Il banchetto dei corvi-Capitolo 33

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Jaime 
Il banchetto dei corvi
Affc.jpg
PDVJaime
LuogoDelta delle Acque
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Cersei  ← Jaime   → La Gatta dei Canali  


Jaime Lannister si ricongiunge con il cugino Daven, che gli illustra la situazione a Delta delle Acque, la difficoltà di concludere l'assedio e le richieste di tutti i loro nuovi alleati. L'incontro con sua zia Genna gli offre poi la possibilità di approfondire la questione, parlare della loro famiglia e ricordare il passato, non sempre idilliaco.


Indice

Sinossi

Nei pressi di Delta delle Acque, Jaime Lannister riceve il cugino Daven, nuovo Protettore dell'Ovest e comandante generale dell'assedio contro uno degli ultimi baluardi ancora fedeli alla Casa Stark. Daven, dall'aspetto leonino, aveva giurato di non tagliarsi più i capelli, la barba e i baffi fino a quando non avrebbe ucciso lord Rickard Karstark, assassino di suo padre, ma quando Robb Stark ha decapitato di persona l'alfiere, i propositi di vendetta di Daven sono sfumati, anche se ha deciso comunque di mantenere il suo aspetto trasandato.

Dopo aver discusso delle recenti vicende capitate a Jaime, e aver visto con i propri occhi la nuova mano d'oro, Daven viene introdotto nella tenda, dove si accomoda e inizia a descrivere la situazione. Delta delle Acque è in mano a Brynden Tully che, ostinato, non ha intenzione di scendere a compromessi o accettare patti per la resa del castello. È una situazione di stallo, dove i Frey sono più un impiccio che un aiuto: ser Ryman, erede di lord Walder Frey, passa le sue giornate a gozzovigliare ubriaco, il figlio Edwyn non ha idee o proposte, ma solo odio nei confronti di tutti ed Emmon, nuovo lord di Delta delle Acque per decreto di re Tommen Baratheon, esige che il castello venga conquistato senza essere danneggiato, impedendo a Daven di utilizzare le macchine d'assedio. Gli altri Frey, ad eccezione di Walder Rivers, non sono comunque di peso e Daven annuncia al cugino che molto probabilmente dovrà sposare una donna Frey, secondo un accordo stipulato da lord Tywin Lannister e lord Walder, e non Desmera Redwyne, come aveva previsto suo padre.

Il discorso poi si sposta su Lancel Lannister, che a sua volta ha sposato una Frey, Ami della Guardiola. Daven è stupito della scelta e Jaime gli spiega che l'idea di dare in moglie al figlio una vedova discendente dalla linea femminile della Casa Darry, per agevolare il dominio di Lancel su Darry dopo l'estinzione della linea maschile della casa, era stata di loro zio Kevan. Jaime aggiunge poi che Lancel ha sciolto i suoi voti nuziali e rinunciato al dominio per unirsi all'ordine dei Figli del Guerriero, lasciando a Darry una sposa in lacrime e i Frey furibondi. Daven racconta che ser Kevan si è fermato presso l'accampamento, ma non ha voluto aiutarlo nell'assedio e, per quanto lui abbia ribadito di non aver mai voluto il titolo di Protettore dell'Ovest, suo zio è sempre stato di pessimo umore per tutto il tempo.

Daven passa poi a illustrare più nel dettaglio la situazione dell'assedio. Ogni giorno, ser Ryman trascina Edmure Tully su una forca sotto le mura del castello e minaccia di impiccarlo, senza mai passare ai fatti: la moglie Roslin è incinta e spera sia una femmina, altrimenti Edmure verrà ucciso. Loro zio Emmon pretende invece che Edmure venga ucciso subito, per eliminare ogni minaccia alla sua ascesa a Delta delle Acque, mentre lord Gawen Westerling implora clemenza per la moglie e i figli, all'interno del castello con il Pesce Nero. A differenza della fortezza, che dispone di scorte alimentari notevoli, quelle del loro numeroso esercito sono piuttosto ridotte e molti degli uomini che Daven ha mandato a procacciare cibo sono stati trovati impiccati dai fuorilegge. Jaime ricorda che prima di affrontare lord Beric Dondarrion bisogna risolvere la questione di Brynden Tully. Jaime ha intenzione di trattare e porre fine all'assedio il prima possibile per tornare ad Approdo del Re ed affrontare la sorella, ma Daven è convinto che il castello potrà essere preso solo con la forza.

Dopo un paio di giorni di viaggio, Jaime e i suoi uomini raggiungono l'imponente Delta delle Acque e i caotici accampamenti che la circondano. Il cavaliere pensa, a malincuore, che se il Pesce Nero si fosse rifiutato d trattare sarebbe stato costretto a violare la promessa fatta a Catelyn Tully, ovvero non versare mai più il sangue di uno Stark o quello dei suoi alleati. Jaime racconta a Daven che era solo un ragazzino la prima volta che aveva visitato il castello ed era totalmente affascinato da Brynden Tully, una figura quasi leggendaria.

Sistemato l'accampamento, Jaime viene raggiunto da sua zia Genna e dal marito Emmon, un uomo nervoso ed esile. Genna chiede subito se le voci secondo le quali sia stato Tyrion a uccidere Tywin sono vere e Jaime non può che confermare. La donna poi chiede informazioni sulla morte del figlio Cleos: in questo caso, Jaime è costretto a mentire e dice che il cugino ha messo in fuga i fuorilegge pagando con la vita. Emmon si intromette poi pregando Jaime di non usare le macchine d'assedio, mostrandogli il decreto firmato da re Tommen che lo riconosce come lord di Delta delle Acque, ma Genna lo zittisce bruscamente e, prima di intimargli di lasciare la tenda, gli ricorda che gli è stato concesso solo il castello, non la sovranità delle Terre dei Fiumi, garantita invece a lord Petyr Baelish di Harrenhal.

Jaime ricorda che Emmon non ha mai goduto del rispetto della Casa Lannister e che i signori di Castel Granito l'avevano sempre messo a disagio, primi tra tutti la sua energica moglie e il temuto lord Tywin. Genna spiega che, appresa la notizia di aver ricevuto Delta delle Acque, Emmon era corso immediatamente al castello, ma lei avrebbe preferito di gran lunga ottenere Darry: suo figlio Cleos era sposato con una Darry, ora furibonda perché era stata tagliata fuori dal dominio delle sue terre d'origine, ma soprattutto perché la linea maschile della Casa Darry era estinta, mentre quella dei Tully no, una minaccia decisamente grave per i futuri sovrani del seggio ancestrale dei Tully. Se Roslin partorisse una femmina, potrebbe andare in sposa a Tywin Frey, altro figlio di Genna, e i Tully continuerebbero a controllare Delta delle Acque con la linea femminile, ma se il bambino di Roslin fosse un maschio la situazione sarebbe decisamente più complessa e pericolosa. Genna avanza inoltre l'ipotesi che Brynden Tully sopravviva e affermi il dominio di Robert Arryn, figlio di Lysa Tully, assicurando comunque il dominio dei Tully sulla fortezza, ma Jaime, che ricorda bene quanto debole e inetto fosse il piccolo Robert, scarta l'ipotesi.

Genna chiede quindi perché Cersei abbia permesso al Credo di riarmarsi, una spina nel fianco persino per i primi re Targaryen, una domanda a cui Jaime non sa dare una risposta. La donna è preoccupata per le scelte scellerate della regina per quanto riguarda i consiglieri reali e non si capacita di come abbia potuto cacciare ser Kevan. È inoltre delusa dallo scoprire che Tywin rideva nel sarcofago, ricordando le poche occasioni in cui il fratello ha sorriso: il giorno della caduta dei Tarbeck, della nomina a Primo Cavaliere del Re, del suo matrimonio e della nascita di Jaime e Cersei.

Jaime le annuncia di voler trattare con Brynden, ma Genna è certa che il Pesce Nero non cederà ed è propensa a crede che, forse, uccidere Edmure Tully è davvero l'unica possibilità per smuovere la situazione, ma Jaime pensa che un atto del genere possa solo rinforzare la determinazione di Brynden. Genna allora gli consiglia di fare come avrebbe fatto Tywin e dice di non voler intromettersi oltre in questioni che non la riguardano, a differenza di Cersei, che sta mettendo le mani ovunque e, fino a quel momento, sembra aver fatto solo danni.

Genna sente che Kevan ha rifiutato l'incarico per qualche altro motivo e Jaime, che sa che lo zio è a conoscenza della sua relazione incestuosa con Cersei, avanza l'ipotesi della stanchezza. La zia non può che essere d'accordo: i suoi fratelli hanno sempre vissuto all'ombra di Tywin e ricorda che lei gli ha sempre voluto bene, in quanto era l'unico che aveva avuto il coraggio di parlare apertamente contro il suo matrimonio con Emmon, secondogenito di lord Walder Frey. Genna è preoccupata per il futuro della Casa Lannister dopo la morte improvvisa di Tywin e Jaime la rassicura, dicendo che ora ci penserà lui. La zia allora gli dice che lui ha molto dei suoi zii, ma era Tyrion il vero figlio di Tywin: quando gliel'aveva detto in faccia, il fratello non le aveva più parlato per quasi un anno, dimostrando che anche gli uomini più capaci possono essere stolti.


Lista dei personaggi

Apparsi


Menzionati


Luoghi e termini menzionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti