Garth (Tana del Lupo)

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Garth

Affiliazione

Casa Manderly

Cultura

Nord

Libri

La danza dei draghi – Menzionato

Diversi articoli hanno lo stesso nome dell'articolo che stai leggendo! Visita la pagina di disambiguazione per visualizzarli. Disambig.png


Garth è un carceriere, boia e torturatore della Tana del Lupo di Porto Bianco.


Indice


Aspetto e carattere

Garth è un uomo grosso, calvo e taciturno. Perennemente accigliato, indossa sempre lo stesso farsetto di pelle bisunto.[1]


Eventi recenti

La danza dei draghi

Garth si rivolge a Davos Seaworth, confinato alla Tana del Lupo, chiamandolo "il Morto" e ricorda continuamente all’uomo che il giorno della sua esecuzione è vicino: Lord Wyman Manderly vuole che gli vengano mozzate testa e mani.[1]

Garth presenta a Davos "le sue dame": la Baldracca, una sbarra di ferro nero arroventato, e Lady Lu, un’imponente ascia che, a detta degli altri secondini, il proprietario affila ogni giorno. Davos, rassegnato al proprio destino, è deciso ad andare incontro alla morte con onore, da vero cavaliere, con la sola richiesta che la testa gli venga tagliata prima delle mani.[1]

Fortunatamente, la condanna a morte è solo una messinscena e Robett Glover fa infine il suo ingresso in cella, chiedendo cortesemente a Davos di seguirlo.[1]


Citazioni di Garth

La Baldracca non è proprio una bellezza, ma quando l'arroventerò e le farò baciare il tuo cazzo, chiamerai la mamma. E questa è la mia Lady Lu, sarà lei a mozzarti la testa e le mani, quando Lord Wyman Manderly darà l'ordine.[1]
A Davos Seaworth



Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti