Il gioco del trono-Capitolo 16

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.

Arya e Joffrey raccontano a re Robert due versioni molto differenti di ciò che è accaduto durante il loro litigio nei pressi del Tridente. Quando Sansa afferma di non ricordare chiaramente ciò che è accaduto, la regina Cersei esige l'esecuzione di un metalupo. Poichè Nymeria è fuggita, Lady viene giustiziata al suo posto.



Eddard III
Il trono di spade
Agot.jpg
PDVEddard
LuogoDarry
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Sansa  ← Eddard  III → Bran  III


Sinossi

Dopo quattro giorni di ricerche, Vayon Poole torna da Eddard Stark con la notizia che Arya è stata ritrovata sana e salva. Ned è sollevato che sia stato Jory Cassel a trovarla, anziché gli uomini della regina Cersei. Sfortunatamente, le guardie dei Lannister, che si trovavano alle porte del castello, hanno informato la regina, che fa portare Arya direttamente al cospetto di re Robert.

Ned si precipita alla sala delle udienze del vicino Castello di Darry, che ha ospitato il seguito del re durante le ricerche. Eddard è sconcertato nel trovare la sala piena di persone, eliminando la possibilità di risolvere la situazione in privato e in termini amichevoli. Ned nota anche che pochi tra i presenti sono inclini a simpatizzare per gli Stark; molti di essi sono uomini dei Lannister o uomini fedeli a Lord Raymun Darry, un noto lealista Targaryen che ha perso la sua famiglia e la sua fortuna sul Tridente. Ned è però sollevato per l'assenza di Jaime Lannister e di Sandor Clegane.

Arya, in lacrime, si scusa con Ned, che chiede al re per quale motivo Arya non sia stata portata da lui per primo. Cersei reagisce stizzita per il tono di Ned, ma Robert si scusa, spiegando che voleva soltanto porre fine velocemente alla faccenda. Cersei quindi accusa Arya e Mycah di aver teso un'imboscata a Joffrey e averlo percosso con dei bastoni, aizzandogli poi contro il lupo. Arya nega e, quando Joffrey conferma la versione della madre, lei gli da del bugiardo. Dopo aver ascoltato il racconto di Arya, Lord Renly scoppia a ridere e chiede a Joffrey come una ragazzina di nove anni armata di un manico di scopa sia riuscita a disarmarlo. Quando Joffrey racconta una versione dei fatti molto differente, re Robert è esasperato.

Ned ricorda al re che anche Sansa era presente e fa testimoniare anche lei. Tuttavia, Sansa, combattuta tra la lealtà alla sua famiglia e la sua infatuazione per Joffrey, afferma di non riuscire a ricordare quanto sia accaduto. Queste parole fanno infuriare Arya, che piomba addosso alla sorella e la colpisce furiosamente. Cersei, inorridita dal comportamento fuori controllo di Arya, chiede che la ragazzina venga punita. Robert, ancor più esasperato, chiede a Ned di disciplinare sua figlia, mentre lui farà lo stesso col suo. Insoddisfatta da questa soluzione, la regina chiede che Nymeria venga trovata e uccisa e offre 100 dragoni d'oro a chi le porti la pelle del metalupo. Jory però si affretta ad affermare che si sono perse le tracce dell'animale, quindi Cersei esige la pelle di un altro metalupo. Quando Ned protesta, Robert risponde dicendo che un metalupo non è un cucciolo e che la ragazza sarebbe comunque più felice con un cane.

Quando Sansa capisce che stanno parlando del suo metalupo, si rivolge piangendo al padre e lo implora di risparmiarlo. In un ultimo tentativo di salvare il metalupo, Ned insiste che sia il re stesso a passare la sentenza, ma Robert lascia la stanza senza dire una parola. Ned si oppone a far uccidere l'animale da Ilyn Payne, e si offre di farlo lui stesso. Quando Cersei insinua che si possa trattare di un tentativo di salvarlo, Ned replica che il metalupo viene dal Nord e si merita di meglio di un macellaio. Con il pianto della figlia che gli risuona nella mente, Eddard Stark va da Lady. Mentre aspetta che gli portino la sua spada, Ned pensa ai nomi che i suoi figli hanno dato ai loro lupi e si rende conto che Sansa aveva scelto il nome adatto per il suo, il più docile della cucciolata. Dopo aver svolto il suo dovere, Ned ordina a quattro guardie di riportare il corpo di Lady a Grande Inverno per la sepoltura, insistendo che la regina non avrebbe mai avuto la pelle del metalupo.

Mentre torna nelle sue stanze, Eddard incontra Sandor Clegane e il suo gruppo di cavalieri di ritorno dalla loro caccia. Il Mastino dice di non essere riuscito a trovare Arya, ma afferma di aver trovato il suo cucciolo, scaricando ai piedi di Ned un corpo avvolto in un mantello rosso di sangue. Ned si china a scostare il mantello e si chiede come riuscirà a dirlo ad Arya. Il cadavere non è però quello di Nymeria, ma quello di Mycah, l'amico di sua figlia, trucidato da un colpo netto che lo attraversa dall'alto in basso. Quando Ned confronta Clegane, accusandolo di aver rincorso e colpito da cavallo un ragazzo a piedi e disarmato, questi risponde: "Si è messo a correre. Ma non è stato abbastanza veloce."

Lista dei Personaggi Apparsi/Menzionati

Luoghi e Termini Menzionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti