Il banchetto dei corvi-Capitolo 20

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Brienne 
Il banchetto dei corvi
Affc.jpg
PDVBrienne
LuogoSussurri
Cronologia dei capitoli (Tutti)


The Drowned Man  ← Brienne   → Il Creatore di Regine  


Durante la lunga marcia verso i Sussurri, Dick Crabb racconta a Brienne di Tarth e Podrick Payne storie della remota regione che stanno attraversando. Il viaggio di quella strana compagnia procede tra alti e bassi e quando finalmente arrivano a destinazione, trovano qualcosa, o meglio qualcuno, ad attenderli tra le antiche rovine della decaduta Casa Crabb.


Indice

Sinossi

Brienne di Tarth e Podrick Payne lasciano Maidenpool per raggiungere i Sussurri guidati da Dick Crabb. Nonostante le rassicurazioni del loro nuovo accompagnatore, la donna non si fida assolutamente di lui e gli impedisce di tenere armi e, infatti, già il giorno seguente, Dick viene colto sul fatto mentre cerca di rubare le monete dalla sua sella. Il giovane emaciato ha l'abitudine di cantare, cercando di coinvolgere Podrick, o di raccontare storie su Punta della Chela Spezzata. Quell'area remota delle Terre della Corona abitata da un popolo da sempre diffidente, è riuscito a respingere l'invasione degli Andali e i vari lord che nella storia hanno sempre cercato di imporsi sulla zona, sfruttando a loro vantaggio la conoscenza dei boschi e delle paludi di cui la regione è piena. Quando, però, non erano impegnati a scacciare gli invasori, gli abitanti della Chela Spezzata litigavano tra loro e nessuno degli eroi leggendari che ha portato la pace è riuscito a mantenerla a lungo. Dick continua a non credere che Brienne non abbia mai sentito parlare di ser Clarence Crabb e la donna risponde che ogni regione ha i suoi eroi locali: a Tarth, per esempio, sono famose le leggende di ser Galladon, il cavaliere perfetto di cui si era innamorata perfino la Fanciulla, che gli aveva donato una spada incantata come pegno del suo amore. Ser Galladon era un uomo onorevole e non aveva mai usato la spada, se non per uccidere un drago, così Dick ride della stoltezza dell'uomo che possedeva la spada più potente del mondo e non l'aveva mai usata, rispondendo che anche un eroe leggendario della Chela aveva ucciso un drago.

L'equilibrio della regione cambia radicalmente durante la Guerra di Conquista. Visenya Targaryen arriva di persona alla Chela Spezzata e tutti i lord le giurano fedeltà, così la regina promette che non dovranno mai rendere conto a qualche lord delle città vicine, ma direttamente alla Casa Targaryen. Da quel momento i lord della Chela sono tra i più fedeli sostenitori della dinastia del drago e, infatti, re Robert Baratheon e i suoi discendenti non sono molto stimati.

Mentre proseguono nel loro viaggio, gli insediamenti si fanno più rari, ma l'atteggiamento di Brienne nei confronti di Dick non cambia. L'uomo si lamenta e Brienne sembra indifferente, anche se, in cuor suo, sa che un tempo si fidava di più degli uomini, ma dopo una dura lezione ricevuta da septa Roelle e un'altra dai cavalieri a Ponte Amaro, ha ridimensionato il suo modo di porsi nei confronti degli uomini. Una sera ripensa alla mischia a Ponte Amaro, dove si era vendicata di tutti coloro che l'avevano presa in giro corteggiandola per vincere una scommessa e di Ronnet Connington. In quell'occasione aveva persino sconfitto Loras Tyrell e, quella stessa notte, sogna proprio il combattimento contro il cavaliere dei fiori, al termine del quale riceveva la cappa arcobaleno da ser Jaime Lannister e non da re Renly Baratheon, come era effettivamente accaduto.

Il giorno successivo i tre continuano il loro viaggio sotto una pioggia incessante. Brienne ne approfitta per studiare Dick, scarno, che avanza a fatica e le viene il dubbio che in realtà non esista nessun castello e nessuna cava dei contrabbandieri, ma solo la speranza di un uomo disperato e affamato di prendersi gioco di loro e approfittarsene in qualche modo. La sera sono costretti a fermarsi all'addiaccio, appena riparati dalla pioggia, mentre Dick racconta un'altra storia sul folklore locale, la lotta di ser Clarence contro il re dei fangostri. Mentre i due dormono, Brienne si chiede dove sia Sansa Stark, se si trova davvero in quel fantomatico castello, ma soprattutto chi c'è con lei. Svegliatasi di soprassalto a causa di un incubo, Brienne si trova a desiderare di non aver abbandonato i cavalieri di ventura che aveva incontrato prima di Duskendale o a sperare che ser Jaime fosse venuto con lei.

Mentre si avvicinano a Dyre Den la strada si trasforma in un sentiero rapido e pietroso, nascosto in una fenditura della roccia. Mentre Dick indica alcuni luoghi caratteristici, Podrick si accorge di un uomo a cavallo che li sta seguendo e Brienne fulmina subito con lo sguardo la loro guida, che nega di conoscere il loro inseguitore. Quando si trovano sotto le mura del castello qualcuno si sporge per osservarli, poi sparisce di nuovo. Brienne fa delle congetture su chi possa essere quel volto che li aveva osservati e nota che Dick parla di lord Brune e dei suoi famigliari, che vivono in quella zona, come se li conoscesse. La donna ricorda che Dick è un disertore, quindi l'uomo che li segue potrebbe essere un ex compagno d'arme. In ogni caso Brienne non è per niente sicura all'idea di essere seguita e decide che, se il cavaliere si fosse avvicinato troppo, l'avrebbe affrontato.

Dopo aver attraversato una fitta e lugubre pineta, dove Brienne spera con tutto il cuore che Dick sappia dove li sta conducendo, e qualche altro giorno di viaggio attraverso paludi, boschi e pinete sotto cieli bui e pioggia a intermittenza, la donna è ormai convinta che Dick li abbia presi in giro e valuta l'opzione di doverlo uccidere nel caso in cui la situazione precipitasse e l'uomo li attaccasse. Ricorda il suo maestro d'armi, ser Goodwin, che aveva sempre dubitato che lei fosse sufficientemente forte per la battaglia e per uccidere un uomo, nonostante fosse tecnicamente preparata. Brienne prega quindi di essere pronta se mai dovesse quel momento.

Finalmente il bosco si dirada e i tre si trovano davanti alle rovine di una fortezza, nient'altro che una rovina ormai quasi del tutto avvolta dalla vegetazione incolta. Il mormorio che si avverte nell'aria non sono teste che parlano, come sostiene la leggenda, ma le onde che si infrangono sulla scogliera sottostante. Dick confessa a Brienne la sua paura di incontrare il fesso a cui aveva venduto la mappa, nel caso se la prendesse con lui, ma lei lo rassicura, pensando che, se si dovesse trattare davvero di Dontos Hollard non ci sarebbe nulla da temere. Mentre cercano un ingresso, notano delle tracce di passaggio recente e il cuore di Brienne fa un balzo: ordina a Podrick di tenere d'occhio i cavalli e si avventura con Dick all'interno della fortezza. All'improvviso ha la sensazione che non avrebbe trovato Sansa, neppure quell'ubriacone di Dontos l'avrebbe portata fino a lì, ma deve comunque dare un'occhiata, visto che chiunque si sia avventurato fino a quella zona remota voleva nascondersi.

I due entrano nel cortile dove, tra l'incuria generale, Brienne nota i resti di un bivacco recente. Mentre Dick si guarda in giro e chiama eventuali presenti, Brienne vede emergere dai cespugli una sua vecchia conoscenza: Pyg dei Bravi Camerati. Un altro uomo emerge dal pozzo e un terzo si trova sui rami dell'albero-diga vicino a Dick, che vede il volo e indica a Brienne il fesso a cui ha venduto la mappa. Non si tratta però di Dontos, ma di Shagwell, il giullare psicopatico di Vargo Hoat, che piomba giù dall'albero e si avventa su Dick, spaccandogli prima un ginocchio, poi la faccia.

I tre riconoscono Brienne e Shagwell inizia a minacciarla di stupro. Timeon racconta che i Bravi Camerati si sono sparpagliati dopo aver lasciato Harrenhal dove Vargo Hoat, morente proprio a causa del morso di Brienne, stava subendo amputazioni e torture per mano di ser Gregor Clegane. Brienne è ancora scioccata per la morte di Dick e per lo spiacevole incontro e dice di essere alla ricerca di un giullare in compagnia della figlia di Eddard Stark: Timeon dice allora di andare a cercare Sandor Clegane nelle Terre dei Fiumi, è lui ad avere la ragazza, almeno stando a quello che ha detto un membro della Fratellanza senza Vessilli prima di morire. Prima che riescano a prenderla di sorpresa, Brienne fa uno scatto e uccide Pyg.

Brienne fa appena in tempo a gioire di non aver avuto tentennamenti, come previsto da ser Goodwyn, che Podrick corre in suo soccorso e distrae Shagwell, così che lei possa affrontare Timeon, mozzandogli una mano per vendicare Jaime e uccidendolo. A quel punto il giullare si arrende e Brienne lo obbliga quindi a scavare una tomba per Dick. La sera, appena lo scavo è terminato, la donna porta il cadavere vicino alla fossa, chiedendogli scusa per non essersi fidata e uccide anche Shagwell, che cerca di coglierla di sorpresa, ordinandogli di ridere mentre lo pugnala ripetutamente. A notte fonda, Brienne e Podrick sistemano il corpo di Dick e lei getta due dragoni d'oro, la ricompensa per aver trovato il giullare.

Una risata alle loro spalle li fa voltare all'unisono e vedono ser Hyle Hunt intento a osservarli. Incaricato da lord Randyll Tarly di seguirli nel caso avessero davvero trovato Sansa Stark, così da portarla a Maidenpool, ser Hyle chiede cos'hanno intenzione di fare, visto che della ragazza non c'è traccia. Brienne dice che si dirigeranno verso Delta delle Acque alla ricerca del Mastino, che pare l'abbia con sé. Ser Hyle li aiuta poi a coprire la tomba, mentre la notte più profonda cala sui Sussurri.

Lista dei personaggi

Apparsi


Menzionati


Luoghi e termini menzionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti