Il banchetto dei corvi-Capitolo 40

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


La Principessa nella Torre 
Il banchetto dei corvi
Affc.jpg
PDVLa Principessa nella Torre
LuogoDorne
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Cersei  ← La Principessa nella Torre   → Alayne  


Arianne viene imprigionata nella Torre della Lancia dopo essere stata catturata a causa del fallimento del suo piano per incoronare la principessa Myrcella Baratheon. La ragazza viene trattenuta qui per diverse settimane, completamente isolata e senza nessuno con cui parlare. Proprio mentre sta per cedere fisicamente e psicologicamente, suo padre la manda a chiamare per rivelarle la verità.


Indice

Sinossi

Arianne è imprigionata nel piano più alto della Torre della Lancia a causa del suo piano fallito. Mentre è sola nella stanza, non può fare a meno di rimuginare su cosa sia andato storto. Si ritrova a pensare a chi possa avere informato suo padre o a come abbia fatto Areo Hotah ad intercettarli. Non aveva previsto nulla di tutto quello che era successo, soprattutto l’improvviso attacco di Gerold Dayne a Myrcella. Stella Nera, prima di scappare, era riuscito a infliggere a Myrcella un pesante attacco che aveva lasciato ferita la bambina, di cui Arianne ancora non conosce la sorte. La ragazza è sicura che la sua posizione sia temporanea, si aspetta di essere ricevuta dal padre entro un giorno e si prepara di conseguenza. Tuttavia, il principe Doran non la manda a chiamare nemmeno nei giorni successivi. Arianne è rinchiusa in una stanza confortevole ma isolata. E’ visitata quotidianamente dai suoi servitori che le portano vivande e si curano della sua igiene, senza mai rivolgerle la parola.

Nel tempo che trascorre prigioniera di quella prigione dorata, Arianne non può fare a meno di pensare agli amici che l’hanno seguita e a quelli che sono morti per lei. Il pensiero continua a raggiungere Arys, il cavaliere della Guardia Reale che è morto sotto l’ascia di Areo, e si domanda se l’uomo si sia sacrificato per lei oppure per salvare quel briciolo di dignità che gli restava come cavaliere giurato. I suoi pensieri vagano poi verso il ricordo dei tempi passati con i suoi amici e le sue cugine, alle avventure vissute ai Giardini dell’Acqua e in particolar modo alla cugina Tyene, la più vicina a lei per età e interessi. Il tempo passa e la servitù continua a non rivolgerle parola. La giovane, esasperata, elabora una strategia per carpire qualche informazione dalla più giovane delle sue ancelle, Cedra, puntando sulla sua vicinanza a uno dei suoi amici, Garin. Arianne riesce a convincerla a spedire una lettera a Lord Fowler. Il giorno successivo, la servetta però non si presenta e Arianne inizia a temere il peggio per la sua sorte.

Dopo un non specificato periodo di tempo in solitudine, Arianne inizia a lasciarsi andare. Una mattina viene svegliata da Areo Hotah, il quale la informa che suo padre ha richiesto di riceverla. Dopo essersi resa presentabile, al tramonto si reca dal principe Doran. L’uomo, seduto davanti un tavolo di cyvasse, le chiede perché abbia deciso di compierei un’azione così avventata. Arianne risponde di averlo fatto “Per l’onore della nostra Casa”, risposta che delude il principe. Egli le spiega poi che tutto ciò che invece ha fatto è stato recare un enorme danno a Myrcella, facendo in modo che restasse deturpata durante l’azione, e disonorare la sua famiglia. La ragazza è infatti sopravvissuta, ma ha perduto la sua bellezza con la perdita di un orecchio. L’uomo la rimprovera severamente, ricordandole che la cosa di cui hanno meno bisogno al momento è una guerra con il Trono di Spade, visto la loro scarsa disponibilità di forze armate. Ammette che Dorne è il regno meno popoloso e che le sue memorie sono state scritte dal Giovane Drago per mettere in risalto la conquista di un regno più ricco di quello che è realmente. Confessa anche di aver commesso un errore nell’averle permesso di allontanarsi con Myrcella nonostante sapesse quello che stava per accadere, tuttavia insiste sul non volerle rivelare l’identità del traditore. Quando, dopo un lungo scambio di battute, il principe confida ad Arianne di essere deluso da lei, la giovane non riesce a trattenere la sua collera e gli rivela di essere delusa da lui da molti anni ormai.

La giovane è rassegnata e chiede notizie riguardo ai suoi amici. Doran risponde spiegandole la sorte dei suoi coetanei, nessuno di quali rischia la morte. Ser Andrey Dalt è stato confinato a Norvos a servizio della madre di Arianne per i successivi tre anni; Garin si trova a Tyrosh per due anni e lady Sylva è stata mandata a Pietra Verde per sposare lord Eldon Estermont. Successivamente, le comunica che il suo desiderio potrebbe realizzarsi: ser Balon Swann si sta dirigendo a Dorne con il cranio di ser Gregor Clegane, l’assassino del principe Oberyn e potrebbe davvero scatenare una guerra dopo aver visto le condizioni di Myrcella e aver scoperto la morte del suo confratello della Guardia Reale. Arianne suggerisce di inventare una storia che coinvolga l’attacco di Stella Nera verso la principessa e l’azione eroica di Aerys, morto nel tentativo di salvarla. La giovane non riceve una risposta concreta e si lamenta della debolezza del padre, della sua imbarazzante pazienza nei confronti dei nemici a confronto dell’impazienza che ripone nella sua famiglia. A queste accuse, il principe risponde:

«Tu confondi la pazienza con la premeditazione. Ho cominciato a lavorare per la caduta di Tywin Lannister il giorno stesso in cui mi dissero della fine di Elia e dei suoi bambini.»


Arianne crede che il padre menta, è convinta che l’uomo voglia privarla del suo diritto di nascita dando a suo fratello minore Quentyn l’eredità di Lancia del Sole, e glielo comunica. Gli racconta di aver letto una lettera in cui lui prometteva al ragazzo il dominio del regno e lega a questo fatto le continue proposte di matrimonio fallite. Doran si rende conto che Arianne meriti la verità e decide di raccontarle tutto. La principessa era stata promessa a Viserys Targaryen dal momento della caduta della dinastia Targaryen e gli anziani che le erano stati proposti come mariti erano stati tutti una mossa per fare in modo che lei li rifiutasse e rimanesse libera per l’erede di Casa Targaryen. Ora che Viserys è morto, egli non ha più nessun diritto di privarla di Dorne e commenta:

« Noi principi facciamo piani tanto elaborati solo perché gli dèi possano mandarli all'aria.»


Il suo piano originale voleva fare conoscere i due ragazzi mandando la giovane come coppiera a Tyrosh, ma la madre aveva giurato che si sarebbe fatta del male se le fosse stato allontanato un altro figlio[1], e il suo piano era momentaneamente saltato. Alla fine rivela il vero motivo per cui suo fratello si trovi al di la del Mare Stretto, per riportare indietro ciò che i loro cuori desiderano:

«Vendetta. Giustizia. Fuoco e sangue.»


Personaggi Apparsi e Menzionati

Apparsi


Menzionati


Luoghi e termini menzionati

Fonti e Note

  1. Quentyn era appena stato mandato ad Yronwood per servire come scudiero.
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti