Il banchetto dei corvi-Capitolo 23

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Alayne 
Il banchetto dei corvi
Affc.jpg
PDVAlayne
LuogoNido dell'Aquila
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Arya II ← Alayne   → Cersei  


Alayne Stone si prepara alla visita dei Lord Dichiaranti presso Nido dell'Aquila dove gli uomini si dirigono per discutere della situazione attuale della Valle di Arryn con il suo lord difensore, Petyr Baelish. La giovane partecipa all’incontro e osservando la situazione dall’esterno continua la sua istruzione all’interno del gioco della politica.


Indice

Sinossi

Sansa è ormai definitivamente Alayne Stone, e ha acquisito una considerevole influenza all’interno della corte di Nido dell'Aquila. Affacciata sulla balconata della Torre della Fanciulla, Sansa pensa ai Lord Dichiaranti accampati fuori dalle Porte della Luna. Il primo ad arrivare è stato Lord Benedar Belmore, il quale si è subito premurato di bloccare al castello l’approvvigionamento di cibi freschi. Sebbene non siano ufficialmente sotto assedio e abbiano scorte di cibi secchi per sopravvivere oltre un anno, la situazione in cui si trovano somiglia proprio ad un isolamento. Lord Robert si sveglia irritato e la notizia di non poter far colazione con uova e pancetta come desidera, lo turba notevolmente. Il giovane racconta di aver sentito Marillion cantare tutta la notte ma Alayne conferma che il cantastorie è morto e, sebbene sia consapevole di non aver mai visto il cadavere, è sicura della sua morte in quanto lei stessa non lo ha più udito.

All’arrivo del lord protettore della valle Petyr Baelish, l’uomo comunica loro che i Lord Dichiaranti sono sulla strada per raggiungere Nido dell’Aquila e parlamentare sulla situazione attuale della Valle di Arryn. Petyr Baelish spiega ad Alayne che i lord presenti saranno otto ma che lui teme solo Lyn Corbray, valoroso cavaliere con una fama di feroce combattente. Petyr racconta che ser Lyn ha combattuto prima contro Jon Arryn a Città del Gabbiano e poi al suo fianco durante la Ribellione di Robert Baratheon. Ha combattuto con lui durante la Battaglia del Tridente dove ha ucciso il principe Lewyn Martell della Guardia Reale e ha distrutto l’avanguardia dorniana. Petyr spiega alla giovane Alayne che, mentre il fratello maggiore sostiene la sua carica di Lord Protettore della Valle, ser Lyn si è schierato a fianco dei Lord Dichiaranti. Ser Lyn viene quindi descritto come un uomo pericoloso e imprevedibile, mai restio di fronte a un duello.

Dopo che lord Robert ha l’ennesima violenta crisi di tremito di cui rimangono vittima Alayne e maestro Colemon, il lord protettore incarica due guardie di portarlo nella sua camera a riposare. Prima che il maestro possa seguirli, Petyr gli suggerisce di somministrare al giovane lord un po’ di dolcesonno nel latte per permettergli di riposare meglio. Il maestro sembra riluttante ma, alla fine, acconsente. Quando di due rimangono soli, Alayne confessa a “suo padre” le sue paure. La ragazza teme che lord Yohn Royce la possa riconoscere avendola vista ben due volte: a Grande Inverno, quando sul figlio Waymar Royce aveva fatto tappa prima di dirigersi alla Barriera per prendere il nero, e ad Approdo del Re durante il Torneo per il Primo Cavaliere del Re. Lord Petyr la rassicura, ricordandole che ciò che i lord si aspettano di vedere non è una bambina dai capelli ramati e che vedranno solo ciò che hanno davanti: una giovane donna dai capelli color mogano. Durante la conversazione Alayne domanda a Petyr per quale motivo non prenda possesso del castello di Harrenhal e l’uomo le risponde dicendo che considera il luogo e il suo dominio maledetti, soprattutto dopo ciò che è capitato a Tywin Lannister, Gregor Clegane, Vargo Hoat e la recentemente defunta Shella Whent; senza contare la dinastia di Harren il Nero e la sua sorte. Alayne suggerisce di donare quindi il castello a Walder Frey. Petyr sorride alla proposta e risponde che potrebbe anche farlo se solo non desiderasse vederlo nelle mani di Cersei in modo da rimuoverla dal gioco prima del previsto, a meno che non si rimuova prima con le sue stesse mani.

Mentre lord Petyr si prepara per accogliere gli ospiti, Alayne viene incaricata di gestire il loro arrivo e organizzare il banchetto di benvenuto. Una volta che tutti raggiungono il castello, uno scambio di battute con lord Yohn Royce le fa temere di venir riconosciuta ma l’intervento di Nestor Royce la scampa dalla possibilità che ciò avvenga. Dopo aver consumato un primo pasto composto da pane e vino e aver quindi sancito le leggi dell’ospitalità, la giovane accompagna i lord nello studio di Lord Baelish.

L’uomo li accoglie scherzando sulla lettera che il gruppo gli ha fatto recapitare e dicendo che sarebbe stato entusiasta di appore anche la sua firma contro i falsi consiglieri. I lord rimangono spiazzati da questo approccio ma si riprendono in fretta e comunicano a Petyr che la loro non è una visita di cortesia ma che hanno intenzione di rimuoverlo dal suo incarico e di portare lord Robert a Pietra di Runa dove sarebbe cresciuto come scudiero a fianco di ragazzi della sua età. Petyr comunica quindi loro di aver già pianificato un avvicinamento di Robert a una più giovane compagnia con la richiesta di due figli a lord Gerold Grafton e Jon Lynderly a cui aggiunge una terza richiesta per il promettente protetto di Lady Anya Waynwood, ser Harrold Hardyng, che il piccolo lord potrebbe prendere da esempio. I lord si dimostrano ancora in disaccordo ma Ditocorto si rifiuta di lasciare partire Robert, sostenendo che la sua salute cagionevole ne soffrirebbe troppo. Dopo l’ennesimo rifiuto, ser Lyn Corbrey esasperato estrae Signora Sconsolata desideroso di porre fine al dibattito con la violenza.

I lord dichiaranti si oppongono strenuamente a questo atto e intimano a Lord Corbray di rinfoderare la spada. Subito dopo l’uomo si allontana dal castello, deluso da quanto ha visto. I lord ora si trovano in una posizione di svantaggio avendo minacciato un uomo sotto il suo stesso tetto e sono costretti ad accettare la proposta di Ditocorto. Petyr chiede un anno di tempo per riportare la Valle sulla retta via e con lei anche Lord Robert, sostenendo che in caso di fallimento, sarà lui stesso a dimettersi. Tutti i lord presenti accettano tranne lord Royce che se ne va dal castello piuttosto adirato, ma ormai solo nella sua protesta. Petyr esce così vittorioso dall’incontro.

Più tardi, quella notte, Alayne è turbata dal pensiero di come abbia fatto Lord Petyr a stregare i lord dichiaranti. La giovane si reca nel suo studio dove egli le descrive esattamente le sue mosse, istruendola ancora una volta su come giocare al gioco del trono. L’uomo le spiega che entro la fine dell’anno avrà tutti i lord dalla sua parte: mentre alcuni lord probabilmente moriranno e altri verranno corrotti, Lord Gilwood Hunter verrà ucciso e sostituito dal fratello minore Harlan, già fautore della morte del padre [1].

Per quando riguarda Lord Yohn Royce, Petyr è consapevole che non riuscirà mai a portarlo dalla sua parte ma confida in Ser Lyn, di cui anche Alayne ha capito la strategia [2]: l’uomo viene infatti comprato da Ditocorto con “oro, fanciulli e promesse” in modo che sia il suo principale oppositore.


Lista dei Personaggi

Apparsi

Menzionati


Luoghi e termini menzionati


Fonti e Note

  1. Questo dettaglio comunica che Petyr possieda diverse spie nella Valle.
  2. Sansa ha infatti capito che il cavaliere è agli ordini di Lord Petyr, cosa di cui i Lord Dichiaranti sono all’oscuro.
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti