Il gioco del trono-Capitolo 19

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Jon III
Il trono di spade
Agot.jpg
PDVJon
LuogoCastello Nero
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Catelyn IV ← Jon  III → Eddard  IV


Dopo un allenamento, Jon Snow viene aggredito da alcune altre reclute. Donal Noye accorre in suo aiuto e gli mostra cosa sbaglia nel suo atteggiamento. In seguito, Jon incontra Tyrion, poi viene a sapere dal Lord Comandante che Bran è ancora vivo.

Sinossi

Jon si allena con le altre reclute sotto la guida di Ser Alliser Thorne, il maestro d'armi del Castello Nero. Jon dimostra di essere lo spadaccino nettamente più abile e durante uno scontro ferisce accidentalmente Grenn. Disgustato dalla prestazione delle reclute, Thorne pone fine all'allenamento. Jon sa bene che Thorne lo disprezza, ma sa anche che nutre un disprezzo ancora maggiore nei confronti degli altri ragazzi. Thorne li rimprovera tutti impietosamente e affibbia a Jon l'appellativo di "lord Snow" per denigrare il suo status di bastardo.

Jon pensa che Castello Nero sia freddo e le persone che ci vivono siano ancora più fredde. Tra le 20 reclute non ha trovato nessun amico, anzi li disprezza ogni giorno di più. Jon è risentito per il fatto che nessuno, escluso Tyrion Lannister, gli abbia detto la verità su quanto sia dura la vita alla Barriera. Il fatto che persino suo padre non gliene abbia mai parlato, lo fa soffrire ancora di più. Anche suo zio Benjen sembra averlo abbandonato, comportandosi come una persona completamente diversa, che passa tutto il suo tempo insieme alti alti ufficiali. Tre giorni dopo essere arrivato alla Barriera, Jon chiede il permesso di andare in una spedizione insieme a suo zio e agli altri ranger. Benjen però gli spiega che ancora è soltanto un ragazzo e si deve ancora guadagnare il diritto di uscire in pattuglia. Benjen spiega anche che, anche se ama la sua famiglia, gli uomini dei Guardiani della Notte sono i suoi veri fratelli. La mattina seguente, Benjen prima di partire dice a Jon che al suo ritorno avranno modo di parlare.

Jon torna nella sua stanza con Spettro, pensando a quanto gli manca la sua famiglia. I suoi pensieri vengono interrotti dall'arrivo di Grenn, Rospo e altre due reclute. Ognuno di loro è un prepotente, un delinquente arrivato alla Barriera per scontare i propri crimini. L'insulto di Grenn nei confronti della madre di Jon causa una piccola rissa, che presto vede Jon sopraffatto e messo a terra. Tuttavia, prima che i ragazzi possano colpire Jon, il fabbro Donal Noye interviene. Quando i ragazzi escono, Noye dice a Jon che i Guardiani della Notte hanno bisogno di ogni uomo e che non c'è nessun onore nell'uccidere un ragazzo come Grenn. Quando Jon insiste che lui aveva insultato sua madre, Noye gli fa notare che affermare una cosa non la rende vera. Noye quindi ricorda a Jon che appartiene alla confraternita per la vita, e il ragazzo riflette amaramente sul fatto che anche Donal Noye aveva una sua vita prima di prendere il nero dopo aver perso un braccio durante l'Assedio di Pyke. Jon afferma che gli altri lo odiano perchè è migliore di loro, ma Noye lo corregge, affermando che loro lo odiano perchè lui crede di essere migliore. Noye allora chiama Jon un bastardo e un prepotente. Sentirsi dire queste parole coglie Jon di sorpresa, perchè i suoi aggressori erano tutti più grandi e più grossi di lui. Noye gli spiega che lui ha umiliato le altre reclute, che non hanno alcun tipo di preparazione nell'uso della spada, mentre Jon era stato allenato da un abile cavaliere. Jon inizia a provare vergogna per questo, ma è ancora arrabbiato. Noye gli dice di iniziare ad accettare la sua vita alla Barriera e riconsiderare il modo in cui tratta i suoi compagni, oppure in alternativa di iniziare a dormire con una daga sotto al cuscino. Quando Noye esce, Jon alza lo sguardo verso la Barriera, una parete di ghiaccio bianco e azzurro che occupa metà del cielo e, al suo confronto, fa sembrare insignificante il Castello Nero al di sotto di essa. La Barriera è la struttura più grande costruita dall'uomo secondo Benjen, e la più inutile secondo Tyrion. Più antica dei Sette Regni, secondo Jon la Barriera rappresenta il confine del mondo.

Mentre Jon è immerso in questi pensieri, Tyrion lo sorprende dicendo che una cosa come la Barriera ti fa pensare a cosa ci possa essere oltre. Dal momento del suo arrivo, Jon ha avuto poche occasioni di incontrare Tyrion, che è stato trattato come ospite d'onore dagli alti ufficiali. Quando Tyrion chiede a Jon se è curioso di scoprire cosa ci sia oltre la Barriera, Jon risponde che non c'è niente di spaciale, quando in realtà avrebbe desiderato andare in pattuglia con suo zio Benjen. Quando Tyrion lo chiama "Lord Snow" per sbaglio, Jon si risente, quindi Tyrion gli chiede se preferirebbe essere chiamato "il Folletto" e gli ricorda che solo accettando le sue debolezze potrà poi trasformarle in punti di forza. Tyrion gli chiede di Spettro e Jon gli dice che è solito rinchiudere il metalupo nelle vecchie stalle durante l'allenamento, ma durante il resto del tempo rimane con lui nella sue stanze nella Torre di Harden. Tyrion credeva che quegli edifici fossero abbandonati, ma Jon spiega che ora che al castello ci sono pochi uomini, a nessuno importa dove qualcuno vada a dormire. Jon continua dicendo a Tyrion che dorme da solo perchè gli altri hanno paura di Spettro. Tyrion afferma che sono saggi a temerlo, poi fa riferimento al fatto che Benjen Stark è in ritardo nel tornare dalla pattuglia. Jon ricorda che suo zio sarebbe dovuto tornare in tempo per il suo compleanno, che ormai era passato da più di una settimana. Tyrion dice di aver sentito dire che molti ranger sono scomparsi recentemente.

Nella Sala Comune, Jon prende del cibo e sceglie un posto lontano dalle altre reclute, Tyrion quindi gli si siede di fronte. Ser Alliser interrompe la conversazione di Jon dicendo che il Lord Comandante vuole parlare con lui di un messaggio riguardo al suo fratellastro. Tyrion sospetta il peggio e cerca di confortare Jon. Il ragazzo si reca al maniero del comandante dove Jeor Mormont gli consegna un messaggio da parte di Robb da Grande Inverno. Il messaggio spiega che Bran si è svegliato, ma è rimasto paraplegico. Jon, felice per il fatto che il bambino è ancora vivo, torna da Tyrion. Di buon umore per la notizia, Jon si scusa con Grenn e si offre di spiegargli come difendersi dalla mossa con cui lo ha ferito. Ser Alliser afferma sarcasticamente che sarebbe più facile insegnare a un lupo come fare le capriole che addestrare Grenn al combattimento. Jon replica che accetta la scommessa, dato che gli piacerebbe vere Spettro fare le capriole. Tutti i presenti, incluso Grenn, iniziano a ridere. Vedendo Ser Alliser infuriato per la risposta insolente, Jon capisce di essersi fatto un nemico.

Lista dei Personaggi Apparsi/Menzionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti