Grande Tempio di Baelor

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Il Grande Tempio di Baelor by Marc Simonetti

Il Grande Tempio di Baelor, conosciuto anche come Tempio di Baelor, è il cuore del Culto dei Sette Dèi e il seggio dell’Alto Septon. Si trova ad Approdo del Re, la capitale dei Sette Regni ed è stato chiamato così in onore di re Baelor I Targaryen.

Indice

Descrizione

Il Grande Tempio di Baelor deve il suo nome a Baelor il Benedetto: è situato in cima alla Collina di Visenya ed è circondato da una piazza di marmo bianco nella quale si trova una statua di Baelor, alto e sereno sul suo plinto, il volto uno studio di benevolenza. [1] Il tempio è circondato da giardini immensi, capaci di ospitare centinaia di persone. Il tempio stesso è un edificio a cupola notevole. Possiede sette torri di cristallo, ciascuna dotata di una campana. Le campane suonano tutte insieme solo in caso di eventi particolari, come la morte del sovrano. [2] L’edificio dispone di vari ingressi: i septon passano dalle Porte del Padre, le septa dalle Porte della Madre e le Sorelle del Silenzio dalle Porte dello Sconosciuto. [3] Intorno alle porte che portano all’interno dell’edificio si trova un pulpito di marmo rialzato dal quale un septon può indirizzarsi alla folla.

Dopo le porte c’è la sala d’ingresso al tempio, nota come Sala delle Lanterne: chiunque la percorra, si trova a camminare sotto globi sospesi in vetro piombato. Al di là delle doppie porte è situato il tempio vero e proprio, con sette navate che si incontrano sotto la cupola di vetro, oro e cristallo. [1] I pavimenti sono di marmo, le grandi finestre di vetro piombato colorato e i sette altari sono pieni di candele. Gli altari vengono utilizzati in base allo scopo: i matrimoni, per esempio, si celebrano sempre all’altare che si trova tra le statue dorate del Padre e della Madre. [4] Nei sotterranei ci sono le tombe dei sovrani, le celle dei penitenti e camere che custodiscono i preziosi tesori della Fede, tra cui indumenti costosi, anelli e corone di cristalli.

Storia

Il tempio è stato voluto da re Baelor il Benedetto e ha sostituito il Tempio Stellato di Vecchia Città come luogo di culto principale del Culto dei Sette Dèi.


Eventi recenti

Il trono di spade

L'esterno del tempio (serie TV)

L’alto afflusso di persone che si riversa ad Approdo del Re per il Torneo del Primo Cavaliere provoca numerosi problemi di ordine pubblico in città. Nella fontana dell’arcobaleno del tempio viene trovata la testa mozzata di una donna. [5]

Lord Eddard Stark viene portato sulle scale del Grande Tempio di Baelor per rendere una confessione. L’uomo non sa che tra la folla radunatasi nella piazza ci sono anche la figlia, Arya Stark, Yoren dei Guardiani della Notte e Barristan Selmy, travestito per non farsi riconoscere. Come suggerito da Varys, lord Eddard fornisce una confessione falsa per aver salva la vita e risparmiare ulteriori tormenti alle figlie, ma re Joffrey Baratheon decide comunque di condannarlo a morte, scioccando la regina Cersei Lannister, Varys, la figlia di Eddard, Sansa Stark, e l’Alto Septon, che però non possono opporsi alla decisione del sovrano. Ser Illyn Payne decapita lord Eddard sulle scale del tempio, servendosi di Ghiaccio, la spada ancestrale della Casa Stark. [6]


Lo scontro dei re

Poco prima della Battaglia delle Acque Nere migliaia di persone si affollano nel Grande Tempio di Baelor per pregare e cercare rifugio. [7] Viene inoltre ripetuto spesso che molti devoti sono oltraggiati dal fatto che l’esecuzione di Eddard Stark sia avvenuta in un luogo sacro, poiché, ai loro occhi, il sangue versato ha profanato il tempio.


Tempesta di spade

Margaery Tyrell e Joffrey Baratheon nel tempio (serie tv)

Nel Grande Tempio di Baelor si celebra il matrimonio di Sansa Stark e Tyrion Lannister [8]. Nel 300 CA si celebra inoltre l’unione di re Joffrey Baratheon e Margaery Tyrell. [9]


Il banchetto dei corvi

Il feretro di Tywin Lannister viene posto nel Grande Tempio di Baelor perché tutti possano rendergli omaggio, sotto la cupola di vetro e su un catafalco di marmo rialzato. Jaime Lannister resta di guardia accanto al corpo fino alla sua rimozione. [10] La salma viene lasciata lì per così tanto tempo che, anche dopo essere stata rimossa, l’odore della putrefazione ha reso impossibile qualunque cerimonia per i giorni seguenti. [11]

Il Tempio di Baelor viene preso d’assalto dai profughi disperati provenienti dalle zone in guerra dei Sette Regni, che si accampano nella piazza principale. Tra loro vi sono numerosi devoti che sono a favore di una rivoluzione all’interno del culto per ritrovare la spiritualità perduta: sommergono la statua di Baelor con i resti degli innocenti morti durante il conflitto come monito e riescono persino a far eleggere un nuovo Alto Septon. La presenza di quella folla disordinata e sporca rende difficoltosa la salita sulla Collina di Visenya e l’ingresso al tempio stesso. [12]

Margaery Tyrell viene arrestata mentre si reca in preghiera all’altare della Fanciulla per sospette fornicazioni e poi imprigionata in una delle torri del tempio insieme ad alcune sue cugine. Insospettito dalla confessione di Osney Kettleblack, l’Alto Septon lo imprigiona in una delle celle sotterranee e lo frusta, fino a quando l’uomo non rivela il complotto ai danni di Margaery ordito dalla regina Cersei Lannister, che viene a sua volta arrestata dopo essere stata condotta con l’inganno nei sotterranei del tempio. [13]


La danza dei draghi

Tyrion Lannister crede che il Tempio del Signore della Luce di Volantis sia grande il triplo del Tempio di Baelor. [14]

Cersei Lannister è ancora tenuta prigioniera in una delle sette torri, dove viene curata a vista da alcune septa, finché, stremata, capisce che solo confessando riuscirà a lasciare il tempio. [15] Per espiare i suoi peccati, la regina è costretta a compiere il cammino della vergogna, dal tempio fino alla Fortezza Rossa. Mentre attraversa nuda la piazza, Cersei osserva la statua di Baelor il Benedetto: lo reputa uno stupido e si stupisce del fatto che la statua non cada a pezzi alla vista dei suoi seni nudi. [1]


Fonti e Note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti