Il banchetto dei corvi-Capitolo 10

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Sansa 
Il banchetto dei corvi
Affc.jpg
PDVSansa
LuogoNido dell'Aquila
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Brienne  ← Sansa   → La Figlia della Piovra  


Sansa Stark si trova a Nido dell’Aquila sotto la falsa identità di Alayne Stone, figlia bastarda di Lord Petyr Baelish. Nel castello, la vita è insopportabile dopo la morte della zia, uccisa da Petyr: il cantastorie che viene accusato dell’omicidio non fa che cantare giorno e notte e nessuno riesce a riposare. All’arrivo di alcuni lord della Valle, Sansa e Petyr dovranno convincerli che l’assassino di Lady Lysa sia veramente Marillon.

Indice

Sinopsi

Marillon canta giorno e notte e, siccome la sua cella è aperta sul vuoto, le melodie si possono sentire in tutto il castello. Sebbene l’uomo abbia una voce molto piacevole, Sansa non apprezza, soprattutto la scelta delle canzoni, sempre molto tristi. Di conseguenza, chiede a Petyr se può mettere il cantastorie a tacere, e l’uomo le spiega che in realtà loro hanno bisogno di Marillon che, con un po’ di aiuto, ha confessato di aver ucciso Lady Lysa. In cambio della sua confessione, Ditocorto gli ha risparmiato la vita e gli ha consentito di tenere la sua voce. Petyr prosegue quindi dicendo a Sansa che anche lei dovrà collaborare al mantenimento di questa versione sebbene sappia che non è stato Marillon ad uccidere sua zia, bensì Petyr. La ragazza non è però convinta: non prova pietà per l’uomo che aveva cercato di stuprarla, ma teme che le persone si possano accorgere che stia mentendo.

Per il giorno dopo è attesa una visita di lord Nestor Royce, suo figlio e un folto seguito per indagare l’assassinio di Lysa Arryn. Gli uomini giungono nel tardo pomeriggio e, dopo che Alayne ha reso presentabile il piccolo Lord Robert Arryn, raggiunge il gruppo nella Sala Alta e racconta loro come la morte di Lysa sia stata opera di Marillon. La sua paura e le lacrime rendono ancora più convincente la storia agli occhi dei lord della Valle e, subito dopo, viene fatto entrare il prigioniero. Marillon confessa di aver ucciso la sua amante, Lady Lysa, perché non riusciva a sopportare l’idea di vederla sposata con Petyr. Ai Royce Marillon non era mai piaciuto molto quindi non mettono assolutamente in discussione la sua confessione. Concordano tutti che Marillon venga confinato nelle Celle del Cielo [1] con la speranza che prima o poi cada o decida di lanciarsi verso la morte.

Successivamente Petyr, Lord Nestor Royce e Alayne si dirigono verso lo studio del Lord Protettore della Valle per intraprendere un colloquio privato dove la giovane è presente con il compito di coppiera. Qui, Lord Nestor comunica a Petyr che suo cugino sta cercando consensi per rimuovere l’uomo dal suo ruolo di Lord Protettore. Ditocorto è già a conoscenza delle manovre di Lord Yohn Royce e non ne rimane sorpreso. Come ricompensa per i suoi servigi, dona a Nestor una pergamena che rende lui e i suoi discendenti Lord ereditari del Castello di Porte della Luna. Il Castello di Porte della Luna è una costruzione secondaria che è sempre stata in possesso del ramo principale della Casa Arryn. Nestor era stato nominato castellano quando Lord Jon Arryn si era trasferito ad Approdo del Re come Primo Cavaliere ma, con la bolla, quel castello diventa suo di diritto. Petyr comunica a Lord Nestor che la scelta di donargli il castello era stata della sua defunta moglie, che era però venuta a mancare prima di poter firmare l’accordo. Egli convince così l’uomo che Lysa provava un profondo affetto per lui. Quando Nestor abbandona la sala per recarsi al banchetto serale, Ditocorto chiede a Sansa se abbia capito ciò che ha appena fatto. La giovane risponde che ora l’uomo è dalla parte di Petyr, il quale lo ha “comprato” con qualcosa che desiderava da tempo ma che, essendo Lord Baelish lo stesso il firmatario dell’ordine, il suddetto non abbia più valore in caso di deposizione dell’uomo come Lord Protettore della Valle.

Quando Sansa si reca a dormire quella notte, il piccolo lord Robert si infila nel suo letto come ogni notte da quando sua madre è morta. Nel dormiveglia chiede ad Alayne se sia lei sua madre ora e la giovane risponde di sì, conscia che:

”Se una menzogna è detta a fin di bene, non c’è malvagità”


Lista dei personaggi

Apparsi

Menzionati


Luoghi e termini menzionati


Fonti e Note

  1. Prigioni chiuse su tre lati e aperte sul vuoto su un lato. Il pavimento di queste prigioni è leggermente inclinato, in modo che il prigioniero che vi viene portato, debba sempre stare all’erta per non cedere alla forza di gravità e cadere.
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti