Il banchetto dei corvi-Capitolo 17

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Cersei 
Il banchetto dei corvi
Affc.jpg
PDVCersei
LuogoApprodo del Re
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Jaime  ← Cersei   → Il Comandante di Ferro  


La regina Cersei Lannister riceve tre uomini che dicono di aver ucciso Tyrion, ma le sue aspettative vengono nuovamente deluse. Durante un incontro con il suo Concilio Ristretto, affronta tutte le questioni principali del regno e si ritiene soddisfatta dei suoi collaboratori accondiscendenti. Di ritorno nelle sue stanze, concepisce un piano per liberarsi in un colpo solo di una presenza scomoda a corte e di un nuovo ostacolo alla Barriera.


Indice

Sinossi

Cersei Lannister accoglie tre uomini che le presentano la testa di un nano semi putrefatta, ma, con gran delusione della regina, non si tratta di quella di Tyrion. I tre dicono che il nano aveva raccontato loro di essere un reietto, ma Cersei li congeda e Qyburn la rassicura che i suoi messaggeri stanno dando la caccia a Tyrion ovunque e che presto lo troveranno. I due si dirigono quindi alla riunione del Concilio Ristretto e Cersei chiede all'anziano maestro caduto in disgrazia se si è occupato della preparazione del teschio da inviare a Doran Martell: Qyburn dice che il lavoro di preparazione è stato lungo, ma ora è tutto pronto. Cersei è soddisfatta di Qyburn, sia come maestro sia come sostituto di Varys, che aveva sempre fatto credere di essere indispensabile, quando in realtà le informazioni possono essere ottenute anche grazie all'argento. La sovrana inoltre si prepara ad assaporare il momento in cui il gran maestro Pycelle scoprirà che Qyburn ha un seggio nel Concilio Ristretto.

Fuori dalla sala dove si riunisce il Concilio, quel giorno è di guardia ser Boros Blount, cavaliere della Guardia Reale ora diventato assaggiatore ufficiale di re Tommen Baratheon, un compito disonorevole per un cavaliere. Cersei entra nella sala e presenta ai suoi collaboratori lord Qyburn. Come previsto, il gran maestro Pycelle chiede subito spiegazioni, facendo notare che la Cittadella ha privato l'uomo della sua catena di maestro, ma la sovrana dice che anche Varys si fregiava di un titolo di lord senza chiari meriti e attacca poi Pycelle, accusandolo di aver fatto un pessimo lavoro con il cadavere di lord Tywin Lannister, mentre Qyburn, che ha salvato la vita a Jaime Lannister, sarà un ottimo servitore di re Tommen. Ignorando le successive proteste di Pycelle, Cersei presenta gli altri consiglieri a Qyburn. La sovrana è compiaciuta del suo concilio, pieno di persone a lei fedeli e senza tirapiedi dei Tyrell. Il suo Primo Cavaliere, ser Harys Swyft, era stato entusiasta della nomina, anche se Cersei l'aveva scelto più perché fosse suo ostaggio, dato che era il suocero di Kevan Lannister, padre della sua amatissima moglie, e che quindi suo zio ci avrebbe pensato due volte prima di opporsi a lei. La regina avverte che né Tommen né Jaime saranno presenti all'incontro e quindi possono cominciare.

Pycelle annuncia che Doran Martell ha imprigionato le Serpi delle Sabbie, ma Dorne è ancora in fermento e non potrà calmare le acque fino a quando non avrà la giustizia che gli è stata promessa. Cersei risponde che a breve invierà ser Balon Swann a Lancia del Sole per portare al principe la testa di ser Gregor Clegane, morto a causa della lancia avvelenata di Oberyn Martell. La regina ha affidato anche un altro compito a ser Balon, ma non lo rivela, e chiede invece a ser Harys di cosa stessero parlando prima del suo arrivo. L'argomento di discussione erano i Reietti che infestano la città e aumentano ogni giorno. Il nuovo Alto Septon non è stato ancora scelto e la discussione si sposta dunque sui possibili nomi che sono in lizza. Cersei nota che anche Aurane Waters è annoiato: Aurane somiglia in modo incredibile a Rhaegar Targaryen e lei sa che, nonostante la differenza d'età, il giovane la desidera. Cersei interrompe bruscamente la discussione sul futuro Alto Septon sentenziando che, chiunque sarà, dovrà lanciare un anatema su Tyrion e che i Reietti non sono un pericolo.

Pycelle presenta allora la lettera dei Lord Dichiaranti della Valle di Arryn che intendono destituire Petyr Baelish come lord protettore. Lord Orton Merryweather propone di non intervenire lasciando che sia Ditocorto a sistemare la situazione. Nonostante Pycelle si opponga, sostenendo che una guerra nella Valle sarebbe una tragedia, la regina si dice d'accordo con lord Merryweather e ordina di rispondere ai Lord Dichiaranti di non fare del male a lord Baelish, per il resto qualsiasi azione intraprendano per il dominio della Valle sarà appoggiata dalla corona.

Aurane Waters sposta quindi la discussione sulla flotta reale, pesantemente ridotta dopo la Battaglia delle Acque Nere. Lord Orton propone di allearsi con gli Uomini di Ferro che però chiedono il Nord, promesso alla Casa Bolton da lord Tywin, mentre ser Swyft fa presente che re Balon Greyjoy è morto. Cersei è scocciata dal fatto che nessuno sappia chi è il successore di Balon, Varys l'avrebbe saputo, ma accantona la possibilità di allearsi con i Greyjoy, il suo secondo obiettivo dopo aver sistemato una volta per tutte Stannis Baratheon. Waters propone di costruire dieci nuovi dromoni, ma le casse della corona sono vuote e Cersei annuncia di voler rimandare il pagamento dei debiti nei confronti della Fede e della Banca di Ferro di Braavos, così da usare il denaro risparmiato per costruire la nuova flotta. Di nuovo, l'unico che si oppone è Pycelle, che le ricorda quanto spietati siano i braavosiani nella riscossione dei debiti, ma la regina non vuole sentir ragioni e incarica Aurane di iniziare a costruire le navi.

Ser Harys presenta allora una richiesta di lord Walder Frey e Qyburn confessa che in città c'è chi crede che la corona sia complice delle Nozze Rosse e i Reietti predicano sia stato un atto contrario a tutte le leggi degli dèi e degli uomini. Cersei ribadisce che la colpa sia solo di lord Walder e che sia con lui che devono prendersela, ma Qyburn suggerisce di punire qualche colpevole per placare il popolino. La regina allora decide che, una volta morto lord Walder, i suoi eredi ne approfitteranno per liberarsi di parenti scomodi additandoli come colpevoli. Aurane Waters fa intanto presente che nel porto dicono che la Compagnia Dorata abbia rotto il suo contratto con Myr per sostenere Stannis, ma i messaggeri di Qyburn riferiscono invece che sia diretta verso Volantis. La regina aggiunge che ormai Stannis è finito, Pycelle, però la avverte che, secondo Janos Slynt, il re sta cercando di fare fronte comune con i bruti. Cersei allora lo reputa disperato e stupido: gli uomini del nord, molti dei quali si sono già schierati con lord Roose Bolton, odiano i bruti e la nuova alleanza di Stannis faciliterà quindi la sua caduta, soprattutto ora che lord Wyman Manderly di Porto Bianco si è schierato con la corona. Pycelle è perplesso, Manderly era uno degli alfieri più fedeli a lord Eddard Stark, ma lord Wyman ha imprigionato Davos Seaworth, giunto a Porto Bianco per conto di Stannis, e la regina ordina che uccida subito il prigioniero come monito agli altri ribelli del Nord e per avere indietro il figlio, prigioniero della corona ad Harrenhal.

La lealtà dei Manderly è assicurata ora che gli Stark sono estinti. Quando Pycelle fa presente che Sansa Stark è ancora dispersa, la regina si fa sfuggire una macabra promessa di vendetta, tanto che tutto il concilio tace. Annuncia però che Ramsay Snow, figlio di lord Roose, sta per sposare Arya Stark con il fine di cementare così il dominio dei Bolton nel Nord. Cersei pensa tra sé e sé che se la ragazza continuerà a recitare bene, nessuno dei Bolton si preoccuperà del fatto che in realtà è la figlia di un cortigiano agghindata per l'occasione da Ditocorto. Il vero problema nel Nord, invece, è l'elezione di Jon Snow come nuovo lord comandante dei Guardiani della Notte: Cersei ricordava Jon, la copia di suo padre, e ricorda che, seppur con tutti i suoi difetti, re Robert Baratheon aveva avuto la decenza di tenere lontani i suoi figli illegittimi, mentre Eddard Stark aveva imposto la presenza di quel figlio illegittimo a Catelyn Tully. Jon ha offerto protezione a Stannis, contravvenendo alle leggi dei Guardiani della Notte, e ser Swyft propone di dichiarare Snow un ribelle e un traditore e altri propongono di non mandare più uomini alla Barriera, ma Qyburn suggerisce invece di mandarne altri, con l'obiettivo di uccidere il lord comandante. Cersei è deliziata da quella proposta e decide di assumersi lei il compito di organizzare tutto. Prima di congedare il Concilio, Aurane fa presente che al porto i marinai provenienti da oriente parlano di draghi, ma Cersei accantona quelle chiacchiere, dicendo di riferirle solo quelle che parleranno di nani.

Cersei torna nelle sue stanze e trova Taena Merryweather e le sue ancelle ridere dei due gemelli Redwyne, innamorati della giovane Margaery Tyrell. La regina ha un'intuizione e chiede a Dorcas di chiamare ser Osney Kettleblack. Taena nota che la ragazza arrossisce e Cersei le rivela che si è invaghita del giovane cavaliere dal volto sfregiato: Taena commenta quindi che gli uomini con le cicatrici sembrano pericolosi e il pericolo è eccitante. Rivela dunque alla regina di non essere arrivata vergine al letto di lord Merryweather e Cersei, che intuisce di avere individuato un segreto importante da usare contro la donna di Myr, promette tra sé e sé che avrà il nome di quest'uomo.

Cersei, rimasta sola con ser Osney, stuzzica il cavaliere che vuole giacere di nuovo con lei, ma la regina gli chiede se è interessato a Margaery. Osney è guardingo e Cersei promette che se andrà a letto con Margaery potrà giacere di nuovo con lei. Il giovane però è perplesso e ricorda che in passato un confratello della Guardia Reale era stato condannato a morte per essere stato scoperto a letto con l'amante del re, ma Cersei gli assicura che Tommen sarà clemente e lo manderà alla Barriera. Osney a quel punto è spaventato perché nessuno è mai tornato dalla Barriera e Cersei gli promette che, se ucciderà un ragazzo, avrà il perdono reale e un titolo nobiliare, anche se pensa tra sé e sé che sarà più facile che Osney venga impiccato dai confratelli. La regina gli getta le braccia al collo e promette che sarà sua una volta che si sarà portato a letto Margaery e ucciso Jon Snow, così Osney accetta. Non appena lui se ne va, Cersei richiama Dorcas e si compiace del suo piano: lord Mace Tyrell non avrebbe potuto ribattere se la figlia fosse stata colta in flagrante, Stannis e Jon non avrebbero trovato strano l'arrivo di Osney alla Barriera e sarebbe stato ser Osmund a scoprire la regina a letto con il fratello, così lei si sarebbe assicurata la lealtà dei fratelli di Osney. Pensa che suo padre sarebbe stato orgoglioso di lei, se avesse potuto vederla ora.

Quella sera Cersei fa chiamare Taena e le chiede di riferire a Margaery che ha un ammiratore segreto. Taena capisce subito che il cavaliere in questione è ser Osney, la regina si raccomanda di non farsi sfuggire il nome così facilmente e la donna promette di fare come richiesto. Le due rimangono sveglie a bere vino fino a tardi e Taena le rivela che l'amante segreto con cui ha perso la verginità era un capitano di Myr, un mezzo pirata, un uomo a cui non si poteva dire di no. Cersei dice di aver conosciuto un uomo simile, Robert, ma in realtà pensa a Jaime, anche se quella notte sogna i tre disgraziati con cui aveva iniziato la giornata che le portano la testa di Tyrion, invece di quella del nano sbagliato.


Lista dei personaggi

Apparsi


Menzionati


Luoghi e termini menzionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti