprima montata da Rhaena Targaryen, sorella del Re Vecchio ed una delle mogli di Maegor il Crudele, diviene più tardi l’amata cavalcatura di Helaena Targaryen.[1]


Indice


Storia

Dreamfyre nasce ad un certo punto durante il regno di re Maegor I Targaryen e viene a tempo debito cavalcata dalla figlia maggiore del defunto re Aenys I, la principessa Rhaena Targaryen.[2]

Anni più tardi, Helaena Targaryen, figlia di re Viserys I, prende la bestia come sua cavalcatura. Durante la Danza dei Draghi, dopo che il figlio di sei anni è brutalmente ucciso, la regina passa le giornate piangendo nella penombra delle sue stanze, senza più trovare la forza di cavalcare il suo drago. Infine, impazzita dal dolore, ella si suicida gettandosi dalla finestra della sua stanza nel Fortino di Maegor. Nell’istante della sua morte, Dreamfyre si scuote improvvisamente spezzando due delle catene che la tengono al suolo ed emettendo un ruggito che fa tremare le pareti della Fossa del Drago.[1]

Durante l’Assalto alla Fossa del Drago, i quattro draghi presenti all’interno della costruzione a cupola sono tutti in catene. Dreamfyre è la sola a riuscire a liberarsene e a prendere il volo quando la folla irrompe nell’edificio. Volteggia al di sotto della grande cupola per poi piombare sugli individui che intendono attaccare lei e i suoi simili. La bestia uccide più uomini degli altri tre draghi messi assieme, ma la folla sfugge in parte alla sua aggressione ed essa è in breve facile preda di arcieri e balestrieri, che la tempestano di dardi e frecce. Orde di uomini e donne inferociti l’accerchiano costringendola a rialzarsi in volo per cercare di sfuggirli. Alla fine, il dardo di una balestra le centra un occhio. Furiosa e mezzo accecata, la bestia vola in alto sino a schiantarsi contro la cupola che, già danneggiata, crolla per metà schiacciando lei e gli assassini di draghi sotto cumuli di macerie.[1]


Personaggi che cavalcano Dreamfyre


Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti